covid-19

Efficienza sanitaria: La Corea del Sud supera quella italiana sul contenimento del COVID-19

Premessa: se tagli la sanità pubblica in maniera indiscriminata per decenni, incentivando quella privata, a quel punto ti devi chiedere qual’è il modello che può essere davvero efficiente, rispettando il diritto di cura ( a costi ragionevoli ) per tutti.

Tutti sono profondamente consapevoli della diffusione della nuova pandemia COVID-19 mentre imperversa in quasi tutte le nazioni del mondo. Le restrizioni ai viaggi sono ovunque mentre le persone stanno cercando di sottoporsi a test, prepararsi per possibili quarantene e preoccuparsi del loro lavoro e delle loro famiglie. Gli eventi che coinvolgono grandi gruppi di persone vengono annullati e in alcuni casi interi paesi vengono bloccati.

Ma in tutta questa raffica di reazioni sulla crisi, c’è un esperimento quasi naturale su come un sistema sanitario statale possa rispondere a un simile problema. E la risposta sembra essere … non bene. 

I dati del contagio a confronto tra Corea del Sud e Italia

Per dimostrare questo, possiamo esaminare i due casi di Italia e Corea del Sud. Al momento della stesura di questo articolo (15/3/2020), l’Italia ha registrato 21.157 casi mentre la Corea del Sud ha confermato 88.162.

Tuttavia, il numero sudcoreano sta aumentando a circa 100 casi al giorno relativamente ai circa 3.000 italiani aggiunti ieri. (I dati sulla diffusione del nuovo coronavirus sono stati ottenuti da questo sito per monitorare l’epidemia.)

Complessivamente, Italia e Corea del Sud hanno popolazioni simili (rispettivamente circa 60 milioni e 50 milioni), sebbene la metà sudcoreana della penisola coreana sia circa un terzo delle dimensioni dell’Italia in termini di superficie.

L’Italia sta vivendo una rapida crescita esponenziale in casi confermati, nonostante abbia chiuso l’intero paese con coprifuoco e restrizioni di viaggio e si sia fortemente concentrata sulla fornitura di cure.

Al contrario, anche con un gruppo religioso che ha essenzialmente diffuso la malattia di proposito , la Corea del Sud ha guadagnato una solida base nel contenere COVID-19. Ci sono molte ragioni per questa differenza nei risultati, ma alcuni sono direttamente collegati al sistema sanitario molto più statalizzato in Italia.

Sanità sudcoreana

Sebbene la Corea del Sud abbia un sistema monopolizzato dallo Stato che fornisce un’assicurazione sanitaria universale, questa assicurazione fornita dallo stato non è in grado di stabilire i prezzi sul mercato dell’assistenza sanitaria.

Gli ospedali e le cliniche addebitano abitualmente ai pazienti più di quanto pagherà l’assicurazione statale, il che ha portato molti coreani a stipulare un’assicurazione privata per coprire la differenza. Il Bizwire della Corea  riferisce che otto coreani su dieci sottoscrivono tale assicurazione, con il coreano medio che paga poco più di 120.000 vittorie (circa $ 120) al mese per questo.

L’assistenza è fornita da una serie di ospedali di proprietà privata del 94 percento, con un modello a pagamento e senza sussidi pubblici diretti. Molti di questi ospedali sono gestiti da fondazioni di beneficenza o università private. Gli ospedali privati ​​nel paese sono esplosi in numero da 1.185 nel 2002 a 3.048 nel 2012.

Il risultato è che la Corea del Sud ha 10 letti ospedalieri per 1.000 persone, più del doppio della media dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) (e quasi tre volte di più dei 3,4 posti letto pro capite in Italia).

Spesa pubblica nella sanità: In percentuale sul Pil – foto Wired

Sanità italiana

In Italia, al contrario, gli interventi chirurgici e il ricovero ospedaliero forniti dagli ospedali pubblici o da quelli convenzionali privati ​​sono completamente gratuiti per tutti, indipendentemente dal loro reddito. Questo è interamente pagato dal servizio sanitario nazionale, il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) (così come i servizi dei medici di famiglia).

