Home Orto e Giardino Fiori più belli sprecando meno acqua

Fiori più belli sprecando meno acqua

1500
0
CONDIVIDI

In questa stagione le piante del giardino e l’erba vanno innaffiate con più costanza. Mediamente un prato richiede tutti i giorni dai 4 ai 6 lt di acqua al giorno, un’aiuola dai 6 agli 8 lt, mentre un orto circa 3 lt a mq., tutto questo sempre se non piove.  A causa del caldo, dell’evaporazione, buona parte dell’acqua che noi diamo alle piante viene persa e non entra nel nutrimento della pianta. Dunque per evitare sprechi, per consumare meno acqua, dobbiamo cercare di mantenere intorno alle piante il giusto grado di umidità e freschezza, per fare questo dobbiamo mettere intorno alle piante uno strato di materiale naturale, pacciamatura.  Possiamo in base alle zone in cui ci troviamo reperire il materiale per la pacciamatura dei terreni, recuperandolo dall’ambiente, oppure sfruttare le vacanze per raccogliere questi materiali. Il prato per esempio ci fornisce l’erba di sfalcio che fatta essiccare può essere utilizzata per l’appunto come pacciamatura e fornisce nel momento della decomposizione un ottimo concime naturale. Nelle zone di montagna abbondano gli scarti di pulizia dei tronchi, questi una volta raccolti possono essere ridotti in scaglie e distribuiti sotto gli arbusti o sotto la siepe in uno strato sottile altrimenti fa la muffa, queste cortecce aiutano anche a ridurre la crescita delle erbe infestanti e vengono usati spesso anche nelle aiuole.

camelia

Ottimo metodo sono anche i gusci di pesce, albicocche e noccioli che possono essere usati nell’orto alla base di pomodori e insalate, in uno strato di 3cm circa, questi permettono una buona aereazione essendo leggeri, e si reperiscono facilmente nelle zone dove si coltivano le piante medesime oppure dove ci sono le industrie conserviere dove questi gusci abbondano. Anche ghiaia e sassolini possono essere utilizzati e aiutano a drenare anche il terreno, basta mettere uno strato di 2 cm fra i fiori delle aiuole.

Le conchiglie, dopo essere state ben lavate, possono essere messe alla base dei rampicanti, aiutano inoltre ad arricchire il terreno di calcio che rinforza le piante.  Se ci capitasse di andare in vacanza in isole vulcaniche potremmo reperire facilmente il lapillo, che si trova comunque anche in commercio, e sono piccoli sassolini di lava, possono essere messi alla base di piante grasse e tropicali, oltre a ridurre al minimo il consumo di acqua, ricreano un bel paesaggio desertico.

 

Agnese Tondelli

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here