Home Fai da Te Come preparare un oleolito al gelsomino

Come preparare un oleolito al gelsomino

3978
0
CONDIVIDI
gelsomino

Non solo pianta ornamentale. Dal gelsomino si ricava un oleolito molto utile alla bellezza della vostra pelle. Ecco come prepararlo. 

Il gelsomino è la pianta più amata quando si vuole dare un tocco di eleganza in più alla propria casa. E’ sia arbustivo che rampicante, e appartiene alla famiglia delle Oleaceae. Se ne conoscono circa 200 specie, e si distinge per i suoi fiori dai petali piccoli e bianchi, ma anche gialli e rosati.

Viene coltivato non solo a scopo ornamentale, ma anche per produrre profumi e oli essenziali. La varietà a cui vengono attribuite proprietà officinali è il gelsomino comune o Jasminum officinale: fin dall’antichità era usata per curare i disturbi della sessualità.

Leggi anche: 8 fantastici benefici che vi faranno amare l’olio essenziale di cannella

Le proprietà del gelsomino

Il gelsomino è adatto a combattere l’insonnia, crea armonia a livello psichico e funziona da calmante in casi di ansia e stress, viene anche utilizzato in fitoterapia per i casi di depressione.
Il gelsomino è impiegato anche contro le affezioni del sistema respiratorio come tosse, raucedine, catarro e laringiti di lieve entità.

Ad uso interno, è consigliato anche in caso di dolori mestruali e dolori uterini in genere.

Leggi anche: Olio essenziale di limone: usi e autoproduzione

Come realizzare un oleolito di gelsomino

Ma ora vediamo insieme come preparare un olelito di gelsomino e sfruttarne a pieno tutte le sue proprietà. Il procedimento è abbastanza facile. Come per tutti gli oleoliti, le piante vengono messe in un contenitore di vetro scuro coperte da un olio vegetale, in cui sono lasciate a macerare per settimane. In questo modo le proprietà delle piante vengono trasferite all’olio, che poi viene utilizzato direttamente sul corpo.

Quindi, riempite un vaso di vetro con fiori freschi di Jasminum officinale e aggiungete dell’olio non eccessivamente profumato e che resista all’irrancidimento, come può essere quello di riso o di vinaccioli, oppure di jojoba. Riponete il barattolo di vetro in un luogo buio per almeno 20 giorni, avendo cura di scuotere il vasetto di tanto in tanto e di sostituire i fiori con altri freschi quando cambiano colore (all’incirca ogni 4/5 giorni).

Questo oleolito può essere usato da solo sulla pelle, o potete aggiungerne poche gocce alla vostra crema idratante.

Leggi anche: Olio di rosa mosqueta: come adoperarlo su viso, capelli e corpo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here