MAGGIORANA

Maggiorana: proprietà benefiche, usi e controindicazioni della spezia prediletta dalla dea Afrodite

La maggiorana (Origarum majorana), appartenente alla famiglia delle Labiate, è una spezia originaria della Persia, anche se la si può trovare anche sui terreni a clima mediterraneo, fino agli 800 metri.

Parliamo di una pianta aromatica universalmente conosciuta come simbolo di felicità, serenità e fortuna, tanto da essere citata in svariati trattati.

Storia e proprietà benefiche

In un antico trattato viene così descritta: “E’ forse per la piacevolezza del suo odore che è pianta tanto grata alle donne, che non ve n’è quasi alcuna che non la pianti e curi con diligenza negli orti, o in vasi. Il succo distillato aspirato per il naso purifica e conforta il cervello”.

Diffusasi in Europa grazie ai Crociati, la maggiorata era conosciuta sin dall’antichità, dai Greci e dai Romani.

Forse, però, non tutti sanno che la sua immagine è legata alla dea dell’amore Afrodite: un’antica leggenda narra che sia stata proprio lei a coltivare per prima la spezia, attribuendole la sua particolare fragranza.

Proprio per questo, le giovani greche credevano che, lasciando un ramoscello di maggiorana sotto il cuscino, avrebbero visto in sogno il volto del loro futuro marito.

Ricca di minerali (ferro, calcio, rame, zinco, magnesio, potassio) e vitamine (A,B, C e K), contiene preziosi fitonutrienti fondamentali per la salute del nostro organismo (acido rosmarinico, tannini, flavonoidi) e vanta innumerevoli proprietà:

  • epatoprotettive
  • antiossidanti
  • cardioprotettive
  • anti-piastriniche
  • gastroprotettive
  • antibatteriche
  • anti-fungine
  • antinfiammatorie
  • antitumorali
  • calmanti
  • sedative
  • analgesiche

La maggiorana, quindi, può essere d’aiuto nei casi di:

MAGGIORANA
Maggiorana essiccata: oltre che un prezioso ingrediente culinario, si presta alla preparazione di infusi e tisane rilassanti e calmanti.

Ma non è tutto in quanto:

  • favorisce la digestione
  • contrasta le flatulenze
  • previene la degenerazione maculare senile
  • ha un ruolo positivo nel trattamento dell’Alzheimer
  • tiene sotto controllo il diabete di tipo 2
  • favorisce l’eliminazione di liquidi in eccesso, aumentando la minzione
  • gioca un ruolo importante nella pulizia renale
  • attenua gli spasmi muscolari
  • è un toccasana contro dolori muscolari e reumatici
  • come infuso, attenua naso chiuso e raffreddore

Utilizzi e controindicazioni della maggiorana

La maggioranza può essere utilizzata:

  • in cucina, per preparare piatti in cui è necessario un sapore deciso ma gradevole (pizza), abbinata a formaggi, ortaggi come melanzane e zucchine), pesce, crostacei. Le sue cime floreali fresche accompagnano bistecche, spezzatini e carne alla pizzaiola, oltre ad essere impiegata nella preparazione di liquori, conserve ed alimenti
  • per la preparazione di infusi e tisane dall’effetto calmante, sedativo e antistress
  • sotto forma di olio essenziale, applicato sulla pelle per contrastare macchie scure e iper-pigmentazione
  • come tintura madre, usata topicamente come antibatterico e anti-fungino
  • in omeopatia contro ansia e insonnia

Anche la maggioranza possiede delle controindicazioni: ne è sconsigliata l’assunzione in caso di ipersensibilità accertata verso una o più componenti, nei neonati e nei bambini piccoli.

controindicazioni, maggiorana, proprietà benefiche, utilizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto