rischi inattività covid

L’inattività fisica raddoppia il rischio di infezione grave da Covid

Un nuovo studio condotto da ricercatori americani indica che le persone che non fanno alcun esercizio fisico e vengono infettate da Covid-19 hanno più del doppio delle probabilità di essere ricoverate in ospedale, rispetto a quelle che si esercitano per più di due ore a settimana. Questo fattore sarebbe ancora più dannoso del fumo, dell’obesità, dell’ipertensione o della povertà.

L’età avanzata, il fumo, l’obesità o la povertà, così come la sofferenza di malattie come malattie cardiache, ipertensione, diabete, cancro o Alzheimer, tra gli altri, sono fattori di rischio che possono definire la gravità con cui COVID-19 influenzerà le persone.

Inoltre, ora uno studio, pubblicato sul  British Journal of Sports Medicine  e preparato da un team del dipartimento di Family and Sports Medicine del centro Kaiser Permamente (USA), ha osservato che l’inattività fisica è anche correlata a un’infezione covid – 19 più grave e un rischio più elevato di contrarre forme invalidanti della malattia.

” Siamo convinti che i risultati di questo studio rappresentino una linea guida chiara che può essere utilizzata da tutti per ridurre il rischio di COVID-19 grave, inclusa la morte ” , afferma Robert Sallis, medico di famiglia presso questo centro americano e primo autore del studia.

Per giungere a questa affermazione, i ricercatori hanno raccolto dati sull’attività fisica di 48.440 pazienti adulti con infezione da COVID-19 confermata tra gennaio e ottobre 2020. Come stabilito, una semplice passeggiata a ritmo sostenuto potrebbe essere considerata esercizio fisico.

L’età media dei pazienti era di 47 anni; quasi due terzi erano donne (62%). Lo studio riporta che circa la metà non aveva alcuna malattia sottostante, come diabete, BPCO, malattie cardiovascolari, malattie renali e cancro; quasi uno su cinque (18%) ne aveva solo uno; e quasi un terzo (32%) ne aveva due o più.

I pazienti sono stati seguiti attraverso sondaggi, in cui chiedevano quanti giorni alla settimana si esercitavano, a quale intensità e, in media, quanti minuti si esercitavano a quel livello.

Tre livelli di attività

Quindi, hanno stabilito tre livelli di attività: coloro che hanno svolto un certo tipo di attività fisica tra 0 e 10 minuti a settimana sono stati considerati “costantemente inattivi”; coloro che si sono esercitati per 150 minuti alla settimana o più “hanno rispettato le linee guida raccomandate” dagli esperti; In mezzo, chi praticava esercizio fisico tra gli 11 ei 149 minuti a settimana entrava a far parte del gruppo di chi faceva “qualche attività”.

Secondo i risultati ottenuti, solo il 6,4% ha rispettato costantemente le linee guida sull’attività fisica; Il 14,4% era costantemente inattivo e il resto ha riferito una certa attività fisica.

stile di vita sedentario, obesità, Covid-19, esercizio fisico, malattie, inattività

Parallelamente, di tutti i pazienti COVID-19 selezionati per lo studio:

  • l’8,6% è stato ricoverato in ospedale
  • il 2,4% è stato ricoverato in terapia intensiva
  • l’1,6% è deceduto

Il risultato del test

Combinando e analizzando entrambi i dati, gli autori hanno scoperto che coloro che non praticavano esercizio fisico avevano più del doppio delle probabilità di essere ricoverati in ospedale rispetto a coloro che registravano più di 150 minuti di esercizio fisico a settimana.

” In effetti, l’inattività fisica era il fattore di rischio più notevole nei risultati, rispetto ai fattori di rischio comunemente citati, tra cui fumo, obesità, diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari e cancro “, dice. Sallis.

Le probabilità di morte erano 2,49 volte più alte per i pazienti che non facevano esercizio, rispetto ai pazienti che lo facevano in modo coerente. Inoltre, gli inattivi avevano 1,73 volte più probabilità di richiedere il ricovero in terapia intensiva rispetto agli attivi.

Con questo studio, i suoi leader sperano che il messaggio che “con un po ‘di esercizio puoi fare molto” venga ascoltato e messo in pratica.

” In generale, camminare 30 minuti al giorno, 5 giorni alla settimana a un ritmo moderato avrà un enorme effetto protettivo contro COVID-19 ” , raccomanda Sallis. ” Il modo in cui qualcuno può misurare se sta camminando a un ritmo moderato è che è troppo stanco per cantare ma può ancora parlare “, esemplifica.

Nonostante la stretta relazione tra esercizio fisico e gravità della malattia che i ricercatori indicano, non sono stati in grado di stabilire il motivo che la spiegherebbe.

“ Trattandosi di uno studio osservazionale, non possiamo saperlo con certezza. Tuttavia, un’attività fisica regolare è associata a miglioramenti della capacità polmonare, della salute cardiovascolare e della forza muscolare, che a loro volta possono servire a mitigare gli effetti negativi del COVID-19 se contratto. È anche noto che l’esercizio fisico regolare migliora la funzione immunitaria e porta a miglioramenti in tutte le altre malattie croniche associate a gravi esiti del coronavirus “, conclude Sallis.

covid-19, fisica, inattività, salute


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto