Home Alimentazione Biologica Cibi fermentati: 10 buone ragioni per introdurli nella nostra dieta

Cibi fermentati: 10 buone ragioni per introdurli nella nostra dieta

2907
0
CONDIVIDI
Crauti tra i cibi fermentati più buoni e sani

La salute del nostro corpo dipende da quello che mangiamo. Ecco come i cibi fermentati ci aiutano a star bene.

“Ogni malattia ha origine dall’intestino”. Ippocrate, all’epoca, aveva intuito come la salute dipenda dal modo di lavorare dei nostri organi interni, in particolare dal nostro intestino. Del resto, lo sappiamo, i batteri buoni sono essenziali per il corretto funzionamento del nostro apparato digerente ma anche per la nostra salute. Ma come aiutare il lavoro del nostro intestino? Attraverso i cibi fermentati, che ci consentono di aumentare il numero di batteri buoni e migliorare la salute dell’apparato digerente, cardiovascolare e del sistema immunitario.

Sembra infatti che questi alimenti aiutino il nostro intestino nelle sue normali attività, arginando problemi inerenti a intolleranze, colon irritabile, debolezza, spossatezza. Ci regalano una sferzata di energia, consentendo al nostro organismo un migliore assorbimento delle sostanze nutritive utili alla nostra salute.

Cibi fermentati: alcuni esempi

Esistono diversi tipi di alimenti fermentati. Alcuni sono:

La maggior parte di questi alimenti possono essere facilmente realizzati in casa. In alternativa, è possibile acquistarli in qualsiasi negozio di alimenti biologici.

kefir_alimenti fermentati

Ecco una serie di benefici che i cibi fermentati possono apportare al nostro organismo.

1 Rafforzano la flora intestinale

Come abbiamo visto in un precedente articolo, i cibi fermentati aiutano a ristabilire l’equilibrio della flora batterica, migliorano la salute intestinale. Questo consente un migliore smaltimento dei rifiuti tossici presenti nel nostro organismo.

2 Per una mente più nitida

Il cervello si avvale dell’intestino per svolgere le sue funzioni. Questo organo, infatti, viene considerato come una sorta di secondo cervello che trasmette segnali e stimoli in relazione a sensazioni e stati d’animo interni ma anche esterni. Il cervello risponde anche in base a questi stimoli. L’intestino è in costante contatto con il sistema nervoso centrale, pur possedendo al tempo stesso una sua autonomia nel regolare le funzioni principali, come la digestione e la peristalsi. La salute dell’intestino, quindi, può influire sulla funzionalità della nostra mente.

3 Aiutano a mantenere un sistema immunitario sano

Il bilanciamento dei microrganismi presenti nel tratto intestinale è fondamentale per l’efficienza del sistema immunitario e i prodotti fermentati non pastorizzati possono essere di grande aiuto in questo compito. Se i batteri cattivi sovrastano quelli buoni, tossine e sostanze di scarto iniziano a diffondersi in tutto il corpo, scatenando una tempesta di infiammazioni che possono portare a malattie autoimmuni.

4 Disintossicano l’organismo 

I cibi fermentati sono considerati tra i migliori chelanti e agenti disintossicanti a nostra disposizione. Aiutano l’organismo a liberarsi non solo dalle tossine in eccesso, ma anche dai metalli pesanti attraverso le feci.

5 Mantengono bella la pelle

Quando il nostro organismo è sano, libero dalle tossine, tutti gli organi interni funzionano bene, con un beneficio generalizzato di tutto il corpo, anche della pelle. Diversi disturbi come acne, psoriasi ed eczemi migliorano o scompaiono.

6 Aiutano l’assimilazione delle sostanze nutritive 

I batteri intestinali aiutano la produzione di composti come le vitamine del gruppo B e la vitamina K2 necessaria per integrare il calcio nelle ossa.


7 Migliore conservazione del cibo

La fermentazione è una delle tecniche più usate nell’antichità per favorire la conservazione dei cibi che non richiedono in questo modo sostanze chimiche artificiali o refrigerazione.

8 Promuovono la perdita di peso

I cibi fermentati stabilizzano lo zucchero nel sangue, quindi bilanciano l’appetito, facendovi sentire più sazi, e creano un rilascio più uniforme e costante di insulina.

9 Bilanciano il pH

L’acido acetico e le fermentazioni alcaline portano l’organismo ai corretti livelli di pH. Una cosa molto importante in un contesto in cui i cibi fortemente acidi la fanno da padrone.

10 Aggiungono nuovi sapori alla vostra dieta

Fin qui abbiamo visto alcuni dei benefici che possiamo trarre dal consumo dei cibi fermentati. Tuttavia, è bene tenere presente che quando si assumono elevate quantità di questi cibi in breve tempo, potrebbero verificarsi alcuni disagi. Soprattutto se l’organismo non è abituato. Come per ogni cosa, dunque, è necessario partire con moderazione: questo eviterà il verificarsi di fastidiosi sintomi e favorirà un processo di disintossicazione dell’organismo sano e graduale.

(Foto in evidenza: jules; foto interna: Bad Reichenhaller)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here