covid serbia

La Serbia dichiara l’emergenza nella capitale all’aumentare del contagio

Belgrado dichiara la situazione di emergenza dopo l’82,5% del totale dei casi registrati nella capitale.

La Serbia ieri ha dichiarato una situazione di emergenza per attuare misure preventive contro COVID-19.

La decisione, presa su suggerimento del quartier generale delle situazioni di emergenza della città, ha effetto da venerdì poiché l’82,5% del numero totale di persone infette in Serbia è registrato nella capitale Belgrado, come ha annunciato l’amministrazione comunale.

Giovedì sera il presidente della Serbia Aleksandar Vucic ha annunciato nuove misure come la chiusura dei dormitori degli studenti e dei night club.

Secondo le misure, è vietata la raccolta di oltre 100 persone all’interno e quella di oltre 500 persone all’aperto.

L’epidemiologo Predrag Kon ha dichiarato che la Serbia è al massimo in una settimana quando si parla di nuove infezioni.

“Dopo questa settimana, possiamo aspettarci che, con l’attuazione delle misure, avvertiremo gradualmente la riduzione dei casi registrati”, ha dichiarato Kon alla televisione radiofonica statale della Serbia.

La Serbia fino ad oggi ha riportato 15.195 casi di virus e 287 decessi.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.