Home Bioedilizia Ecobonus e detrazioni del 65% anche a efficientamento idrico e rimozione amianto

Ecobonus e detrazioni del 65% anche a efficientamento idrico e rimozione amianto

398
0
CONDIVIDI

Detrazioni del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici, estese anche a schermature solari, micro-cogenerazione, micro-trigenerazione, efficientamento idrico e sostituzioni delle coperture d’amianto. Questo quanto approvato durante le discussioni alle Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera.

È previsto entro fine settimana l’ok definitivo alla conversione in legge del d.lgs 63/2013 in materia di  detrazioni fiscali connesse al miglioramento delle condizioni energetiche degli edifici.

Durante la discussione degli emendamenti nelle diverse commissioni alla Camera, il decreto ha subito delle modifiche che hanno portato una ventata di novità. Secondo quanto si apprende dal testo, infatti, sembra che tra gli interventi che ricadono all’interno delle detrazioni, siano stati aggiunti:

  • schermature solari: sistemi passivi per il controllo dei consumi energetici che, consentono di ridurre in modo considerevole i consumi energetici legati ai condizionatori elettrici;
  • interventi di micro-cogenerazione: la produzione combinata di due diverse forme di energia, quella elettrica e quella termica, partendo da un unico impianto di piccola taglia;
  • micro-trigenerazione: consiste in un’estensione dei sistemi di cogenerazione che, nel periodo estivo, oltre a recuperare calore dal processo di produzione dell’energia elettrica, lo trasformano in energia frigorifera, grazie all’impiego di particolari apparecchiature;
  • efficientamento idrico;
  • rimozione delle coperture di amianto.

Il testo completo del decreto legge può essere visionato sulla Gazzetta Ufficiale a questo link.

Il decreto è stato già esaminato da Camera e Senato e discusso all’interno delle diverse Commissioni che hanno apportato le modifiche precedentemente descritte. Entro fine settimana l’Aula dovrebbe dare l’ok definitivo per convertire a tutti gli effetti in legge il decreto. Un decreto che recepisce la direttiva europea in materia di prestazioni energetiche in edilizia.

Secondo quanto affermato da Enea, il soggetto a cui inviare la documentazione obbligatoria per usufruire delle detrazioni, “le detrazioni fiscali per interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica degli edifici costituiscono il più generoso sistema di incentivi messo a punto per promuovere l’efficienza energetica e lo sviluppo economico sostenibile nel sistema immobiliare italiano”. Importante che le modifiche abbiano previsto la possibilità di ricevere detrazioni anche per lo smaltimento dell’amianto, una delle più grosse piaghe italiane rimaste ancora irrisolte.

Secondo quanto si apprende, le detrazioni per l’efficienza energetica sono state prorogate fino al 31 dicembre 2013, eccetto per gli interventi relativi alle parti comuni di edifici condominiali, per i quali la proroga è spostata al 30 giugno 2014.

Per informazioni sulle detrazioni o per inviare la modulistica necessaria per usufruire delle agevolazioni, è possibile consultare l’apposito portale all’indirizzo: http://finanziaria2013.enea.it/index.asp

(Foto: Utente Wikicommons Harald Weber)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here