cannabis

Il governo argentino legalizza l’auto-coltivazione della cannabis per uso medicinale

Cannabis per uso medicinale: il nuovo regolamento, in Agentina, autorizza la coltivazione domestica e la vendita nelle farmacie di oli e creme a base di cannabis. Per molti, la regolamentazione di questo farmaco è un passo sicuro contro la lotta al traffico di droga.

L’Argentina ha legalizzato l’auto-coltivazione controllata della cannabis medicinale, oltre a consentire la vendita di oli, creme e altri derivati ​​nelle farmacie autorizzate , secondo il nuovo regolamento firmato dal presidente argentino, Alberto Fernández, che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

È imperativo creare un quadro normativo che consenta un accesso tempestivo, sicuro, inclusivo e protettivo per coloro che hanno bisogno di utilizzare la cannabis come strumento terapeutico “, afferma la dichiarazione.

Tra gli altri aspetti che si distinguono da questo regolamento, la legge include l’autorizzazione alla coltivazione personale e in rete per utenti, ricercatori e pazienti che si iscrivono al National Cannabis Program (Reprocann), del Ministero della Salute.

“I pazienti possono registrarsi per ottenere l’autorizzazione alla coltivazione per se stessi, tramite un familiare, una terza persona o un’organizzazione civile autorizzata dall’Autorità di Vigilanza. Chi ha un’indicazione medica e ha aver firmato il relativo consenso informato, alle condizioni stabilite dal programma “, afferma il documento.

“Il presente regolamento istituisce un registro specifico per gli utenti che coltivano cannabis per scopi medicinali, terapeutici e / o palliativi, oltre a promuovere la creazione di una rete di laboratori pubblici e privati ​​associati che garantiscono il controllo dei derivati ​​prodotti.”

La legalizzazione della cannabis è una vittoria per attivisti e sostenitori del suo utilizzo per scopi medicinali. “Sono state organizzate reti e sono state create organizzazioni civili che attualmente godono non solo del riconoscimento legale, ma anche della legittimità sociale”, ha aggiunto il comunicato.

Inoltre, il regolamento consentirà di controllare la qualità dei suoi derivati , evitare di compromettere maggiori danni alla salute, ridurre il traffico illegale e anche aprire una nuova attività nel paese, per esportare e importare prodotti a base di cannabis.

cannabis medica, cannabis uso medicinale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.