Home Aziende Lo zucchero amaro che ruba la terra e affama il mondo

Lo zucchero amaro che ruba la terra e affama il mondo

11148
0
CONDIVIDI
Zucchero amaro, quando l'industria alimentare sfrutta terra e lavoratori

Zucchero amaro. Così amaro che sa del sangue delle popolazioni sfruttate. Ecco come l’industria alimentare strappa agli agricoltori cibo e dignità

Zucchero amaro. Solo così può essere definita una coltivazione che affama il mondo. Secondo il rapporto pubblicato da Oxfam, le compravendite di terreni per la produzione di zucchero da usare nell’industria alimentare sono alla base del Land Grabbing. La tecnica che strappa ai piccoli agricoltori nei paesi in via di sviluppo terra, cibo e dignità.

Cos’è il Land Grabbing

In un nostro precedente articolo abbiamo spiegato come a questo fenomeno (letteralmente rapina alla terra) sia collegato l’acquisto di terreni destinati all’agricoltura. Il tutto viene fatto con modalità che spesso violano i diritti dei cittadini delle nazioni più povere.

Oggi, grazie al dossier dell’Ong Oxfam, “Zucchero amaro. Quali diritti sulla terra nelle filiere di produzione delle multinazionali del cibo?” possiamo comprendere ancor meglio cosa si nasconde dietro a grandi aziende come Coca Cola, Pepsi nella loro corsa ad accaparrarsi le materie prime dei Paesi in via di sviluppo.

Zucchero amaro: il dossier di Oxfam

A partire dal 2000, si legge nel dossier, almeno 4 milioni di ettari sono stati acquistati per la produzione di zucchero. Circa 100 compravendite di terra su larga scala che, in alcuni casi, hanno comportato violazioni dei diritti umani. Non solo, hanno causato la perdita dei mezzi di sostentamento. Hanno portato all’alienazione delle persone dai legami spirituali e culturali verso la propria terra. Talvolta arrivando anche alla violenza e alla distruzione di proprietà e coltivazioni.

Secondo il dossier, i cinque paesi con il maggior numero di compravendite sono il Sud Sudan, la Papua Nuova Guinea, l’Indonesia, la Repubblica Democratica del Congo e il Mozambico.

In particolare, il rapporto di Oxfam si concentra sullo zucchero amaro, inteso sotto due aspetti. Come coltura intensiva e come ingrediente chiave dell’industria alimentare.

Un business del valore di 47 miliardi di dollari

Il 51% di tutto lo zucchero prodotto viene trasformato in alimenti come bibite, dolciumi, prodotti da forno e gelati. Lo zucchero occupa 31 milioni di ettari di terreno a livello globale, un’area grande quanto l’Italia”. Si legge nel rapporto.

Numeri importanti, che portano a un business globale del valore di 47 miliardi di dollari.

Sfratti ed espropri eseguiti senza il consenso, e ovviamente senza neppure il risarcimento, delle comunità locali.

È necessario che le maggiori aziende del settore alimentare si dotino di politiche sufficientemente forti per contrastare l’accaparramento di terre e i conflitti che si manifestano nelle loro filiere produttive”. Queste le parole di Maurizia Iachino, presidente di Oxfam Italia.

La campagna per combattere lo sfruttamento

Proprio per questo, Oxfam ha dato il via alla campagna “Scopri il marchio. Il progetto, nato proprio quest’anno, “monitora le dieci più grandi multinazionali del cibo, prendendo in esame le loro politiche e gli impegni in favore di un sistema alimentare più equo. Le “10 Grandi Sorelle” sono: Associated British Foods (ABF), Coca-Cola, Danone, General Mills, Kellogg, Mars, Mondelez International, Nestlé, PepsiCo e Unilever. Tutte insieme generano entrate superiori a 1,1 miliardi di dollari al giorno”.

L’obiettivo è quello di costringere questi marchi di assicurare che i loro prodotti siano “puliti”. Cioè, non contengano zucchero coltivato su terre estorte violando i diritti delle popolazioni locali più vulnerabili.

Tra le aziende citate, fino adesso, nella classifica “Scopri il marchio” di Oxfam, Coca Cola, PepsiCo e ABF hanno ottenuto un punteggio basso o molto basso in tema di politiche sulla terra.

Oxfam chiede proprio a questi tre giganti di azzerare il land grabbing lungo le filiere di produzione. Le aziende devono inoltre rivelare, in modo trasparente, i Paesi e i produttori dai quali si riforniscono di materie prime. Non solo, devono impegnarsi a pubblicare valutazioni sulle conseguenze che la produzione dello zucchero ha sulle comunità locali. E, infine, usare il proprio potere per spingere i governi e, più in generale, l’industria alimentare a rispettare i diritti sulla terra.

(Foto: Hannes Grobe, AWI)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here