Home Alimentazione Biologica Proprietà e benefici del gingko biloba

Proprietà e benefici del gingko biloba

1937
0

 

Il Ginkgo Biloba è una pianta originaria dell’Asia centrale, è stata fatta risalire a quasi 300 milioni di anni, ed è considerata un fossile vivente, la più antica specie di alberi sopravvissuti sulla terra.

I cinesi hanno usato la pianta medicinale per secoli l’estratto di Ginkgo ha dimostrato vantaggi per le persone anziane, questa erba antica agisce per migliorare l’ossigenazione e la memoria, la concentrazione, e altre facoltà mentali. L’estratto di erbe ha dimostrato che può migliorare in modo significativo problemi di vista e può invertire sui danni causati alla retina dell’occhio. Gli studi hanno confermato il suo valore anche nel trattamento della depressione nelle persone anziane. L’estratto di ginkgo può fornire sollievo per le persone con mal di testa, sinusite, e vertigini. Può essere utile anche, come ricerche evidenziano, nel ronzio cronico nelle orecchie.

Negli studi, il Ginkgo biloba è stato segnalato come un potente anti-ossidante in grado di migliorare le funzioni cellulari delle piastrine e dei nervi e il flusso di sangue al cervello e al sistema nervoso. Inoltre è stato segnalato come contribuisce alla riduzione della viscosità ematica, e la capacità di aumentare la dilatazione vascolare, può contribuire a ridurre i danni della retina a causa di degrado maculare e può invertire sordità causata da riduzione del flusso sanguigno.

Recentemente, una ricerca approfondita sul Ginkgo è stata condotta sulle proprietà curative dell’estratto di foglie, Germania e Francia hanno eseguito centinaia di studi sull’estratto di foglie, questi studi insieme con studi simili in America, hanno mostrato risultati indicativi. L’estratto di Ginkgo biloba è stato studiato per la sua efficacia nel trattamento del morbo di Alzheimer, l’arteriosclerosi cerebrale, insufficienza cerebrale, sordità cocleare, demenza, depressione, menopausa, la stimolazione della circolazione periferica e cerebrale, malattia vascolare periferica, sindrome di Raynaud, retinopatia, senilità, breve termine perdita di memoria, acufene, malattie vascolari, e vertigini.

I pazienti affetti da vari gradi d’insufficienza vascolare anche notato un miglioramento dell’umore durante l’assunzione di ginkgo biloba, utile quindi per i casi di depressione, soprattutto negli anziani. 

Più di 300 studi dimostrano come il ginkgo facilita il flusso di sangue, in particolare il cervello, dove tutela e promuove sia la memoria sia le funzioni mentali, anche per le persone colpite da Alzheimer.

Non si ha ancora una nozione precisa di come il ginkgo lavora per stabilizzare i casi di malattia, in alcuni casi, si è riscontrato come migliora la qualità della vita per chi soffre di questa malattia degenerativa. Gli scienziati hanno osservato che il morbo di Alzheimer è caratterizzato da una grave perdita di cellule nervose nel cervello, in particolare quelli nelle aree che controllano la memoria e il pensiero. Dato che i medici hanno trovato antiossidanti per aiutare a rallentare la distruzione dei nervi, notano come  le proprietà antiossidanti del ginkgo possano aiutare in tal senso.  

Come antiossidante, ginkgo biloba combatte i radicali liberi e le riparazioni dei danni molecolari. Una grande quantità di ricerche suggerisce che, come gli antiossidanti possono svolgere un ruolo importante nel prevenire o ritardare le malattie cardiache, tumorali e altre malattie. Gli antiossidanti possono anche fermare il danno alle cellule, rallentando l’invecchiamento.

Altro uso del ginkgo è nel trattamento d’impotenza, infatti, la principale causa d’impotenza maschile è la cattiva circolazione e il flusso di sangue alterato attraverso il pene, che è spesso il risultato di aterosclerosi. Grazie al ginkgo aumenta il flusso di sangue, è stato provato che può portare un miglioramento fino al cinquanta per cento dei pazienti dopo sei mesi di utilizzo.

Oltre a tutto questo il ginkgo sembra anche avere un’azione anti-infiammatoria che può essere utile in futuro in caso di trapianti di organi o anche nel caso della sclerosi multipla.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.