Home Alimentazione e Salute California dice basta all’uso degli antibiotici negli allevamenti

California dice basta all’uso degli antibiotici negli allevamenti

1494
0
CONDIVIDI

Antibiotici utilizzati negli allevamenti intensivi: è stop in California. Lo stato americano ha varato nei giorni scorsi un’importante legge che proibisce l’uso di farmaci per aumentare la crescita degli animali, limitandolo alla sola cura in caso di malattie certificate da un veterinario. Un passo in avanti verso la salute e il benessere degli animali e degli uomini.

Da diverso tempo, infatti, si discute delle problematiche collegate all’utilizzo indiscriminato di antibiotici all’interno degli allevamenti. Una questione sintetizzata nelle parole di Jerry Brown, governatore della California: “L’uso indiscriminato degli antibiotici negli allevamenti ha contribuito all’emergere del fenomeno della resistenza, e mette a rischio l’efficacia di questi farmaci salva-vita”.

Il proliferare di batteri resistenti agli antibiotici è strettamente collegato a ciò che l’uomo mangia e, già da diverso tempo, alcuni stati europei stanno cercando di arginare il problema, regolamentando l’uso dei farmaci negli allevamenti.

Ora, la California prende una chiara posizione contro un fenomeno che Brown definisce “un problema urgente di salute pubblica“.

Secondo i Centers for Diseases Control and Prevention (CDC), sarebbero circa due milioni all’anno gli americani infettati da batteri resistenti ai farmaci; di questi, 23.000 muoiono per cause direttamente riconducibili a una o più di quelle infezioni.

Per questa ragione, da anni, le associazioni a tutela dei consumatori, i produttori biologici e gli ambientalisti cercano di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti di un fenomeno rischioso che ha bisogno di una regolamentazione più stringente, come ad esempio quella presente in Europa.

Nel nostro continente, inizialmente si è deciso di limitarne l'impiego alle sole molecole non utilizzate per la cura di uomini e animali, per giungere nel 2006 ad abolirne del tutto l'uso, proprio a causa dei rischi legati alla formazione di ceppi patogeni antibiotico-resistenti.

In America la situazione è completamente diversa: qui, gli antibiotici sono ampiamente utilizzati in zootecnia, sia da carne sia da latte.  La California è il primo stato ad aver deciso di prendere dei provvedimenti seri in merito. La legge, controfirmata dal governatore entrerà in vigore, però, solo dal 1° gennaio 2018. Un ritardo che, secondo il Los Angeles Times, sarebbe stato "strappato" dalle associazioni degli allevatori, inizialmente contrari alla regolamentazione.

Dal 2018, sarà vietata la vendita di antibiotici umani per uso veterinario come prodotti da banco e l'utilizzo sarà circoscritto al trattamento di specifiche infezioni. Vietato l’impiego dei farmaci come promotori della crescita o come terapia preventiva su animali sani.

Secondo la Reuters, accanto a questo tipo di azione, lo Stato della California metterà in piedi un sistema di monitoraggio, attraverso il Department of Food and Agriculture.

Forse, lentamente, l’utilizzo insensato dei farmaci antibiotici all'interno degli allevamenti intensivi sta volgendo al termine, frutto di una maggiore attenzione da parte dei consumatori e di un'inversione di tendenza nelle scelte alimentari.

(Foto: Marilyn Peddle)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here