Home Gravidanza Smagliature in gravidanza: come combatterle naturalmente

Smagliature in gravidanza: come combatterle naturalmente

710
0
CONDIVIDI

Le smagliature sono uno dei problemi estetici più temuti dalle donne, soprattutto dalle donne in gravidanza. La loro comparsa durante il periodo di gestazione dipende sia da fattori ormonali che meccanici, come il rapido aumento di volume.

In genere, la comparsa di questi antiestetici segni avviene durante il 6°-8° mese di gravidanza. Purtroppo, in molti casi, una volta che compaiono le smagliature possono solo essere attenuate; ecco perché diventa molto importante giocare d’anticipo, sia attraverso l’alimentazione, che attraverso alcuni piccoli rituali di bellezza da ripetere con costanza quotidianamente.

A tal proposito, il ministero della Salute ha pubblicato un interessante dossier contenente dei consigli in merito a come prevenire e trattare le smagliature durante la gravidanza.

Innanzitutto occorre precisare che le smagliature si presentano come delle bande lineari, singole o multiple, separate tra di loro da tratti di pelle sana. Sono delle cicatrici dovute alla frattura delle fibre di collagene che avviene a livello del derma. In genere, durante la gravidanza, colpiscono tre aree in particolare: addome, fianchi e seno.

Su addome e i fianchi, dove le linee di tensione cutanea sono orizzontali, le smagliature sono verticali; sul seno, invece, si presentano a raggiera.

rimedi naturali gravidanza

Come prevenirle

In gravidanza per prevenire la comparsa delle smagliature è possibile utilizzare diversi prodotti, alcuni dei quali completamente naturali, da applicare localmente. Tra i più utilizzati e conosciuti troviamo:

  • acido boswelico
  • elastina
  • collagene
  • vitamina E
  • antiossidanti
  • acido ialuronico
  • olii (di oliva, di mandorle dolci, e di germe di grano).

Per poter avere un risultato apprezzabile, questi prodotti devono essere applicati con costanza tutti i giorni, in modo da favorire l’elasticità dei tessuti.

Un altro prodotto molto efficace è il burro di cacao. Come per gli oli vegetali, il suo effetto viene potenziato quando i pori sono aperti, quindi sulla pelle umida, subito dopo di una doccia calda.

A proposito di oli vegetali, i più adoperati dalle donne in gravidanza sono l’olio d’oliva e l’olio di mandorle dolci. Sono anche i più delicati. Il primo viene leggermente riscaldato e applicato su fianchi e addome con massaggi delicati: questo favorisce la circolazione sanguigna, riduce i segni presenti e contribuisce a rendere più elastica la pelle.

All’olio di mandorle può essere aggiunto di tanto in tanto anche dell’olio di camomilla, avendo cura di massaggiare il composto direttamente sulle smagliature.

Il massaggio deve essere fatto per circa 20 minuti: un rituale di bellezza che potrete eseguire da subito, prendendo del tempo per delle coccole dolci per voi e per il vostro bambino. Il massaggio, inoltre, se protratto anche dopo il parto, aiuta una riduzione delle smagliature esistenti.


Alimentazione adatta

Come abbiamo detto all’inizio del nostro articolo, le smagliature possono essere sconfitte anche attraverso l’alimentazione. In particolare, è necessario assumere una dieta ricca di acqua, proteine, vitamine e antiossidanti, tutte sostanze utili a favorire l’elasticità della pelle.

Sì ad alimenti ricchi di vitamina E, come carote, pomodori, nocciole, farina d’avena, olio d’oliva, olio di germe di grano e olio di noci.

Dovrebbe essere integrata anche una buona quantità di vitamina C, utile sia a ridurre lo stress ossidativo, che a mantenere il contenuto di acqua del corpo. Via libera a frutta fresca e verdure a foglia verde.

Semi e noci sono ottimi per il loro apporto di zinco, utile a tonificare la pelle. Ricordate inoltre di mantenere il corpo idratato, bevendo il quantitativo di acqua indicato. Decisamente No al fumo, che, oltre alle altre conseguenze per la salute, rende la pelle meno elastica.

Anche l’esercizio fisico può aiutare, a patto che non sia caratterizzato da sforzi troppo intensi: oltre a non essere indicati in gravidanza, in alcuni casi, il fattore meccanico di stiramento della cute può contribuire alla comparsa delle smagliature.

Dopo il parto

Dopo il parto, l’evoluzione delle smagliature può variare: in alcuni casi questi segni sono destinati a rimanere per sempre, in altri possono andare incontro a una parziale remissione, diventando più sottili. Anche il colore è destinato a cambiare: da rosa o bluastro, diventa bianco perlato. L’importante, comunque, è continuare i trattamenti anche dopo che il bambino sarà nato. Se volete approfondire l’argomento, potete leggere il nostro articolo su come prevenire o rendere meno evidenti le smagliature: http://ambientebio.it/rimedi-naturali-per-prevenire-o-rendere-meno-evidenti-le-smagliature/.

(Foto in evidenza: images.idiva; foto interna: laura dye)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here