AYURVEDA-MEDICINA-AYURVEDICA 2

Le autorità indiane propongono l’uso dell’omeopatia per prevenire il Coronavirus. Molte le critiche

Il governo indiano Ministero della Salute , che promuove i sistemi di medicina alternativa nel paese, ha pubblicato un advisory di saluteil 29 gennaio che sostiene l’uso dell’omeopatia e dei rimedi tradizionali, come i sistemi di medicina indiana, per scongiurare le infezioni del nuovo coronavirus 2019-nCoV in circolazione.

Ciò include l’uso di una preparazione omeopatica chiamata Arsenicum album 30C e due gocce di olio di sesamo in ciascuna narice ogni mattina per la prevenzione e medicinali Unani (trattamenti basati sugli insegnamenti di Ippocrate e Galeno) per mitigare i sintomi dell’infezione da coronavirus.

Mentre gli indiani citano secoli di esperienze dei praticanti con questi prodotti come prove dietro i suoi consigli, i media e la comunità scientifica hanno criticato la guida come controproducente nell’affrontare una grave emergenza sanitaria. 

Le voci critiche contro l’omeopatia

“È profondamente irresponsabile che il Ministero della Salute indiano approvi l’omeopatia poiché ciò mina completamente la comprensione pubblica della scienza e della medicina e aumenta la pseudoscienza con conseguenze potenzialmente pericolose”, afferma David Robert Grimes , uno scrittore di scienze irlandese che ha pubblicato ricerche che dimostrano che l’ omeopatia è inefficace , in un’e-mail a The Scientist .

Grimes ha sostenuto che i meccanismi proposti di omeopatia non sono plausibili se analizzati da una prospettiva fisica e chimica, e afferma che non sorprende, quindi, che gli effetti biologici dell’omeopatia non possano essere misurati in studi clinici su larga scala. 

Ad oggi, oltre 31.000 persone in oltre due dozzine di paesi sono state infettate con 2019-nCoV, tra cui tre casi confermati in India. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, non sono ancora stati identificati interventi in grado di curare il virus, anche se sono in corso numerosi studi per trovare terapie e sviluppare un vaccino. 

L’uso dell’omeopatia come terapia alternativa rischia di rinunciare a trattamenti causali o sintomatici efficaci o, se tali trattamenti non sono disponibili, creando un falso senso di sicurezza.—Edzard Ernst, Università di Exeter.

Il diverso approccio indiano

Fino ad allora, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie affermano che l’unico modo per prevenire le infezioni è evitare il contatto con il virus e le persone malate, lavarsi le mani e non toccare il viso. Ma il Consiglio centrale per la ricerca in omeopatia (CCRH) del Ministero dell’AYUSH afferma che esistono altre opzioni preventive. 

Anil Khurana , che dirige il CCRH, dice allo scienziato che l’Arsenicum album 30C, una soluzione omeopatica preparata diluendo il triossido di arsenico acquoso fino a quando rimane poco o nessun arsenico utilizzato nei disturbi respiratori ed è stato ampiamente usato per più di 220 anni con un un buon record di sicurezza, è stato scoperto essere un efficace profilattico durante l’epidemia di influenza suina in India nel 2009.

Uno studio condotto da Robert Mathie della British Homeopathic Association e dal suo gruppo, in collaborazione con il CCRH, riportato in Omeopatia quello dei vari medicinali omeopatici somministrati a pazienti con sintomi di influenza suina, l’Arsenicum album ha avuto più successo nel ridurre la febbre, la tosse, il naso che cola, il mal di gola e il mal di testa. In un altro studio confrontato con placebo e condotto dalla CCRH, i farmaci omeopatici sono stati trovati utili anche per ridurre i sintomi simil-influenzali.

Ricerca omeopatica contro il Covid-19 

Questi risultati hanno portato il CCRH a cercare possibili interventi omeopatici contro il nuovo coronavirus. Prima che si manifestasse qualsiasi infezione del 2019-nCoV in India, gli scienziati del CCRH hanno raccolto le caratteristiche cliniche di un recente gruppo di casi in Cina pubblicato su The Lancet il 24 gennaio, che hanno alimentato in uno strumento chiamato repertorio omeopatico

Il repertorio è un database di testi storici sull’omeopatia e quando i professionisti inseriscono i sintomi, lo strumento recupera le raccomandazioni dei testi su quali medicinali devono essere somministrati

“Ogni volta che repertorizziamo un paziente, stiamo praticamente consultando tutte queste generazioni di omeopati che hanno contribuito a questo database”, afferma Bernado Merizalde, un praticante di omeopatia presso la Thomas Jefferson University di Filadelfia.

Lo sostiene il primo segretario generale della Liga Medicorum Homeopathica Internationalis , un’associazione di medici omeopatici. Abbinando le caratteristiche cliniche, il repertorio ha scoperto che l ‘Arsenicum album 30C si adattava perfettamente all’attuale epidemia. Da dove provengono i coronavirus 

La premessa di base dell’omeopatia è che un medicinale che produce una serie di sintomi quando somministrato a una persona sana in condizioni controllate può essere prescritto in forma altamente diluita a una persona malata con gli stessi sintomi, spiega Kushal Banerjee , un medico omeopatico con sede in Nuova Delhi.

Questo è ciò che è noto come Similia similibus curentur nel linguaggio omeopatico, una frase latina che significa “come le cure come”. Kalyan Banerjee , il padre di Kushal e un rinomato praticante omeopatico, afferma che aumentando il sistema immunitario del corpo, l’album dell’Arsenicum può potenzialmente ridurre la virulenza del coronavirus, temperando così l’intensità della malattia.

Non rivendichiamo la protezione al 100% con l’album Arsenicum. “, afferma Khurana. “Devono essere prese tutte le misure generali per le infezioni nell’aria.” Aggiunge inoltre che se le persone vengono infettate, dovrebbero cercare prontamente assistenza medica.

I detrattori dell’omeopatia

Tali avvertenze non attenuano le preoccupazioni dei detrattori dell’omeopatia, che affermano che non esistono prove scientifiche rigorose per indicare che i rimedi omeopatici possono prevenire l’infezione da coronavirus o mitigare i sintomi. “L’affermazione di alcuni omeopati che i rimedi omeopatici sono efficaci nel trattamento e nella prevenzione delle infezioni da coronavirus non è basata su alcuna prova a tutti”, Edzard Ernst , professore emerito presso l’Università di Exeter nel Regno Unito e un critico dell’ omeopatia, dice a The Scientist in un’e-mail. Ernst indica uno studio che non ha trovato differenze tra l’album dell’Arsenicum e un placebo nel prevenire la febbre dopo la vaccinazione. Altri studi in cui l’omeopatia è risultata inefficace includono uno sulle infezioni acute del tratto respiratorio, un altro sulle infezioni dell’orecchio medio e un altro ancora sulle malattie simil-influenzali .

Differenze di vedute degli omeopati

Anche tra i sostenitori dell’omeopatia, c’è disaccordo sul modo migliore per prevenire il coronavirus. Mitchell Fleisher , il secondo vicepresidente dell’American Institute of Omeopatia, afferma che l’ articolo di  Lancet secondo cui gli scienziati del CCRH avevano elaborato i loro consigli non fornisce abbastanza informazioni sui sintomi per formulare una prescrizione omeopatica accurata.

Dice che forse il modo migliore per convalidare il valore terapeutico dell’omeopatia sarebbe quello di eseguire uno studio comparativo sugli esiti clinici dell’infezione da Covid-19 acuta somministrando farmaci omeopatici individualizzati a un gruppo sperimentale e medicinali allopatici ad un altro, con un minimo di 250 pazienti in ciascuno gruppo. “Un’analisi statistica attenta e onesta dei risultati dello studio dirà la verità scientifica”, afferma.

Contrariamente alla proposta di Fleisher, Grimes afferma che ciò non è assolutamente etico. “L’omeopatia non ha un meccanismo d’azione plausibile ed è assolutamente irresponsabile suggerirlo in un processo per una potenziale pandemia. Gli studi su larga scala dell’omeopatia hanno chiaramente mostrato per decenni lo stesso risultato: semplicemente non funziona “, afferma.

fonte


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.