Home Alimentazione Biologica Nuove etichette nutrizionali: ecco cosa cambia

Nuove etichette nutrizionali: ecco cosa cambia

803
0
CONDIVIDI
Ecco come leggere le nuove etichette nutrizionali per alimenti

A dicembre entra in vigore la normativa europea sulle nuove  etichette nutrizionali. Come leggerle e cosa cambia nella vita del consumatore.

Anche voi controllate l’etichetta nutrizionale dei cibi prima di acquistarli? Fate bene! È sempre importante sapere cosa c’è nei prodotti che acquistiamo e mangiamo. Presto ci saranno delle novità: dal 13 dicembre del 2016 entrerà in vigore la nuova normativa europea sulle etichette alimentari. Cosa cambia per il consumatore? Tanto. Avremo più consapevolezza di ciò che mangiamo e potremo fare scelte più oculate. In attesa che le nuove etichette nutrizionali dei cibi siano apposte sui prodotti tra gli scaffali del supermercato, ecco una guida per aiutarvi a leggerle nel modo migliore.

Cosa sono le etichette nutrizionali

Le etichette nutrizionali integrano quella alimentare e definiscono le caratteristiche nutrizionali del prodotto. Quali sono i tipi di nutrienti di cui verremo a conoscenza? Proteine, grassi, carboidrati, fibre, vitamine e sali minerali che sono presenti nel prodotto confezionato. Il regolamento che la rende obbligatoria è il Reg. UE n 1169/2011, la normativa che regola le informazioni relative alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

Etichette nutrizionali: come leggerle

Per capire bene come funzionano le nuove etichette e come vanno interpretate, il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) ha realizzato una guida che è curata da Gabriella Lo Feudo. Puoi scaricarla qui. In sostanza, le indicazioni compariranno in un formato tabulare e saranno relative a:

1) Quantità dei grassi, di cui acidi grassi saturi

2) Carboidrati

3) Zuccheri

4) Proteine

5) Sale

Tutte le quantità degli elementi elencati, saranno relative a 100 grammi o 100 ml di prodotto.




Etichette nutrizionali: le informazioni facoltative

Sulle nuove etichette troveremo poi anche informazioni facoltative che riguardano acidi grassi mono-insaturi, acidi grassi poli-insaturi, polioli (sostanze presenti in piccole quantità nella frutta e utilizzate come sostituiti dello zucchero), amido, sali minerali e vitamine.

Etichette nutrizionali: non valgono per gli alimenti pre-incartati

La guida spiega poi quali sono gli ambiti in cui le etichette nutrizionali non saranno obbligatorie. Come per gli alimenti pre-incartati, quelli cioè offerti al consumatore senza pre-imballaggio, oppure imballati sui luoghi di lavoro. Esempi? Le piante aromatiche e le spezie, gli aceti di fermentazione, i prodotti non trasformati che comprendono un solo ingrediente o una sola categoria di ingredienti, le acque destinate al consumo umano, incluse quelle che comprendono ingredienti aggiuntivi come anidride carbonica e aromi.

Il fabbisogno giornaliero consigliato

Nella parte conclusiva, la guida del CREA offre alcuni consigli sul fabbisogno giornaliero raccomandato. Ecco qualche dettaglio. Una corretta assunzione di proteine, per esempio, pesa sul 12-18 % rispetto all’apporto calorico giornaliero. I carboidrati di circa il 45/60% (vanno ripartire tra un 70-80% di carboidrati complessi e il 15%-20% tra gli zuccheri semplice). Mentre l’apporto di grassi non dovrebbe superare il 25-35% delle calorie totale (7-9% grassi saturi, 15%25% i grassi insaturi). Per il colesterolo siamo intorno ai 300 mg al giorno.

È essenziale imparare a leggere le etichette dei cibi che mangiamo. Molto spesso ne va della nostra salute e del nostro benessere psicofisico. Viste le polemiche degli ultimi giorni sul ‘falso biologico’, vi riproponiamo anche una guida su come riconoscere i veri prodotti biologici (per non farsi fregare).

Foto: U.S. Department of Agriculture on Flickr

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.