Vivere senza plastica si può

Vivere senza l’uso della plastica può sembrare assurdo e invece è possibile. Sicuramente questo può comportare alcuni sacrifici, ma è sicuramente una forma di rispetto per l’ambiente e per la propria salute. Oltre a tutto ciò comporta anche un notevole risparmio a livello economico.Lo ha dimostrato una famiglia austriaca. La madre e’ una fisioterapista di quarant’anni e vive vicino alla citta’ di Graz con il marito e i tre figli. Tre anni fa ha sfidato i suoi figli a vivere senza plastica. La famiglia ha cacciato fuori di casa tutti gli oggetti contenenti plastica, dai giocattoli alle scatole di pranzo, dai mobili da giardino agli elettrodomestici e addirittura ai vestiti. La promotrice dell’iniziativa si chiama Sandra Krautwaschl e ha scritto un libro sulla esperienza intitolato Plastikfreie Zone. “Credo che sia come vivere senza televisione: in un primo momento sembra difficile ma quando ci si abitua la tua qualita’ di vita migliora in modo significativo” ha spiegato Krautwaschl, secondo quanto riportato dal sito di informazione ambientalista spagnolo Ecologismos. La storia inizia nel 2009, durante una vacanza in Croazia quando la madre dei bambini nota i rifiuti di plastica galleggianti in mare e ammucchiati sulla riva. Dopo aver visto il documentario Plastic Planet decide che lei e la sua famiglia potrebbero fare qualcosa in piu’ per il pianeta. E si lancia in un’avventura “plastic-free” che le ha nel tempo permesso di risparmiare molti soldi, non spendendo per l’acquisto di prodotti per la pulizia, sostituiti con aceto e acido citrico, o per gli spazzolini da denti, scartati per le varianti in legno con setole naturali, o ancora per i gel per la doccia rimpiazzati con la vecchia saponetta.

 

Fonte “http://www.agi.it

plastic free, plastic planet, Plastikfreie Zone, vivere in modo sostenibile, vivere senza plastica


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter