Home Prodotti naturali Sako de Bae

Sako de Bae

228
0
CONDIVIDI

Sako de Bae™ è: un sacco totalmente personalizzabile che può diventare un sofà, una seduta o un cuscino e accogliere comodamente fino a quattro persone. Perfetto sia per interni che per esterni è ecologico ed ecocompatibile grazie alla innovativa tecnologia BRS – Bottle Recycle System.

Ironia, creatività e artigianalità accompagnano un nuovo modo di considerare la seduta classica: l’eccellenza del design e il made in Italy si sposano con la tecnologia dando vita a un prodotto che suscita emozione, divertimento, curiosità. 

E’ un prodotto di ottima qualità ideato, sviluppato e prodotto interamente in Italia. Unico: rappresenta un nuovo modo di interpretare la seduta.

Ecologico: grazie all’innovativo sistema BRS© permette di trasformare un problema, come lo smaltimento delle bottiglie PET, in una positiva azione di eco-marketing. Nuovo e multiuso, si presta sia come sofà, sia come cuscino a bordo piscina. Leggero, facile da usare e da spostare. Si fa notare per il suo design innovativo e originale. Il Sako de Bae™ si può svuotare e riempire all’infinito, per poterlo mettere via con il minimo ingombro possibile. Sako de Bae™ è attualmente disponibile in tre versioni:

Versione BRS©: Bottle Recycle System: il sacco è pensato per accogliere al suo interno circa 700/1400 bottigliette PET usate da 500 ml. Il comfort della seduta è garantito da una camera d’aria, con sistema brevettato, posta all’interno del sacco per fornire la necessaria stabilità alla seduta. Prezzo al pubblico da 390,00 a 520,00 euro.
Versione SFS©: il sacco viene riempito con 0,5/0,8 mc. di poliestere vergine in micro sfere per garantire un eccellente comfort di seduta e durata nel tempo. Prezzo al pubblico da 450,00 a 580,00 euro.
Versione Uovo: Sako de Bae™ ha esplorato anche il mondo dell’arredamento d’interni e, grazie all’anima in morbida piuma, supera i confini degli ordinari complementi d’arredo trasformandosi in un moderno oggetto di design. Prezzo al pubblico 720,00 euro.

 

Agnese Tondelli

Tratto da “affaritaliani”