hoponopono

Ho’oponopono l’arte del perdono: quali i vantaggi e come inziare a praticarlo?

Ho’oponopono: Questa antica arte hawaiana ci invita a praticare il perdono per mantenere sani legami con il nostro ambiente. Come implementarlo?

Una volta che ti perdoni, l’auto-rifiuto nella tua mente è finito. Inizia l’accettazione di sé e l’amore per se stessi crescerà così forte che alla fine ti accetti così come sei. Questo è l’inizio dell’umano libero. Il perdono di sé è la chiave. ”  ~ Don Miguel Ruiz

Ti sembra che la tua felicità dipenda dal capriccio di ogni circostanza che ti capita? Perdi il lavoro, una relazione va in pezzi, hai una crisi di salute e sembra che tutto il tuo mondo crolli intorno a te. Queste montagne russe emotive possono farti sentire così impotente.

Riconoscere il colore della propria aura e il suo significato

Non può essere evitato. I fattori esterni ti influenzeranno. Eppure puoi recuperare le forze e rimetterti a posto con te stesso praticando un’antica disciplina hawaiana chiamata Ho’oponopono.

Sin dai tempi antichi, le comunità in diverse parti del mondo hanno mantenuto tradizioni che continuano nel tempo. Sono legati alla guarigione del corpo e della mente, applicando la saggezza dei loro antenati. Uno di questi è appunto ho’oponopono.

Reprimere le emozioni: 3 motivi per cui non dovresti farlo

Le sue origini sono associate alle culture polinesiane, da cui derivano numerose terapie di questo stile. Secondo il dizionario hawaiano, ho’oponopono significa ordinare, aggiustare, modellare, rivedere e persino fare una “pulizia mentale” .

Lo scopo di questo rituale era quello di sanare i legami all’interno delle famiglie, risolvere i problemi insieme e rafforzare l’unità. Si credeva inoltre che gli errori umani avessero un impatto sulla loro salute , trasformandosi in malattie.

Attualmente è ampiamente utilizzato nel campo dello sviluppo personale. Sebbene il modo di incorporarlo stesse mutando, le sue basi rimangono le stesse: promuove il perdono per liberarci dai pesi emotivi e guarire le nostre relazioni.

Ho’oponopono: come mettere in pratica?

Questo rituale si basa sull’analisi e l’ individuazione di qual è la situazione che ci causa angoscia e fastidio . Possiamo praticarlo da soli o in gruppo, proprio come facevano gli antichi popoli hawaiani.

È importante essere consapevoli che, anche senza intenzione, anche noi stessi possiamo sbagliare ed è necessario assumersi la responsabilità. In questo modo, ho’oponopono li invita a liberarci da quei fardelli , pronunciando parole che ci inducono a liberarci dalla colpa.

Per “purificarti” dai cattivi sentimenti, recita ripetutamente il seguente mantra mentre sei seduto con gli occhi chiusi, come una sorta di meditazione.

La preghiera ho’oponopono va così:

“Mi dispiace, ti prego perdonami, grazie, ti amo.”

Questo è tutto. E non è qualcosa che tutti dobbiamo sentire? “Mi dispiace, ti prego perdonami, grazie, ti amo.” È molto toccante, soprattutto considerando quanto siano semplici e universali queste parole.

Con la pratica regolare, recitare queste quattro semplici frasi aiuta a sviluppare l’amor proprio e l’autostima nei momenti in cui ne abbiamo più bisogno. In questo modo, è sia una ninna nanna per se stessi che un modo intuitivo garantito per avvicinarsi al perdono degli altri.

La maggior parte delle persone, quando tenta di perdonare gli altri o se stessa, commette l’errore di pensare che il perdono = l’assoluzione totale o la cancellazione del male. Questo in definitiva è inutile perché ignora i sentimenti feriti, che inevitabilmente riemerge in seguito se non vengono affrontati.

Al contrario, il vero perdono non significa dimenticare. Invece, riconoscendo prima il male, ho’oponopono consente a tutte le parti di sedersi e mantenere lo spazio per questi sentimenti. In primo luogo, riconosciamo che il problema esiste. Quindi, quando siamo pronti, facciamo la scelta consapevole di andare avanti.

Il vero perdono, inoltre, richiede sia l’attenzione e in tenzione. Se eseguita correttamente, è una delle sensazioni più liberatorie che ci siano, come se fosse stato sollevato un peso invisibile.

ho'hoponopono


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto