Home Rimedi Naturali Rosa canina per curare raffreddore, influenza e mal di gola

Rosa canina per curare raffreddore, influenza e mal di gola

1504
0
CONDIVIDI

Le bacche rosse di rosa canina sono uno degli alleati più preziosi per affrontare serenamente l’autunno. Le piccole gemme possono essere raccolte in questo periodo, ma anche in inverno, e racchiudono rimedi naturali importantissimi per il trattamento di vari disturbi.

Le bacche di rosa canina tuttavia non sono adoperate solo come rimedio erboristico, ma vengono spesso utilizzate in cucina, per la preparazione di marmellate, tisane o liquori, anche grazie al loro buon sapore.

Queste gemme rosse sono una fonte ricca di vitamina C che, come abbiamo visto più volte, è una delle vitamine più utilizzate per rafforzare il sistema immunitario. Sono anche degli ottimi integratori di vitamine del gruppo B, vitamina K e vitamina P, oltre che di acidi grassi essenziali e di antiossidanti.

Studi scientifici hanno dimostrato che il consumo di rosa canina può apportare diversi vantaggi nei malati di artrite reumatoide, contribuendo a diminuire il dolore e la rigidità articolare e favorendo una sensazione di benessere generale.

Gli impieghi più diffusi delle bacche di rosa canina riguardano sia le bacche fresche che le bacche essiccate. Queste vengono adoperate per preparare tisane da bere ai primi sintomi di raffreddore, influenza, tosse o mal di gola . Ma non solo: sembra che siano utili anche contro i virus intestinali, per ridurre le infezioni del tratto urinario, nella prevenzione dei calcoli biliari e dei disturbi renali, contro la ritenzione, la gotta e come diuretico. Ancora, la rosa canina è adoperata:

  • per rafforzare il sistema immunitario: è un ottimo immunostimolante, utile a combattere i sintomi da raffreddamento;
  • come tonico, contro stress e stanchezza legati spesso anche al cambio stagionale. Inoltre, può rivelarsi utile anche nel regolare i bioritmi, rendendo la giornata energica e il riposo pieno;
  • contro le allergie, grazie ai suoi lievi effetti antistaminici;
  • per la circolazione: aiuta la circolazione sanguigna, sia per la presenza di vitamina C che per un’azione di protezione di vene e arterie. Inoltre, favorisce la diuresi.




Se avete la fortuna di raccogliere bacche di rosa canina fresche, attenti a consumarle nel giusto modo. Dividetele a metà ed eliminate semi e peluria, che possono irritare. Dopo di che, sciacquatele bene sotto l’acqua corrente. Potete mangiarle da sole, aggiunte a una macedonia o in frullati e bevande.

Preparare una tisana con le bacche di rosa canina è molto semplice. Potete adoperarle sia fresche che essiccate. Sminuzzatele e lasciatele in infusione con acqua bollente per circa 5-10 minuti. Poi filtrate e bevete. Non superate le 2 tazze al giorno.

Effetti collaterali

Come ogni cosa, anche le bacche di rosa canina possono avere effetti collaterali. Sovradosaggi possono causare nausea, vomito, crampi allo stomaco, mal di testa. Non assumetele durante gravidanza o allattamento. Attenzione se assumete farmaci come antiacidi, estrogeni, la rosa canina potrebbe influenzare l’assorbimento di alcuni componenti. Meglio quindi sempre confrontarsi con uno specialista.

(Foto: James Petts)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here