Home Alimentazione Biologica Nuove etichette nutrizionali: ecco cosa cambia

Nuove etichette nutrizionali: ecco cosa cambia

488
0
CONDIVIDI
Ecco come leggere le nuove etichette nutrizionali per alimenti

A dicembre entra in vigore la normativa europea sulle nuove  etichette nutrizionali. Come leggerle e cosa cambia nella vita del consumatore.

Anche voi controllate l’etichetta nutrizionale dei cibi prima di acquistarli? Fate bene! È sempre importante sapere cosa c’è nei prodotti che acquistiamo e mangiamo. Presto ci saranno delle novità: dal 13 dicembre del 2016 entrerà in vigore la nuova normativa europea sulle etichette alimentari. Cosa cambia per il consumatore? Tanto. Avremo più consapevolezza di ciò che mangiamo e potremo fare scelte più oculate. In attesa che le nuove etichette nutrizionali dei cibi siano apposte sui prodotti tra gli scaffali del supermercato, ecco una guida per aiutarvi a leggerle nel modo migliore.

Cosa sono le etichette nutrizionali

Le etichette nutrizionali integrano quella alimentare e definiscono le caratteristiche nutrizionali del prodotto. Quali sono i tipi di nutrienti di cui verremo a conoscenza? Proteine, grassi, carboidrati, fibre, vitamine e sali minerali che sono presenti nel prodotto confezionato. Il regolamento che la rende obbligatoria è il Reg. UE n 1169/2011, la normativa che regola le informazioni relative alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

Etichette nutrizionali: come leggerle

Per capire bene come funzionano le nuove etichette e come vanno interpretate, il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) ha realizzato una guida che è curata da Gabriella Lo Feudo. Puoi scaricarla qui. In sostanza, le indicazioni compariranno in un formato tabulare e saranno relative a:

1) Quantità dei grassi, di cui acidi grassi saturi

2) Carboidrati

3) Zuccheri

4) Proteine

5) Sale

Tutte le quantità degli elementi elencati, saranno relative a 100 grammi o 100 ml di prodotto.




Etichette nutrizionali: le informazioni facoltative

Sulle nuove etichette troveremo poi anche informazioni facoltative che riguardano acidi grassi mono-insaturi, acidi grassi poli-insaturi, polioli (sostanze presenti in piccole quantità nella frutta e utilizzate come sostituiti dello zucchero), amido, sali minerali e vitamine.

Etichette nutrizionali: non valgono per gli alimenti pre-incartati

La guida spiega poi quali sono gli ambiti in cui le etichette nutrizionali non saranno obbligatorie. Come per gli alimenti pre-incartati, quelli cioè offerti al consumatore senza pre-imballaggio, oppure imballati sui luoghi di lavoro. Esempi? Le piante aromatiche e le spezie, gli aceti di fermentazione, i prodotti non trasformati che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti, le acque destinate al consumo umano, incluse quelle che comprendono ingredienti aggiuntivi come anidride carbonica e aromi.

Il fabbisogno giornaliero consigliato

Nella parte conclusiva, la guida del CREA offre alcuni consigli sul fabbisogno giornaliero raccomandato. Ecco qualche dettaglio. Una corretta assunzione di proteine, per esempio, pesa sul 12-18 % rispetto all’apporto calorico giornaliero. I carboidrati di circa il 45/60% (vanno ripartire tra un 70-80% di carboidrati complessi e il 15%-20% tra gli zuccheri semplice). Mentre l’apporto di grassi non dovrebbe superare il 25-35% delle calorie totale (7-9% grassi saturi, 15%25% i grassi insaturi). Per il colesterolo siamo intorno ai 300 mg al giorno.

È essenziale imparare a leggere le etichette dei cibi che mangiamo. Molto spesso ne va della nostra salute e del nostro benessere psicofisico. Viste le polemiche degli ultimi giorni sul ‘falso biologico’, vi riproponiamo anche una guida su come riconoscere i veri prodotti biologici (per non farsi fregare).

Foto: U.S. Department of Agriculture on Flickr