tripofobia

Tripofobia: cos’è e i sintomi per capire se ne soffri. Come affrontare le paure

Come si spiega la fobia, la paura o la repulsione che si generano in certe persone quando si guardano o si trovano vicino a figure geometriche molto vicine tra loro, specialmente buchi e / o piccoli rettangoli? Il suo nome è la Tripofobia

Si potrebbe dire che la tripofobia, a volte chiamata fobia del modello ripetitivo o paura dei buchi, è la paura o la repulsione generata quando si guardano o si sono vicini a figure geometriche ravvicinate, in particolare piccoli fori e rettangoli di dimensioni molto piccole e brevi distanze. l’un l’altro .

Non è incluso nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders dell’American Psychiatric Association , ma è indubbiamente importante il numero di persone che hanno rigetto, repulsione e / o paura di oggetti con piccoli fori agglomerati, come quelli visti. nei favi, nei formicai, in certi funghi e nei frutti di loto .Alla fine di questo articolo, sono incluse 8 immagini per sapere se una persona è tripofobica.

Le testimonianze dirette di persone tripofobiche

Julia Magnin (26), laureata in Relazioni Pubbliche e Istituzionali e coordinatrice del volontariato aziendale per un’azienda energetica, è tripofobica e la vive come una repulsione verso questo tipo di immagini geometriche agglutinate : “Nel mio caso non è una fobia di per sé, ma è disgusto, rifiuto, disagio , ho paura che questi schemi rimarranno sulla mia pelle ”.

“Ad esempio, se vedo le bolle, ho paura di toccarle e la mia pelle rimane così, come se mi infettasse, per così dire, ecco perché la mia bruciatura mi disgusta così tanto”, aggiunge. Fatto sta che pochi giorni fa la giovane si è bruciata una gamba con una stufa e sul suo corpo è rimasto un segno che le ricorda queste figure agglomerate .Julia Magnin è stata bruciata dalla stufa e il dolore è stato doppio, poiché sulla sua pelle è stato lasciato un segno che genera tripofobia (Foto: per gentile concessione di Julia Magnin)Julia Magnin è stata bruciata dalla stufa e il dolore è stato doppio, poiché sulla sua pelle è stato lasciato un segno che genera tripofobia (Foto: per gentile concessione di Julia Magnin)

Per Julia, “potrebbe essere qualcosa di primitivo, forse prima che i nostri antenati realizzassero una negatività in qualcosa solo guardandolo e andassero in uno stato di allerta”.

Consultata da Infobae per quanto riguarda quando si è accorta di soffrire di tripofobia, Julia ha spiegato: “ Era una scatola di tonno che ho trovato sulla sabbia che è stata tutta fatta bolle dal sole. Per prima cosa l’ho afferrato perché potevo vedere che qualcosa stava brillando, ma non sapevo cosa fosse. E quando l’ho visto e toccato, stavo davvero male, l’ho lanciato il più lontano possibile. La cosa peggiore che mi è successa è stata con un favo di api, già disabitato, che mio fratello ha portato a casa, lì ho pianto, e ho rotto tutto il favo perché mi ha fatto molto male vederlo.

Ecco un’altra testimonianza di una persona affetta da tripofobia : “Il mio è iniziato da bambino, mi è successo molto quando ho incontrato certe strutture con forme che assomigliano a quella che oggi posso identificare come tripofobia, e in quel momento ho sentito un rifiuto costante a quei tipi di forme che persistono oggi”.

“La mia più grande paura a questo proposito è sempre stata che queste figure si attaccassero alla mia pelle, avevo molta paura di scoprire che all’improvviso la mia pelle aveva dei buchi uno accanto all’altro nel modo più simmetrico possibile, mi ha portato la paura che in qualche modo questi buchi o figure appaiano in me ”, ha aggiunto.Molte delle persone colpite concordano sul fatto che più che una fobia, la tripofobia è un rifiuto o repulsione di piccole immagini geometriche insieme e agglutinate (Shutterstock)Molte delle persone colpite concordano sul fatto che più che una fobia, la tripofobia è un rifiuto o repulsione di piccole immagini geometriche insieme e agglutinate (Shutterstock)

