giappone coronavirus

Il Giappone chiude l’emergenza del Coronavirus con 850 morti e nessun lockdown

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha annunciato la fine della sua dichiarazione di stato di emergenza per la nuova pandemia di coronavirus, con solo 851 morti segnalati e senza mai indire un vero lockdown

“Ho deciso di porre fine allo stato di emergenza in tutta la nazione”, ha detto Abe durante una conferenza stampa televisiva lunedì. “In poco più di un mese e mezzo, abbiamo quasi portato la situazione (dell’infezione) sotto controllo”.

Abe ha avvertito che revocare l’ordine non significava che il nuovo virus fosse sparito dal Giappone. “La nostra battaglia contro il virus continuerà”, ha detto, sollecitando il popolo giapponese a continuare a seguire una rigorosa guida sul distanziamento sociale.

A partire da lunedì, la nazione dell’Asia orientale ha riferito 16.628 casi confermati del nuovo coronavirus. Di quelli infetti, 13.612 sono già guariti e 851 sono deceduti. Tokyo, la capitale della nazione con 14 milioni di residenti, è stata la parte più colpita del paese, con oltre 5.100 casi. Lunedì la città ha riportato solo otto nuove infezioni.

Coronavirus giapponese
Le persone che indossano maschere per il viso attraversano una strada nella zona di Shinjuku di Tokyo il 25 maggio in mezzo alla nuova pandemia di coronavirus.CHARLY TRIBALLEAU / AFP / GETTY

No lockdown ma misure di sicurezza

Un portavoce dell’ambasciata giapponese a Washington, DC, ha dichiarato a Newsweek che il paese continuerà a monitorare la diffusione del virus e manterrà le restrizioni sui viaggiatori internazionali per il prossimo futuro.

“La diffusione di COVID-19 sta cambiando di momento in momento ed è difficile prevedere con fiducia. Tuttavia, il Giappone deve considerare attentamente come allentare parzialmente e gradualmente le sue restrizioni sui viaggi internazionali, continuando a contenere il COVID-19″, ha detto il portavoce.

Mentre il Giappone non ha mai implementato misure stringenti come quelle in alcune parti della Cina, in molti paesi europei e negli Stati Uniti, ha vietato ai viaggiatori stranieri che avevano recentemente visitato molti paesi colpiti e ha invitato i residenti ad aderire alle linee guida sul distanziamento socialeAnche i ristoranti e i negozi dovevano chiudere prima del normale. Bar karaoke, locali con musica dal vivo e palestre sono stati chiusi e rimarranno chiusi nelle prossime settimane.

I funzionari della sanità pubblica in Giappone hanno avvertito la popolazione di indossare maschere in pubblico e, se possibile, continuare a lavorare da casa. Il governo giapponese ha chiesto alla popolazione di adattarsi a un nuovo stile di vita per evitare un aumento in nuovi casi e prevenire la diffusione del virus. Le persone sono state anche incoraggiate a evitare di viaggiare per scopi non essenziali verso altre regioni del paese.

Shinzo Abe
Il primo ministro giapponese Shinzo Abe parla come un interprete della lingua dei segni che indossa uno scudo facciale interpreta in una conferenza stampa a Tokyo il 25 maggio.KIM KYUNG-HOON / POOL / AFP / GETTY

I sensazionali numeri del Giappone

Non è chiaro perché il Giappone abbia un tasso di infezione relativamente basso e un numero relativamente piccolo di decessi dovuti a COVID-19. Addirittura Abe ha dovuto affrontare critiche per aver intrapreso poche azioni per frenare la diffusione del virus, dato che molte altre nazioni hanno messo in atto severi blocchi e chiusure totali.

“Solo osservando i numeri delle morti, puoi dire che il Giappone ha avuto successo”, ha detto a Bloomberg Mikihito Tanaka, un professore dell’Università di Waseda specializzato in comunicazione scientifica e membro di un gruppo pubblico di esperti sul nuovo virus. “Ma anche gli esperti non ne conoscono il motivo.”

Yasutoshi Nishimura, ministro giapponese per la rivitalizzazione economica, ha affermato che la situazione con il virus sarà rivista ogni tre settimane e che potrebbero essere prese ulteriori misure per facilitare la guida attualmente in atto, secondo quanto riportato da Kyodo News. Fino ad allora, il pubblico giapponese è stato incoraggiato a rimanere a casa ed evitare grandi raduni pubblici.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.