aumentare le difese immunitarie cavolo

Cavolo: come cucinarlo per mantenere intatte le sue proprieta

Il cavolo, in tutte le sue forme, è uno degli alimenti più sani del mondo. Protegge il nostro corpo dalle malattie, rende la pelle luminosa, ci mantiene in linea e previene il cancro.

Questo preziosissimo alimento è ricco di vitamine (A, C, K), calcio, antiossidanti, sostanze antinfiammatorie e disintossicanti.

Ma come cucinarlo?

Le fibre e altri nutrienti presenti all’interno del cavolo rendono questo straordinario alimento a foglia verde un rimedio contro il colesterolo. Quando arrivano nell’intestino, infatti, le fibre legano gli acidi biliari e aiutano a controllare i livelli di colesterolo nel sangue e a ridurre il rischio di malattie cardiache.

Studi scientifici hanno dimostrato, però, che una cottura lunga delle verdure (come ad esempio la bollitura) o a temperature troppo elevate diminuisce notevolmente la quantità di sostanze nutritive. Si può arrivare a perdere fino al 50-80% di alcune vitamine e minerali. La stessa cosa avviene per il cavolo.

Il modo migliore per cucinare il cavolo è una rapida cottura a vapore di cinque minuti. Cinque minuti sono sufficienti per ammorbidire le fibre (cosa che rende più semplice la digestione) ed esaltare il sapore della verdura.

È necessario, però, assicurarsi di non andare oltre i cinque minuti.




Questa pratica sembra essere stata confermata anche da studi recenti che hanno dimostrato che la cottura a vapore del cavolo in realtà aumenta la sua capacità di combattere il colesterolo. Inoltre sembra che conservi inalterato anche il contenuto di clorofilla che, come abbiamo visto, è un potente antiossidante.

La cottura a vapore rapida non diminuisce il sapore del cavolo, lo rende semplicemente più facile da digerire, conservandone i benefici nutrizionali. È inoltre semplicissima da effettuare.

Dopo la cottura, se volete arricchire il vostro piatto, potete abbinare il cavolo ad altri ingredienti naturali altrettanto potenti per la nostra salute, come ad esempio:

  • Olio di oliva: per aiutare l’assorbimento di alcuni nutrienti liposolubili del cavolo, come carotenoidi e vitamine;
  • Succo di limone: per aiutare l’assorbimento del ferro, grazie al loro quantitativo di vitamina C;
  • Aglio: per aumentare la capacità “salva-cuore” di questa verdura e migliorare le sue proprietà antiossidanti, anti-infiammatorie e anti-virali.

Se siete degli amanti di altri super-alimenti, come ad esempio i broccoli, in un nostro precedente articolo abbiamo visto quali effetti possono avere le diverse cotture sui fitonutrienti presenti in questo ortaggio. In quell’occasione abbiamo visto, ad esempio, che bollitura e cottura a microonde sono le scelte peggiori e anche in questo caso, invece, quella a vapore la migliore. Potete approfondire l’argomento al link: http://www.ambientebio.it/come-cucinare-i-broccoli-per-conservare-le-loro-proprieta-antitumorali/

(Foto)

Cavolo, cavolo nero, cavolo proprietà, come cucinare il cavolo


Agnese Tondelli

La mia passione è sempre stata l'arte di creare con poco, e di riutilizzare le risorse per formare oggetti di nuova utilità. Per questo troverete numerosi articoli che riguardano il riciclo creativo e piccoli tutorial su come svolgere piccoli e grandi lavori domestici. Sono anche una mamma premurosa e mi piace dare dei consigli per vivere questo aspetto della nostra vita nel modo più naturale e sicuro possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter