Home Eventi Enovitis in Campo: il 5 e 6 giugno in Sicilia va in...

Enovitis in Campo: il 5 e 6 giugno in Sicilia va in scena il vino bio

1428
0
CONDIVIDI

Venerdì 5 e sabato 6 giugno, a Marsala, si terrà ENOVITIS IN CAMPO, la manifestazione delle tecnologie specializzate per il vigneto.

All’interno dell’iniziativa, giusto un mese dopo l’apertura de l’EXPO, saranno ospitati gli Stati Generali del vino biologico, organizzati in collaborazione con Unione Italiana Vini e coordinati dal Corriere Vinicolo, organo ufficiale di informazione di UIV.

Esperti internazionali di tematiche biologiche provenienti da tutto il mondo faranno il punto della situazione sullo stato di salute del vigneto biologico mondiale, mettendo a confronto tecniche di produzione e discipline regolamentari, cercando di comprendere, contemporaneamente, i margini di crescita del settore biologico.

L’evento, di natura informativa, darà la possibilità di provare in campo  macchine e attrezzature, partecipare a seminari, convegni, giornate divulgative e consultare pubblicazioni dedicate.

Location sarà la storica Azienda Vitivinicola Baglio Biesina, a Marsala, di proprietà della Regione, uno dei più antichi e prestigiosi bagli siciliani. La sua nascita risale agli inizi del ‘900 ed è situata in una zona significativa per la produzione vitivinicola siciliana, la “via del Marsala” che collega Marsala a Salemi.

L’incontro inaugurale sarà suddiviso in due sessioni e diverse tematiche: nella mattinata del 5 giugno, si delineerà lo scenario del mercato italiano, del quadro legislativo, dei fattori di successo e dei punti critici con focus su esempi virtuosi di biodistretti. La seconda parte della giornata, invece, sarà orientata ai consumatori di vino bio nei Paesi più sensibili a scelte green, da cui derivare le linee guida valide anche all’interno dei nostri confini.

Il 6 giugno sarà una giornata completamente dedicata all’olivicoltura: insieme a Unione Italiana Vini a guidare gli interventi sarà Luigi Caricato, oleologo e direttore di Olio Officina.

Durante l’evento, sarà possibile partecipare anche a momenti di formazione diretta, con visite guidate, tra le altre, a campi sperimentali di portinnesti, dotati di un’altissima efficienza nell’impiego di elementi minerali, e verificare come questi si comportino nell’ambiente siciliano, sottolineando le differenze rispetto a quelli maggiormente utilizzati in combinazione con le varietà più diffuse in Sicilia, Grillo e Nero d’Avola.

(Foto: John Morgan)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here