Home Rimedi Naturali Melatonina chiave dell’eterna giovinezza?

Melatonina chiave dell’eterna giovinezza?

8714
0
CONDIVIDI

Melatonina e invecchiamento: qual è il collegamento tra questi due elementi e perché il nostro corpo ha bisogno di melatonina per vivere?

Nell’immaginario comune, la melatonina è collegata al ritmo circadiano e alla qualità del sonno.

Questa sostanza, infatti, è secreta principalmente dalla ghiandola pineale, essenziale per regolare il ciclo sonno-veglia del nostro organismo. Eppure, il suo potere non si limita a questo.

Come accennato, la melatonina è sintetizzata e secreta dalla ghiandola pineale e ha un’azione diretta sia sull’ipotalamo che sull’ipofisi. La sua sintesi aumenta notevolmente durante le ore notturne, perché la luce provoca la liberazione nelle fibre sinaptiche di inibitori dell’enzima responsabile della metilazione della serotonina.

In genere, è assunta sottoforma di supplemento per trattare la sindrome del jet-lag e altri disturbi del ritmo sonno-veglia. Essa infatti è in grado di migliorare il sonno fisiologico. Il ritmo giornaliero di secrezione della melatonina è scandito, come già accennato, dall’alternanza luce-buio. Oltre a essere considerata un rimedio contro l’insonnia , ha proprietà antiossidanti e, in laboratorio, ha dimostrato di essere un valido alleato contro l’azione dei radicali liberi .

L’interesse della comunità scientifica nei confronti della melatonina è andato aumentando negli ultimi anni, in particolare in merito ai suoi effetti nei confronti dei tumori.

Uno studio pubblicato su Pub Med nel dicembre 2013, ad esempio, ha evidenziato come questa sostanza sia in grado di indurre la morte delle cellule cancerogene in diversi tipi di tumori. Tuttavia, il meccanismo attraverso cui tutto questo avviene non è ancora chiaro.

Parlando di melatonina, non si può non fare cenno alle teorie di un medico italiano, Walter Pierpaoli, che per diversi anni ha studiato gli effetti di questa sostanza nei confronti dell’invecchiamento.

Ogni essere vivente è soggetto a un naturale processo di invecchiamento. Come tutto il resto del nostro corpo, anche la ghiandola pineale nel corso degli anni invecchia, producendo un minor quantitativo di melatonina.

La teoria di Pierpaoli, in sintesi, dice che somministrare melatonina dall’esterno consente alla nostra ghiandola pineale di riposarsi e rigenerarsi, regolando meglio l’intero sistema ormonale.

E secondo il medico, l’invecchiamento non è altro che un programma ormonale-neuroendrocrino preciso, geneticamente determinato ed unico per ogni specie, situato nel “reticolo pineale”.




Quindi, somministrando la giusta quantità di melatonina, nel giro di pochi mesi il nostro organismo riuscirebbe a ottenere dei notevoli miglioramenti in termini di parametri metabolici che riguardano sia problematiche come glicemia, colesterolo, pressione alta, ma anche menopausa.

Per poter godere appieno dei benefici derivanti la somministrazione di melatonina, però, il medico suggerisce di associare questa sostanza a zinco e selenio: il primo come supporto del sistema immunitario e il secondo, invece, per il suo effetto antiossidante.

Secondo questa teoria, la melatonina sarebbe in grado di arrestare le malattie degenerative causa di decesso, come appunto l’ipertensione, l’arteriosclerosi, prevenendo anche la formazione del cancro. Il tutto, proteggendo e dando la possibilità alla ghiandola pineale di riposarsi, mantenersi giovane e lavorare più a lungo e meglio.

Poiché la pineale produce melatonina solo di notte, se noi laassumiamo la sera, la ghiandola viene messa a riposo. Così, si mantiene giovane e produce altre molecole fondamentali che manterranno lo stato giovanile di tutto il nostro corpo.

Oltre l’assunzione di melatonina, ci sono alcuni consigli pratici per mantenere in salute la nostra ghiandola pineale, come la pratica del Khechari mudra, un particolare esercizio che riattiva e riequilibra pineale e pituitaria, evitare prodotti a base di fluoro, ma anche proteggersi dai campi elettromagnetici (una cosa che a prescindere dovremmo fare), spegnere dispositivi elettronici almeno un’ora prima di andare a dormire e godere della natura, dell’esposizione all’aria aperta e del sole.

Dove trovare un’ottima melatonina sul mercato online? Ecco il link del nostro partner Anastore

(Foto)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here