ALPINI

Covid-19, alpini veneti compiono il miracolo: ripristinano 5 ospedali dismessi in soli 5 giorni

Ogni calamità naturale, ogni emergenza, li ha sempre visti protagonisti per portare aiuto concreto e solidarietà alle popolazioni colpite e così è stato anche stavolta, in piena emergenza Coronavirus. Parliamo degli alpini veneti, che sono riusciti a compiere una missione che sembrava quasi impossibile: ripristinare 5 ospedali dismessi in soli 5 giorni.

Le Penne Nere sono state al lavoro dalle 8 del mattino alle 18, documentando sui social il loro operato che ha fatto si che 5 ospedali dismessi venissero ripristinati. Per l’esattezza:

  • il Guicciardini di Valdobbiadene, nel Trevigiano
  • il vecchio ospedale di Monselice, nel Padovano
  • l’Orlandi di Bussolengo, nel Veronese
  • il Chiarenzi di Zevio
  • l’ex civile di Isola della Scala

La messa a nuovo degli ospedali da parte di 480 alpini volontari

Non saranno come l’Huoshenshan di Wuhan, in Cina, costruito da zero in 10 giorni, ma questi 5 ospedali, tornati operativi, potranno ospitare circa 740 pazienti.

Bruno Crosato, coordinatore della Protezione civile Ana della sezione di Treviso e responsabile della Colonna mobile nazionale degli alpini, ha commentato così l’impresa “eroica” degli alpini della Protezione civile del Veneto al giornale Ytali:

Quando siamo arrivati con i funzionari della Regione mi sono messo le mani nei capelli, perchè si immagina cosa può essere un ospedale, con ancora vecchi letti e tutta la mobilia abbandonata da 4 lustri? Non sapevamo da dove cominciare, ma sapevamo che dovevamo farcela e molto presto”.

480 alpini si sono resi disponibili affinché il miracolo accadesse e tanti altri sono stati lasciati perché c’era già un numero sufficiente di operai.

Per impedire il contagio tra loro, hanno lavorato con dispositivi di protezione individuale, con mascherine idonee e mantenendo rigorosamente la distanza di un metro l’uno dall’altro.

ALPINI VENETO
Alpini della Protezione civile del Veneto: hanno completamente rimesso a nuovo 5 ospedali dismessi in soli 5 giorni per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

I lavori di ripristino ospedaliero effettuati dagli alpini veneti

I lavori degli alpini della Protezione civile del Veneto sono iniziati traslocando letti da un quintale e mezzo giù per le scale, proseguendo con la pulizia e l’igienizzazione degli ambienti, la tinteggiatura dei muri, la rimozione della polvere dai pavimenti, sino ai bagni “con l’acqua marrone che usciva dai rubinetti”.

Instancabili, i volontari, fatta eccezione per una piccola pausa pranzo, hanno rinnovato un ogni angolo delle strutture, cambiando i copri water, sistemando i servizi igienici, aiutando i tecnici nel ripristino degli ascensori e degli impianti di condizionamento e ossigenazione, assieme a elettricisti e idraulici.

Ma il loro lavoro non è mica finito qui tra risistemazione degli infissi, verifica e messa a punto degli impianti di illuminazione, lavaggio e sanificazione di tutta la mobilia recuperabile, trasporto in loco di letti da altri ospedali, loro sanificazione e collocazione nelle varie camere, assieme ai materassi.

Un forte grazie agli alpini della Protezione civile del Veneto, grazie ai quali oggi abbiamo altri 5 ospedali per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

5 ospedali, alpini della Protezione civile del Veneto, alpini veneti, coronavirus, covid-19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.