Home Alimentazione Biologica Rimedi naturali con fiori di stagione

Rimedi naturali con fiori di stagione

564
0
CONDIVIDI

La Primavera è ormai arrivata e con lei i primi fiori della stagione, vi diamo qualche spunto per poter utilizzare questi fiori anche per alcuni rimedi presi da vecchi libri di ricette naturali della nonna  ed eco-sostenibili:

Primula

I fiori della primula sono ricchissime di saponine triterpeniche (5-10%); la più importante è la primulina, e come infuso sono efficaci rimedi nel trattamento dell’insonnia, e del mal di testa.

Le radici della pianta contengono due eterosidi fenolici derivati dall’acido salicilico, la primaverina e la primulaverina, che si trasformano per idrolisi in derivati dell’acido salicilico, le cui virtù analgesicheantinfiammatorie e antireumatiche sono ben note: infatti si tratta delle stesse virtù che caratterizzano l’aspirina. La sua assunzione è indicata per calmare i dolori reumatici e nel trattamento della gotta, causata dalla presenza di acidi urici, per alleviare gli edemi o i gonfiori alle estremità, e per far riassorbire gli ematomi.

Inoltre la primula ha proprietà espettorante mucolitica, sotto forma di decotto, trova utilizzo nella cura della tosse, il raffreddore, bronchite e asma bronchiale,

L’infusione dei fiori si usa contro l’emicrania e l’insonnia. Si prepara con 4-6 gr di fiori, in infusione su una tazza di acqua bollente, per almeno 10 minuti. Se ne bevono 3 tazze al giorno e una prima di andare a dormire . Dalla primula di ricava anche un’olio, facendo macerare i fiori al sole e ponendoli in flaconi sigillati per almeno 6 settimane. Viene utilizzato per frizionare contusioni, ottimo per dolori muscolari e articolari, ma anche sugli edemi causati da traumi.

In caso di emicrania, possiamo ricorrere ad un infuso di fiori secchi di primula, 20gr, in un mezzo litro d’acqua. Dopo l’infusione di 10 minuti, passarlo al colino e berlo, rilassandovi e riposando.

Pesco

Il pesco è una pianta originaria della Cina. I fiori, profumatissimi, sono piccoli e di colore rosa chiaro o rosa tendente al fucsia. Dell’albero di pesco non si utilizzano solo i frutti, le dolcissime pesche, ma anche i fiori.

I fiori si raccolgono tra marzo e aprile, si fanno essiccare all’ombra e si conservano in recipienti di porcellana con chiusura ermetica o all’interno di vasi di vetro.

I fiori di pesco sono un ottimo rimedio naturale contro la tosse e contro la stitichezza. Nella medicina cinese sono da sempre utilizzati per curare anche i gonfiori addominali.
Naturalmente l’uso dei fiori di pesco come rimedio per questi disturbi, deve essere valutato da un esperto di fitoterapia, che ci consiglierà le dosi adatte a noi.

Con i fiori di pesco si può preparare un infuso, le cui dosi, come ho scritto prima, vanno prescritte da un medico esperto. L’infuso può essere addolcito con un cucchiaino di miele.
Per sedare la tosse, ma anche per regolarizzare l’attività intestinale e garantire un buon riposo notturno, l’infuso va preso prima di dormire.

Nell’uso familiare foglie e fiori di pesco sono anche noti per le virtù sedative e sono ideali per bambini nervosi. L’infuso si prepara con 50-60 gr di fogli e fiori in un litro di acqua bollente o anche di latte. Ne vanno bevute 2 – 3 tazze al giorno. Possiamo anche ottenere uno sciroppo, utilizzando un chilo di zucchero, va tutto preparato a bagnomaria. Ne vanno somministrate, ai bambini, da 8 a 30 gocce al giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here