Home Rimedi Naturali Come superare l’ansia scolastica: rimedi naturali

Come superare l’ansia scolastica: rimedi naturali

3489
0
Come superare l'ansia scolastica

 

Come superare l’ansia scolastica? La miglior ‘medicina’ è la famiglia, ma possiamo intervenire con l’omeopatia e altri rimedi naturali.

Le scuole sono già aperte da qualche giorno e questa è forse una domanda che assilla molti genitori: come superare l’ansia scolastica? Le cause di questo disturbo sono tante e varie. Per i più piccoli, c’è il trauma della separazione. A cui si possono aggiungere altre cause di disagio e paura: bullismo, timore dell’insegnante, rendimento scarso, timore di deludere le aspettative dei genitori.

I timori sulle proprie prestazioni sono tra le cause più diffuse di ansia scolastica. Bambini e ragazzi hanno paura di essere ridicolizzati o rifiutati. Temono l’insuccesso, il giudizio negativo. Spesso non si sentono capaci di superare le prove che di volta in volta gli si pongono innanzi.

Come si manifesta l’ansia scolastica

A volte viene confusa con svogliatezza. A volte i suoi sintomi vengono presi per semplici capricci. In realtà il disagio può essere in molti casi reale e profondo. L’ansia da scuola colpisce tanti bambini e ragazzi sin dai primi anni di scuola e in alcuni casi li accompagna fino ai primi anni delle superiori.

Le persone non sono tutte uguali, così come non lo sono le manifestazioni d’ansia. Un genitore conosce bene il proprio bambino e forse riesce a ‘leggerlo’ meglio nelle sue espressioni esteriori.

Ci sono comunque alcuni segnali che possono indicare una certa ansia scolastica:

  • Paura, tremori, mente offuscata
  • Mal di pancia e testa
  • Crisi di panico prima di varcare la soglia della scuola o prima di uscire di casa
  • Calo del rendimento scolastico sul medio/lungo periodo
  • Perdita d’interesse per materie che prima gli piacevano
  • Stanchezza eccessiva
  • Aggressività nei confronti degli altri e dei compagni di scuola

Come superare l’ansia da prestazione a scuola

La famiglia è essenziale per affrontare un percorso di guarigione. Vediamo 6 cose che possiamo fare per tranquillizzare i nostri figli.

1. Mettere in prospettiva

Non è utile spingere bambini e ragazzi a primeggiare ad ogni costo. Bisogna accompagnare con una motivazione positiva l’impegno richiesto. Studiare, imparare e impegnarsi è importante e necessario. Ma per le giuste motivazioni, non per diventare primi in tutto. Verificate e gratificate i successi e i progressi dei bambini.

2. Obiettivi realistici

Non si può essere bravissimi o eccellenti in tutto. Ci sono bambini e ragazzi più portati per lo sport, altri per lo studio. Ci sono materie scolastiche più congeniali, altre meno. A volte i fallimenti, anche in un solo ambito, portano il bambino ad avere una bassa autostima. È importante spiegargli che le difficoltà possono essere superate e ad avere pazienza e costanza. Spronandolo a migliorarsi, ma senza pretendere la luna.




3. Libertà di scelta

Per evitare ansie da prestazione nelle attività extrascolastiche, lasciamo seguire ai bambini le proprie passioni. Non imponiamo le nostre scelte: chi mette passione in quello che fa, riesce meglio. Migliorando, al contempo, la propria autostima.

4. Spazio al relax

Riduciamo lo stress eccessivo: non riempiamo ogni ‘buco’ della giornata con attività. Lasciamo che si “annoino”: è importante avere spazi liberi, di relax e gioco libero. Così com’è importante avere dei bei momenti da trascorrere in famiglia, a casa.

5. Imparare l’insuccesso

È normale affrontare l’insuccesso. Tutti l’abbiamo vissuto, almeno una volta. È importante imparare da piccoli a convivere con la delusione e la frustrazione. Un calo di rendimento può essere occasionale: nessuno può eccellere sempre e comunque. Spieghiamo al bambino queste cose e portiamo anche esempi della nostra vita personale e professionale.

6. Essere obiettivi

Non cercare sempre colpevoli altrove e imparare a riconoscere un errore del proprio figlio. E portarlo anche ad assumersi, senza drammi, la propria parte di responsabilità. Per vivere serenamente è necessario poi collaborare con insegnanti, educatori, allenatori: essere solidali con loro aiuterà il bambino ad affrontare un vero percorso di crescita, sano e proficuo.

Come superare l’ansia: rimedi omeopatici

Per cercare di superare l’ansia scolastica possiamo ricorrere anche ad alcuni rimedi omeopatici.

Olio essenziale di lavanda e mandarino. Per un leggero effetto sedativo, possiamo ricorrere all’aroma terapia. Tramite l’olfatto, vengono comunicate ad alcune zone cerebrali la necessità di produrre determinati ormoni. Per i bambini, si può ricorrere agli oli essenziali di lavanda e mandarino, per una sensazione di relax immediata. Basta metterne qualche goccia su un fazzoletto di stoffa e fare inalare quando se ne sente necessità.

Mimulus. Tra i Fiori di Bach, il Mimulus sarebbe quello più adatto per gli insicuri. Se i bambini temono il confronto con gli altri, arrossiscono facilmente o diventano aggressivi a causa della timidezza, possiamo ricorrere a questo rimedio.

Walnut. Cambiare scuola, affrontare la pubertà, momenti di incostanza nello studio: per tutte queste situazioni, è possibile affidarsi al Walnut.

Altri rimedi

Come abbiamo detto, l’ansia è legata molto spesso alle prestazioni scolastiche. Per ridurla, dobbiamo fare in modo da migliorare quindi le possibilità di un buon rendimento tra i banchi. Possiamo intervenire in questo senso attraverso due aspetti fondamentali:

Foto: Lino M on Flickr

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.