BACCHE BIANCOSPINO

Bacche di biancospino: amiche del cuore, benefiche, gustose in cucina ma occhio alle controindicazioni

E’ sempre rilassante, salutare e piacevole avventurarsi tra boschi, macchie, cespugli e pendii erbosi alla ricerca dei doni che Madre Natura sa regalarci, proprio come le meravigliose bacche di biancospino.

Come noto, esse vengono raccolte dall’arbusto noto scientificamente come Crataegus monogyna, che forma un intrico di rami spinosi dalla corteccia grigio-chiara, con foglioline verdi, luminose e increspate.

Originarie dell’Europa settentrionale, queste bacche appartengono alla stessa famiglia delle piante di mele e di rose e sono note sin all’antichità come rimedi naturali in grado di alleviare molte patologie.

Proprietà benefiche delle bacche di biancospino

Le bacche di biancospino sono consigliate contro:

  • ipertensione
  • alti livelli di colesterolo cattivo
  • aritmia cardiaca
  • angina
  • miocardie
  • insufficienza venosa
  • aterosclerosi
  • tachicardia
  • aritmia
  • extrasistole

Ma non è tutto, in quanto :

  • sono diuretiche
  • astringenti
  • anti-diarroiche
  • digestive
  • evitano i crampi
  • combattono la ritenzione
  • fungono da blando ansiolitico e sedativo, oltre che da spasmolitico
  • contrastano l’insonnia
  • favoriscono il rilassamento psico-fisico
  • contrastano gli effetti nocivi dei radicali liberi

Le controindicazioni nell’utilizzo della bacche di biancospino sono veramente poche. Se ne sconsiglia l’utilizzo in caso di ipotensione o se si assumono ipotensivi di sintesi.

BACCHE BIANCOSPINO
Salute del cuore: le bacche di biancospino prevengono angina, aritmia e extrasistole.

Come preparare la marmellata di bacche di biancospino

Forse non tutti sanno che dalle bacche di biancospino si ricava una marmellata davvero gustosa.

Ingredienti:

  • 200 ml di acqua
  • 10-30 grammi di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di cannella
  • un pizzico di zenzero in polvere
  • 100 grammi di bacche di biancospino

Procedimento:

  • lavate con cura in acqua calda le bacche e mettetele in un pentolino d’acqua bollente
  • lasciatele in ammollo per 10 minuti in modo da farle ammorbidire
  • scolatele con un colino senza buttare l’acqua di cottura
  • macinatele con l’ausilio di un mortaio, bagnandole, di tanto in tanto, con l’acqua di cottura per consentire l’estrazione della polpa
  • dopo circa 15 minuti avrete nel colino solo bucce e semi
  • mescolate il succo ottenuto, versatelo in un pentolino e fate cuocere a fuoco basso
  • aggiungete lo zucchero nella quantità desiderata la cannella e lo zenzero
  • mescolate fino ad ottenere un composto denso e profumato

La marmellata di bacche di biancospino è ottima spalmata su pane e fette biscottate, oltre che come confettura d’accompagnamento a carni bianche e rosse.

Nei libri di cucina odierni le ricette che prevedono l’utilizzo di queste bacche non compaiono quasi più ma è noto che in passato le classi più povere le utilizzassero, una volta essiccate, per ridurle in farine o mescolarle alla pasta del pane.

bacche di biancospino, controindicazioni, marmellata di bacche di biancospino, proprietà benefiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto