Home Alimentazione Biologica I cibi che favoriscono il buonumore

I cibi che favoriscono il buonumore

1789
0
CONDIVIDI

Il cibo preparato con cura e mangiato con gusto può influenzare il nostro stato d’animo e la nostra salute. L’alimentazione, infatti, non è solo un modo per poter combattere infezioni e malattie, potenziando le difese del nostro organismo. È anche una via alternativa per aiutare il nostro umore. Ecco come.

CIBI RICCHI DI FERRO E DI VITAMINE DEL GRUPPO B PER COMBATTERE ANSIA E STRESS

Cibi ricchi di ferro e di vitamine del gruppo B, come fagioli, barbabietole, cereali integrali, aiutano il corpo a ridurre lo stress o gli effetti che un eccesso di cortisolo genera nel nostro organismo. Aiutano a rilassare mente e corpo e favoriscono l’ossigenazione dei tessuti.

Mirtilli

Quando siamo stressati e di cattivo umore, il nostro corpo potrebbe avere bisogno di vitamina C e antiossidanti per riparare e proteggere le cellule. I mirtilli, così piccoli e delicati sono dei potenti alleati contro l’azione del cortisolo e lo stress. Sono gustosi, ma sono anche nutrienti.

Spinaci

Ricchi di magnesio, un minerale che aiuta a regolare i livelli di cortisolo nell’organismo, gli spinaci sono un cibo della salute e dell’umore. Da consumare freschi nelle insalate o aggiunti alle vostre zuppe.

alimentazione corretta

ALIMENTI RICCHI DI OMEGA 3 PER COMBATTERE LA DEPRESSIONE

La depressione, in alcuni casi, è collegata a un’interruzione del flusso di alcune sostanze chimiche nel cervello, come la serotonina e la dopamina. Mangiare alimenti come cipolle, aglio e crucifere può aiutare a riequilibrare la presenza di queste sostanze del buonumore.

Gli alimenti ricchi di grassi Omega 3 stimolano la produzione di queste sostanze, fungendo da antidepressivi naturali.

Asparagi

Depressione e cattivo umore potrebbero anche essere collegati a bassi livelli di acido folico. Un vegetale che aiuta a introdurre questo nutriente nel nostro organismo è l’asparago.  Una tazza fornisce due terzi del valore giornaliero, ed è facile aggiungere gli asparagi in quasi ogni pasto.

Avena

Ecco un altro alimento che influisce sulla produzione di serotonina: l’avena. Ricca di benefici, Ha un’importante azione nel campo nervoso, possiede delle proprietà calmanti e ha un effetto simile a quello passiflora.

In generale, i cibi ricchi di vitamine e acidi grassi, non solo fanno bene alla salute, ma aiutano l’umore, riducendo gli stati di ansietà e di depressione.

Alcuni ricercatori avrebbero studiato i rapporti tra cibo e cervello, identificando 10 elementi che possono aiutarci a combattere il cattivo umore. Eccoli:

  • cromo: aiuta a metabolizzare il cibo e aumenta i livelli di serotonina e melatonina. La dose quotidiana consigliata è di 25 mcg per le donne e 35 per gli uomini. È contenuto in broccoli, uva e patate;
  • calcio: importanti soprattutto nella sindrome premestruale. Al link trovate le fonti vegetali di calcio: http://ambientebio.it/il-calcio-anche-senza-latticini/ ;
  • acido folico: aiuta le rigenerazione cellulare e regola i livelli di serotonina. Una carenza di acido folico può provocare stanchezza. La dose giornaliera consigliata per gli adulti è di 400 mg. Si trova in spinaci, asparagi, cavolini di bruxelles e avocado;


  • ferro: di questo minerale ne abbiamo già parlato a inizio articolo. Necessario per trasportare ossigeno e ridurre fatica e depressione, si trova in soia, lenticchie, mandorle, spinaci e tanti altri alimenti, anche di origine vegetale. Migliora le funzioni cerebrali e contribuisce al senso di felicità;
  • omega 3: la carenza di questi acidi grassi provoca stanchezza, poca memoria, depressione. Si trovano in broccoli, spinaci e frutta secca;
  • vitamina B6: aiuta la produzione di neurotrasmettitori. La dose consigliata è di 1,3 mg al giorno. Si trova abbondante, tra gli altri alimenti, anche nei pistacchi;
  • vitamina B12: la sua carenza è tra le più diffuse, soprattutto tra coloro che seguono una dieta vegetariana o vegana. Nel corso del tempo, la presenza di vitamina B12 è stata ipotizzata in alcuni alimenti adatti all’alimentazione vegana, come le alghe (alga spirulina in particolare) o i lieviti;
  • vitamina D: regola la crescita delle cellule e favorisce il buonumore. Essenziale per la salute, si ricava dall’esposizione alla luce del sole e, secondo una ricerca, anche dai funghi;
  • zinco: la dose giornaliera raccomandata è di 11 mg per gli uomini e 8 per le donne. Si trova nei cereali, nei semi di grano, nei semi di zucca e nel cioccolato amaro.

(Foto in evidenza: blogs.courant; foto interna: heerlijketenenleven)