I tempi di attesa possono durare fino a mesi per le grandi strutture pubbliche, sebbene siano leggermente più brevi per le piccole strutture private con contratti per fornire servizi attraverso il SSN. I fornitori di servizi medici pubblici e privati ​​offrono opzioni di “libero mercato” in cui il paziente paga direttamente, ma ciò viene raramente utilizzato e contribuisce in modo molto limitato alle entrate ospedaliere. Il servizio medico di emergenza è sempre gratuito.

I tempi di attesa e altri indicatori di qualità sono significativamente peggiori nel sud del paese, con i pazienti che spesso vanno nel nord Italia per cure migliori. I dottori che si diplomano nelle scuole di medicina italiane spesso vanno altrove per lavoro e i funzionari italiani stanno cercando di rispondere riducendo le aperture nei programmi medici.

L’Italia ha registrato una carenza di operatori sanitari ancora prima che COVID-19 colpisse il paese. Il numero di ospedali nel paese è stato in costante calo negli ultimi due decenni, da 1.321 nel 2000 a 1.063 nel 2017, per la politica particolare di taglio sistematico alla sanità pubblica per incentivare quella privata.

I prezzi SSN per i pagamenti agli ospedali sono stati fissati al di sotto dei tassi di mercato allo scopo di risparmiare denaro sull’assistenza sanitaria, e i risultati erano quelli previsti per un controllo dei prezzi di fatto .

Conclusione

Attualmente, il sistema sanitario italiano è sopraffatto dalle decine di migliaia di casi COVID-19 che sta già affrontando, per i motivi che abbiamo descritto:

secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il nostro Paese ha dimezzato i posti letto per i casi acuti e la terapia intensiva, passati da 575 ogni 100 mila abitanti ai 275 attuali. Un taglio del 51% operato progressivamente dal 1997 al 2015, che ci porta in fondo alla classifica europea.

 Mentre le cronache raccontano del personale sanitario allo stremo, occorre ricordare che la sanità pubblica nazionale ha perso, tra il 2009 e il 2017, più di 46 mila unità di personale dipendente. Oltre 8.000 medici e più di 13 mila infermieri, secondo la Ragioneria di Stato.

Meme che spopola in questo periodo nei socials italiani: descrive purtroppo in maniera perfetta le scelte scellerate dei politici italiani.

Cifre che da sole possono far comprendere come gli  ospedali e i pronto soccorso, già sotto pressione al nord, potrebbero non essere in grado di reggere la diffusione dell’epidemia. Specie nelle regioni del centro e del sud, ancora meno attrezzate e con minore personale. Come denunciato dal presidente dell’Associazione Medici Dirigenti, (Anaoo)le strutture ospedaliere hanno perso, infatti, 70 mila posti letto, solo negli ultimi 10 anni. 

Sebbene la Corea del Sud fornisca una rete di sicurezza di base, è anche uno dei sistemi sanitari più vicini al mondo a un libero mercato, superando in misura significativa anche il sistema statunitense (che include un gran numero di normative che limitano l’offerta che aumentano solo costi e disponibilità danneggiati).

Di conseguenza, l’assistenza sanitaria sudcoreana ha fatto ciò che il sistema già scarsamente fornito dall’Italia non poteva fare: far fronte efficacemente alla pandemia e riuscire a metterla sotto controllo senza arrestare l’intero paese nel processo.

Ci chiediamo a questo punto perchè, la nostra classe dirigente si sia posta l’obiettivo di smantellare un sistema sanitario che era il nostro fiore all’occhiello in termini di efficenza ed eccellenze prodotte, lasciandoci sostanzialmente scoperti da tutela, in un momento di grave crisi epidemica come questo.

Originariamente pubblicato su Disinthrallment.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.