Home Eventi Cinemambiente rivolto ai più piccoli

Cinemambiente rivolto ai più piccoli

142
0
CONDIVIDI

Cinemambiente inizierà il 31 Maggio fino al 5 Giugno a Torino, ma è l’inizio di un progetto lungo tutto l’anno, e questo ce lo spiega il direttore Gaetano Capizzi: “Cinemambiente non è solo un festival, ma anche un tour: portiamo la tematica ambientale nelle scuole con proiezioni in tutta Italia, abbiamo anche un sito on line dove si possono trovare tanti film con scheda didattica che gli insegnanti possono proiettare in classe per infondere il seme delle ecologia nei più giovani”.

Si parla di più di 100 film in 6 giorni , tanti incontri e tanti visitatori, un modo per avvicinare i più piccoli all’ecologia, alla responsabilità ambientale. I bambini rappresentano il futuro e un aiuto ad un domani ecosostenibile :”I bambini sono ricettivi – diceCapizzi –  amano il dibattito, e sono il giusto veicolo per trasmette il messaggio”. Daccordo anche l’attore e regista Maurizio Michetti, che a Milano ha partecipato alla presentazione della 15° edizione del Festival:”Portare questi contenuti all’attenzione dei bambini significa progettare un futuro migliore”. Presente ancheMilly Moratti, che ha voluto ribadire un concetto così importante: “I bambini sono attenti a qualcosa di così invisibile come l’inquinamento, e sono loro a insegnare ai genitori a comportarsi in maniera ecosostenibile”.

Oltre alla proiezione di tre diversi cortometraggi con al centro la tematica ambientale, Milano ha ospitato presso l’Apollo SpazioCinema la prima assoluta del film “Lorax- Il guardiano della foresta“. Tanti i bambini in sala per vedere le gesta di questa strana creatura arancione dagli enormi baffi e un buffo accento anglosassone: nato dai creatori di Cattivissimo Me e tratto dal libro “Il Lorax” di Dr. Seuss, il film è un’avventura emozionante e divertente che mette in evidenza l’importanza dell’equilibrio tra natura e progresso. Gli umani, rei di aver tagliato fino all’ultimo albero, dovranno vedersela con il guardiano Lorax, ma soprattutto con i loro sensi di colpa e con la necessità di preservare la natura per avere un futuro migliore:il lieto fine è affidato proprio a un ragazzino, che avrà il compito di far cambiare idea a una città che ha dimenticato l’importanza della natura e che riscoprirà nell’ambiente la risorsa fondamentale per il proprio benessere.

In un’epoca in cui l’emergenza ambientale è sempre di preoccupante attualità, è importante impegnarsi sul fronte educativo, sensibilizzando i bambini, fin da piccoli, al rispetto, all’amore, alla salvaguardia del mondo che ci circonda e ci ospita, la cui sopravvivenza è una condizione necessaria per la vita dell’uomo.

 

 

Agnese Tondelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here