Home Bioedilizia Case in polistirolo all’insegna della bio edilizia

Case in polistirolo all’insegna della bio edilizia

3333
0

Il polistirene espanso, meglio noto come polistirolo, è un materiale riciclabile, leggero e molto economico. Le sue caratteristiche lo rendono una valida alternativa tra i materiali di costruzione nel settore edile.

Il  polistirolo entra di diritto tra i materiali che meglio si prestano per l’edilizia. È un materiale facilmente trasportabile e assemblabile, ha proprietà termoisolanti, resiste al fuoco e alle sollecitazioni ambientali.

Queste caratteristiche lo rendono un’alternativa valida ai tradizionali materiali di costruzione, in particolar modo in quelle aree ad alto rischio sismico ed esposte a calamità naturali.

Ecco tre esempi di bio edilizia realizzata grazie all’uso di polistirolo.

Le case a cupola di International Dome House Inc.

Il primo progetto proviene dal Giappone ed è stato realizzato dall’International Dome House. Le case hanno la forma di un fungo, a causa del tetto a forma di cupola, della dimensione di circa 40 metri quadrati.

Sono vendute sotto forma di moduli prefabbricati, assemblabili in vario modo. E anche gli interni possono essere suddivisi e soppalcati a seconda delle esigenze di ciascuna famiglia. Le pareti in polistirolo sono rivestite da intonaco, per simulare l’effetto muratura,  e tutta la struttura è rivestita da sostanze che, a contatto con il fuoco, non emettono fumi tossici.

Foto: www.i-domehouse.com

La casa fungo ha un costo che si aggira intorno ai 30.000 euro e il montaggio è così semplice che necessita di appena una settimana di lavoro, di 3-4 persone al massimo.

La casa-frigorifero di Irving Smith Jack Architects

Una soluzione a basso costo a base di polistirolo vince l’edizione 2009 dei Nelson Marlborough Architecture Awards, una rassegna neozelandese su progetti architettonici innovativi.

Il progetto vincitore è stato realizzato dalla Irving Smith Jack Architects. Si tratta di una casa-frigorifero realizzabile con meno di 70mila euro, interamente costruita con pannelli di polistirolo prefabbricati.

Il materiale, grazie alle sue proprietà termoisolanti, permette all’abitazione di trattenere il caldo d’inverno e il fresco d’estate, con un notevole risparmio economico sulle bollette.

Loading...

Foto: www.isarchitects.nz

La casa galleggiante di Morphosis Architects

Da New Orleans, che nel 2005 è stata colpita dall’uragano Katrina, proviene il progetto del gruppo Morphosis, creato da Thom Mayne e vincitore del Pritzker Architecture Prize.

L’obiettivo dell’architetto era quello di progettare una casa che non fosse solo esteticamente bella, ma che fosse anche in grado di resistere a calamità naturali, come uragani e inondazioni.

E così, il gruppo di lavoro ha realizzato dei pannelli in polistirolo rinforzati con innesti di cemento. La caratteristica di questi pannelli è che, in caso di alluvione, sono in grado di sollevarsi sulla superficie dell’acqua e di galleggiare fino ad un’altezza di 3,6 metri.

 LEGGI ANCHE: Bioedilizia: il polmone verde al centro di Torino

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.