Home Bioedilizia Mattoni alla birra per costruzioni sostenibili

Mattoni alla birra per costruzioni sostenibili

361
0
CONDIVIDI

Mattoni alla birra per sostituire i componenti inquinanti.

La scoperta è di un gruppo di ricercatori portoghese che ha utilizzato i residui di fabbricazione della birra, malto d’orzo e semola di granturco, già utilizzati per mangimi animali.

Convenzionalmente i mattoni di argilla rossa contengono polistirene, un polimero sintetico che esalta le caratteristiche isolanti non pregiudicando la consistenza del mattone utilizzato per la costruzione di edifici energicamente efficienti. Il problema è però che la produzione del polistirene è fortemente inquinante e le restrizioni Ue alle emissioni di Co2 hanno reso troppo costoso il suo utilizzo. Il prodotto realizzato dai ricercatori portoghesi, mantenendo una massima resistenza alla flessione meccanica, ha una bassa conducibilità termica e non inquina, in quanto sottoprodotto di un altro processo industriale.

Per ottenere un ‘mattone alla birra’ di pari resistenza rispetto ad uno convenzionale, basta aggiungere all’impasto un 5% di residui, ottenendo una riduzione nella dispersione del calore del 28%, e questo grazie ai grani vegetali che mantengono porosa l’argilla intrappolando l’aria all’interno del mattone.

Fonte 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here