Come le persone capiscono di essere tripofobiche

Nel momento in cui mi imbatto in qualcosa che ha una forma simile e viene raggruppato insieme ad altri oggetti simili, più grandi sono i piccoli cerchi, nel mio caso è peggio e provoca il maggiore rifiuto, sento persino di essere si attaccherà alla mia pelle e quei piccoli cerchi inizieranno ad aprirsi sulla mia stessa pelle, è una sensazione orribile

” Questo rifiuto mi ci è voluto davvero molto tempo per identificare e sapere bene di cosa si trattava , ma nel tempo ho potuto vedere che la mia paura era dovuta al fatto che quegli schemi sarebbero stati ‘contattati’ nel mio corpo, e la mia più grande paura è quella di avere un giorno un problema, infezione o condizione della pelle che genera questo tipo di buchi o strutture, con questo aspetto credo di non poterlo sopportare direttamente ”.

Riguardo a come si è reso conto che questa repulsione era importante, un testimone ha precisato: “Ho cominciato a rendermi conto del profondo rifiuto che generava in me, al di là del fatto che all’inizio non capivo bene di cosa si trattasse, la mia fame se ne andò e persi completamente la voglia di mangiare, quando per qualche motivo ho visto un qualche tipo di queste strutture, con queste forme, e subito ha generato una certa angoscia che ha chiuso automaticamente il mio stomaco.

La mia più grande paura è di avere un giorno un problema, un’infezione o una condizione della pelle che genera questi tipi di buchi o strutture, per questo motivo penso di non poterlo sopportare.

Per Belén Mosna (27), che studia Medicina presso l’UBA, il suo primo contatto con la tripofobia, “è stato qualcosa di accidentale, navigando in Internet circa 10 anni fa mi sono imbattuta in una nota su questa fobia e ho avuto una foto di buchi nella pelle di una persona da cui sono emersi i vermi ”.

Mi provoca nausea e brividi, inoltre sì o sì devo distogliere lo sguardo e rimuovere rapidamente l’immagine.

 Inoltre, nel mio caso, la tripofobia accentua la mia fobia dei ragni, a causa delle loro molteplici paia di occhi ”.

I disturbi d'ansia sono tanti e molto comuni, è un argomento di cui si parla molto e si sa pocoI disturbi d’ansia sono tanti e molto comuni, è un argomento di cui si parla molto e si sa poco

LEGGI ANCHE:

Paura di volare? Ecco i consigli e i rimedi naturali

5 Oli essenziali che ci aiutano a combattere la paura

Amigdala: come funziona la parte del cervello che governa paure e angoscia e rabbia

Agorafobia: cos’è e come si manifesta la paura degli spazi aperti

Il parere dello psicologo sulla tripofobia

Il responsabile del dipartimento di psicologia Dr. Julio Mendez e il coordinatore delle attività di assistenza umanitaria dell’ospedale Borda , Ricardo Antonowicz (MN 11556), hanno spiegato: ” La fobia ha per noi il valore di un sintomo che distribuisce lo spazio in due luoghi: uno in cui sono libero dall’angoscia e un altro in cui si scatena l’angoscia . La fobia non risolve, ma denuncia ciò che non funziona nella struttura psichica. L’importante è ascoltare ciò che dice la fobia e non sopprimerla somministrando farmaci. Esistono molte modalità fobiche ”.

“Non c’è una sola paura. Praticamente tutti possono averla . La fobia ha a che fare con l’oggetto. Non ci sono casi puri ma sintomi nevrotici. La fobia cerca di localizzare l’angoscia da qualche parte. La tripofobia denuncia la paura del vuoto, di essere intrappolati in un buco che blocca la possibilità di desiderare ed esprime la paura che la soggettività rimanga intrappolata in quel minuscolo spazio ”, ha detto lo specialsita.

Secondo Antonowicz, "non c'è una sola fobia. Quasi tutti hanno qualche fobia"

Da parte sua, per lo psichiatra e psicoanalista, ex membro dell’Associazione Psicoanalitica Argentina (APA) Dr. Pedro Horvat (MN 70,936), ” tutte le fobie lavorano con lo stesso meccanismo, attraverso lo spostamento “. Cosa significa questo? Come specificato da Horvat, c’è un famoso caso clinico di Sigmund Freud in cui un padre camminava mano nella mano con un bambino, per strada, e il padre era molto arrabbiato e lo stava sfidando; questa è una storia vera accaduta nel 1900 a Vienna: mentre il padre urlava al figlio, in quel momento un cocchiere perde il controllo e il cavallo che lo tirava cade con la carrozza che cade sopra al cavallo: scena terrorizzante per il bambino.

Quando è cresciuto, il figlio di questo signore ha sofferto di terrore dei cavalli, ha consultato il dottor Freud e nell’analisi scopre che si trattava effettivamente di uno spostamento, ciò che aveva generato tanta paura della scena non era la sorpresa, ma ciò che era associato ad esso, cioè la rabbia di suo padre, e che il vero conflitto era con suo padre , che in quel momento lo urlò e lo minacciò.

“ Il meccanismo della paura è lo spostamento, c’è un’immagine o una situazione originale, repressa che mi disturba , e la paura si sposta ad un’altra, o per associazione diretta, nel senso che le immagini assomigliano ai significati; oppure da qualche nesso di significato o da un nesso temporale come avvenuto con l’esempio del cavallo di Freud ”, ha spiegato l’esperto.

“ Nel caso di figure geometriche, tenderei a pensare che si tratti di uno spostamento per associazione di immagini corporee , perché qualcosa, magari nella visione di certe immagini corporee, molto spesso sessuali o di altro tipo, genera angoscia, che ri reprime e si muove su qualcosa “.

Per lo psichiatra e lo psicoanalista, ” bisogna accettare certe definizioni generali e guardare la persona in particolare, ogni caso, perché ci sono tante fobie quante sono le persone , teoricamente potrebbe esserci una fobia di qualsiasi cosa, poiché ciò che conta è ciò che l’angoscia è spiazzata ”.

Alcuni scienziati hanno scoperto che anche coloro che non sono respinti da questi tipi di immagini tripofobiche spesso si sentono a disagio nel guardare un mucchio di piccoli fori insieme . Così come le linee possono causare mal di testa e luci tremolanti che possono indurre convulsioni, un gruppo di buchi potrebbe avere effetti psicologici sul cervello, generando nausea, disagio, repulsione. Un caso controverso si è verificato alla presentazione dell’Iphone 11 , dove molti utenti hanno affermato di aver provato la tripofobia con la tripla fotocamera del dispositivo mobile .Per superare le fobie, dobbiamo essere determinati, non essere delusi se i cambiamenti richiedono tempo per apparire, valutare tutti i nostri progressi e fissare obiettivi chiari e possibili.Per superare le fobie, dobbiamo essere determinati, non essere delusi se i cambiamenti richiedono tempo per apparire, valutare tutti i nostri progressi e fissare obiettivi chiari e possibili.

Test fotografico per scoprire la tripofobia

Il ricercatore, Arnols Wilkins , professore emerito presso l’Università dell’Essex, teorizza che i principi matematici nei modelli richiedono che il cervello utilizzi più ossigeno ed energia, il che può essere stressante.

” Queste immagini hanno le stesse proprietà statistiche e sono intrinsecamente difficili da elaborare per il cervello, in parte perché ci siamo evoluti per guardare le immagini complete in natura “, ha detto Wilkins in un’intervista al Washington Post. “Sappiamo che le immagini sono difficili da elaborare computazionalmente dai neuroni che sono costretti a utilizzare più energia cerebrale”.

Le foto di favi e fragole – comuni fonti di orrore per le persone con tripofobia – condividono anche caratteristiche matematiche con viste più sinistre come muffe o lesioni cutanee.

Altri ricercatori suggeriscono che il disagio potrebbe derivare da una spinta innata a prevenire malattie infettive e cibo contaminato . Alcuni hanno addirittura ipotizzato che la paura possa derivare dall’evoluzione di una risposta ad animali pericolosi come le rane velenose e gli insetti, che spesso mostrano modelli simili a quelle foto tripofobiche .

ATTENZIONE – IMMAGINI SENSIBILI PER PERSONE CON TRIPOFOBIAinfobae-immagineinfobae-immagineinfobae-immagineinfobae-immagineinfobae-immagineinfobae-immagineinfobae-immagineinfobae-immagine


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.