Home Rimedi Naturali Ginnastica posturale per combattere il mal di testa, ma solo per alcune...

Ginnastica posturale per combattere il mal di testa, ma solo per alcune tipologie

1766
0
CONDIVIDI

Il mal di testa è una condizione che accomuna circa due miliardi e mezzo di persone al mondo. Solo in Italia, sono circa nove milioni gli individui che soffrono di questo disturbo.

Questa condizione è spesso sottovalutata e, per alleggerire i fastidi che ne derivano, molti fanno continuo ricorso all’uso di farmaci che, nel tempo, portano alla cronicizzazione del dolore.

A soffrirne maggiormente sono le donne, in un rapporto di 5 a 1 rispetto agli uomini.

Esistono oltre 200 tipi differenti di mal di testa. Il più diffuso è l’emicrania, che interessa circa il 12% della popolazione mondiale e si presenta con crisi dolorose molto intense che, in alcuni casi, spingono il soggetto a isolarsi da rumori e luce.

Come riportato dalle agenzie di stampa, “l’Organizzazione mondiale della Sanità ha promosso una campagna globale contro le cefalee, considerate la settima malattia più disabilitante (in particolare per le donne tra i 15 e i 44 anni) e, per il dolore che provocano, paragonabile a infarto e colica renale. Il generico mal di testa si colloca al secondo posto per nuove diagnosi all’anno con la cefalea di tipo tensivo (20,77%, adolescenti compresi) e al terzo con l’emicrania (15%) dopo la carie dentale. Emicrania con o senza aura (i sintomi che la precedono); cefalea di tipo tensivo (ne soffrono uomini e donne allo stesso modo) e cefalea a grappolo (tipica patologia del sesso maschile, detta anche cefalea del suicidio) le principali forme di cefalea primaria. Poi ci sono le cefalee secondarie, dovute a cause esterne come traumi, tumori, lutti, separazioni”.

ginnastica posturale

Le cause di questo disturbo possono essere varie: ormoni, predisposizione genetica, familiarità.

Come dicevamo all’inizio del nostro articolo, uno dei rischi collegati a questo disturbo è legato all’abuso di farmaci che, oltre ad avere effetti collaterali, a lungo andare possono provocare la cronicizzazione del dolore.

Per evitare queste spiacevoli conseguenze ci si può affidare allora a soluzioni naturali e rimedi più “dolci”. Oltre ai rimedi naturali e alcune “dritte” sull’alimentazione, può tornare in nostro aiuto la ginnastica posturale.

Tra i benefici che derivano dalla pratica di questo tipo di esercizio fisico vi sono una migliore capacità polmonare e il rilascio di endorfine, sostanze prodotte dal cervello e dotate di un effetto eccitante e analgesico. Una migliore ossigenazione dell’organismo ha come conseguenza anche una migliore circolazione del sangue, spesso alla base del mal di testa.


Prima di iniziare a muoversi, però, è sempre bene consultare uno specialista, perché non sempre la ginnastica aiuta: si deve valutare caso per caso.

Come sottolinea il professor Francesco Di Sabato, dal 2004 direttore dell’unità operativa Diagnosi e cura delle Cefalee del Policlinico Umberto I di Roma: “Alcune forme si possono curare con la ginnastica posturale, ad esempio. Ma occorre fare attenzione con l’attività motoria. Lo sport infatti peggiora la situazione nel caso in cui la persona soffra di emicrania in fase acuta. Per la cefalea di tipo intensivo, infatti, è meglio una camminata a passo veloce o una biciclettata lenta”. Sulla prevenzione: “Evitare fattori scatenanti, come sono alcuni cibi (cioccolato, crostacei, formaggi stagionati, insaccati, frutta secca, bevande gassate, alcol), ma anche il freddo e il vento, lo stress e gli sbalzi di temperatura. Mai digiunare e dormire sempre le ore giuste”.

(Foto in evidenza: greatback; foto interna: pathoswellnessclub)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here