Home Ambiente Nuova centrale nucleare a rischio in Giappone

Nuova centrale nucleare a rischio in Giappone

145
0
CONDIVIDI

Passati ormai poco più di due anni dal 11 Marzo 2011 , ancora non si sono riuscite a controllare le radiazione emesse dall’incidente nucleare verificatosi presso l’impianto di Fukushima, ora un altro impianto nucleare giapponese sembra avere problemi di sicurezza . L’impianto d’Ohi, come tutti i reattori in Giappone si trova di fronte al mare, il reattore tre dell’impianto nucleare di Ohi , che si trova nella prefettura di Fukui , costa occidentale del Giappone , e gestito da Kansai Electric Power Company ( KEPC ) .

Secondo la società che gestisce l’impianto , c’è una colonna di vapore che sale dalla terra. L’KEPC ha commentato che le emissioni di vapore si trovano in sei punti della rete di tubazioni del palazzo, il pennacchio raggiunge un’altezza di tre metri .

La società elettrica ha proceduto a evacuare il personale dalla centrale Ohio, e in seguito è stato diramato l’avviso che il vapore non contiene sostanze radioattive.
La centrale nucleare di Ohi si trova sopra ad una faglia . I tecnici dell’Autorità di regolamentazione nucleare ( NRA ) del Giappone cercheranno di vedere se quella zolla tettonica è inattiva. Se no, è essenziale interrompere il funzionamento dell’impianto .

Nel mese di maggio 2012, tutti i 50 reattori del Paese erano fermi a causa di interruzioni programmate e per la manutenzione, lasciando il paese senza energia nucleare per la prima volta in 42 anni. Nonostante la paura fomentata dall’industria nucleare e gli allarmi di black-out, non ci sono stati problemi significativi per la fornitura di energia elettrica, dimostrando che il Giappone può
sopravvivere anche senza energia nucleare. Nel settembre 2012, l’allora primo ministro Yoshihiko Noda ha promesso di eliminare gradualmente tutto il nucleare in Giappone dal 2030, ma il nuovo governo salito al potere nel mese di dicembre, guidato dal primo ministro Shinzo Abe, da allora ha giurato di rivedere la posizione e spinge per il riavvio reattori. Il Giappone, come dimostrano i fatti, riuscirebbe lo stesso a gestire la propria rete elettrica anche senza nucleare ma allo stato attuale ancora nulla si è mosso a riguardo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here