Home Bioedilizia Scopri come la fibra di legno isola la tua casa in modo...

Scopri come la fibra di legno isola la tua casa in modo naturale

5326
0
CONDIVIDI
fibra di legno

Ecco come isolare la tua casa in modo naturale: i pannelli in fibra di legno sono l’alternativa più efficace agli isolanti sintetici. Vediamo in cosa consistono.

Avete mai sentito parlare dei rivestimenti in fibra di legno? Eppure è uno dei materiali più utilizzati nella bioedilizia per isolare la casa naturalmente, sia a livello termico che acustico (intercapedini di strutture in legno e muratura, cappotti, rivestimenti interni, coperture inclinate e piane e solai).

Cos’è la fibra di legno

È un materiale bioecologico di origine riciclata, che si ottiene grazie agli scarti della lavorazione del legno. Gli scarti di segheria vengono macinati fino a ridurli in lana e poi aggregati grazie all’azione collante della lignina, la resina naturale presente nel legno stesso.

In genere si parte da legno dolce di pino o abete bianco, ma è anche una forma di riciclaggio di cortecce e rami.

Leggi anche: Storie di successo: l’imprenditrice sarda e le sue case ecologiche fatte di scarti

Vantaggi della fibra di legno

Questo materiale ci offre diversi vantaggi. A differenza degli isolanti di origine petrolchimica è completamente compostabile alla fine una volta terminato il ciclo di vita. Ciò si traduce in assenza di rifiuti speciali o di accumuli nelle discariche, a meno che non siano stati trattati con colle speciali o additivi.

Inoltre ha un tasso di sfasamento molto alto. Lo sfasamento, in poche parole, indica la capacità di un materiale di lasciarsi attraversare dal calore. Ciò fa sì che la fibra di legno garantisca un ambiente interno più fresco rispetto a un rivestimento in polistirene o in lana minerale, perché il picco di calore massimo si avrà solo durante la notte,

Infine è un materiale abbastanza leggero, facile da trasportare, da tagliare e da applicare.

Leggi anche: Bioedilizia: il polmone verde al centro di Torino

Contro

I pannelli in fibra di legno sono una soluzione assolutamente eco sostenibile, da preferire se si vuole costruire una casa senza impattare sull’ambiente. Il contro di questa scelta è di natura monetaria. Questo materiale infatti necessita di tempi di lavorazione più lunghi che lo rendono più costoso delle alternative sintetiche. Parliamo di una cifra che è quasi il doppio. Anche se è più economico rispetto al sughero.

Come applicare un pannello in fibra di legno

Il metodo per applicare un cappotto in fibra di legno è lo stesso che si usa per posare i pannelli in sughero, calcio silicato o di origine petrolchimica. Basta applicare uno strato di colla con una spatola dentata (attenzione che il materiale copra l’intera superficie) e poi tassellare il pannello alla parete.



Se state lavorando su una parete in forati, evitate di usare un trapano a percussione per non danneggiare il supporto.  Inoltre, altra premura è quella di sfalsare i pannelli (così da evitare ponti termici) e prestare particolare attenzione in prossimità delle finestre, considerate punti critici nella posa di un cappotto.

Una volta completata la posa dei pannelli, è necessario applicare la specifica retina portaintonaco in fibra di vetro o yuta e poi rasare il tutto fino a ottenere il supporto per la finitura.

Leggi anche: Bioedilizia: i vantaggi della canapa per salute e ambiente

Foto: Pinterest

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here