messico confine USA

Coronavirus: i messicani vogliono reprimere gli americani che attraversano il confine per tutelarsi dai contagi

I messicani hanno bloccato il confine degli Stati Uniti a sud dell’Arizona  e hanno chiesto al loro governo di intensificare lo screening per le paure che gli americani potrebbero diffondere coronavirus.

I manifestanti a Sonora, a sud dello stato americano dell’Arizona, hanno usato i veicoli per bloccare una strada in Messico per un secondo giorno mercoledì. 

Alcuni indossavano maschere e portavano cartelli che avvertivano gli americani di “rimanere a casa”, dato che il numero di casi confermati di coronavirus negli Stati Uniti ha superato la Cina nella giornata di ieri; di fatto oggi gli USA sono il paese con più contagiati al mondo ( secondo numeri ufficiali ) 

Il Messico ha meno di 500 casi confermati di coronavirus, rispetto a oltre 84.900 negli Stati Uniti.

Jose Luis Hernandez, un membro dei Sonorans for Health and Life che ha guidato il blocco, ha detto alla Repubblica dell’Arizona che la protesta è stata un avvertimento per il presidente messicano Lopez Obrador.

muro messico usa covid

I messicani lamentano la mancanza di controlli

Hernandez ha dichiarato: “Non ci sono controlli sanitari da parte del governo federale per far fronte a questa pandemia.”

“Ecco perché siamo qui a Nogales. Abbiamo intrapreso questa azione per chiedere al presidente messicano Andrés Manuel López Obrador di agire ora. ”, Ha aggiunto.

La traversata di DeConcini, che collega le città gemelle di Nogales, in Arizona e Nogales, nello stato messicano di Sonora, dovrebbe essere chiusa a tutti tranne che agli affari “essenziali” in virtù di un accordo concluso tra USA e Messico la scorsa settimana. 

Ma il presidente Lopez Obrador e la sua controparte americana sono stati criticati per i loro approcci troppo leggeri alla pandemia. 

Lopez Obrador ha invitato i messicani a “continuare a vivere la vita come al solito”. Finora ha continuato a stringere la mano ed evitare l’allontanamento sociale in pubblico. 

Con appena quattro casi di coronavirus a Sonora, rispetto ai 400 in Arizona, l’inazione del governo ha visto agire alcuni messicani. 

Coloro che hanno bloccato il confine questa settimana hanno richiesto un divieto temporaneo di turismo e visitatori per motivi medici in Messico, l’introduzione di test medici sui messicani deportati dagli Stati Uniti e lo screening permanente del coronavirus su tutti i valichi di frontiera.

Fonte


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.