uccelli in via di estinzione

Una specie di uccelli su cinque in Europa è in via di estinzione

Esclusivo: il rapporto sulla “lista rossa” rileva che il 30% delle specie di uccelli autoctone è in declino a causa della perdita di habitat, dell’agricoltura intensiva e della crisi climatica.

Dalle Azzorre a ovest agli Urali a est, gli uccelli che sono stati la pietra angolare degli ecosistemi europei stanno scomparendo, secondo l’analisi di BirdLife International, che si basa sull’osservazione di 544 specie di uccelli autoctoni. Tre specie si sono estinte a livello regionale in Europa dall’ultimo rapporto nel 2015:

  • il cirripede Pallas
  • la quaglia comune
  • lo strillozzo del pino

In totale, il 30% delle specie valutate mostra un calo demografico, secondo le osservazioni di migliaia di esperti e volontari che lavorano in 54 paesi e territori. A livello europeo, il 13% degli uccelli è in pericolo di estinzione e il 6% in più è quasi minacciato. “I risultati sono allarmanti, ma non siamo sorpresi”, ha affermato Anna Staneva, direttore ad interim della conservazione per BirdLife Europa e Asia centrale.

Le tendenze chiave riprendono i risultati dei tre precedenti post della Lista Rossa , nel 1994, 2004 e 2015, che mostrano cali che continuano senza sosta. I dati si basano su milioni di osservazioni fatte dal 1980. “Il tempo sta per scadere, il tempo stringe. Non vogliamo vedere i drammatici cambiamenti a cui stiamo assistendo nei prossimi cinque o 10 anni “, ha detto Staneva.

I risultati, raccolti nel 2019, si basano sulle categorie e sui criteri della lista rossa IUCN applicati a livello regionale. Confermano le conclusioni del rapporto sullo  stato della natura nel rapporto UE 2013-2018  , che ha rilevato che solo un quarto delle specie ha un buono stato di conservazione. 

Le principali minacce alla specie

La perdita di habitat, l’agricoltura intensiva, l’eccessivo sfruttamento delle risorse, l’inquinamento e le pratiche forestali non sostenibili stanno guidando il declino, con la crisi climatica che è un fattore in crescita.

“Si tratta di minacce su larga scala che chiamiamo minacce sistemiche e sono molto legate al modo in cui funziona la nostra società e al modo in cui utilizziamo le risorse”, ha affermato Staneva. “È un segno che c’è qualcosa di molto sbagliato intorno a noi. Dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere, questo è il messaggio chiave che arriva dai nostri risultati.

Il rondone comune è quasi minacciato e le torri e i beccaccini sono ora considerati vulnerabili a causa del forte calo dal 2015, quando erano elencati come meno preoccupanti. Affinché le specie siano collocate nella categoria Quasi a rischio, la popolazione deve essere diminuita del 25% in tre generazioni. Quando i cali sono superiori al 30%, rientrano nella categoria dei minacciati.

Sfortunate sorprese

La Staneva ha detto che è stata una sorpresa vedere specie così famose in grossi guai. “Probabilmente ci sono molte cose che ognuno di noi può fare nella vita quotidiana per cambiare il modo in cui consumiamo le risorse naturali, ma ovviamente, come cittadini attivi, probabilmente la cosa più importante che possiamo fare è chiedere ai nostri politici di agire. “, ha detto. 

Una specie è estinta a livello regionale se non è stata osservata in Europa per un periodo minimo di cinque anni. Da allora, due specie ritenute estinte nel 2015, il piviere del Caspio e la silvia del deserto asiatico, sono riapparse in Europa. Per oltre il 50% delle specie che vivono in habitat rocciosi, come scogliere interne e cime montuose, non ci sono ricerche sufficienti per tracciare tendenze precise della popolazione.

Tuttavia, non tutte sono cattive notizie

Il recupero del tarabuso, del ciuffolotto delle Azzorre e del grifone dimostra che azioni specifiche per il recupero della specie possono funzionare. Alcuni rapaci, come il nibbio reale, stanno meglio grazie al divieto di pesticidi come il DDT e alla protezione legale contro la persecuzione.

Alcune specie attualmente beneficiano di un clima più caldo. Il pungiglione dalla coda nera, ad esempio, è passato da vulnerabile a non minacciato dal 2015, e questo è probabilmente dovuto all’aumento delle temperature primaverili in Islanda, che ospita circa il 47% della popolazione europea. L’Atlante europeo degli uccelli da riproduzione (Ebba2) del 2020 ha mostrato che specie mediterranee come il gruccione europeo e la garzetta stanno arrivando nel Regno Unito e in altre aree del Nord Europa, principalmente a causa di inverni più miti.

Martin Harper, direttore regionale di BirdLife Europa e Asia centrale, ha affermato di sperare che il rapporto serva da catalizzatore affinché più persone e organizzazioni agiscano per proteggere gli uccelli europei. “I governi di tutta Europa devono tradurre la nuova ambizione globale di ripristinare la natura in obiettivi legali, sostenuti da politiche e finanziamenti adeguati”, ha affermato.

Creazione di aree protette

L’elenco più recente aiuterà a informare le azioni di conservazione sul campo e le politiche ambientali nazionali e internazionali. Le raccomandazioni del rapporto includono la creazione di una rete più ampia e meglio gestita di aree protette, in linea con l’obiettivo delle Nazioni Unite di proteggere il 30% della terra entro il 2030, con aree sostanziali sotto stretta protezione, come le aree marine protette di “Non cattura” e “non taglia alberi”, foreste.

Secondo il rapporto, i paesaggi ricchi di carbonio come le torbiere, le praterie e le foreste, che possono generare benefici per la biodiversità e il clima, dovrebbero avere la priorità e anche gli sforzi per catturare il carbonio dovrebbero aiutare la biodiversità. In termini di finanziamento, una raccomandazione chiave è porre fine ai sussidi perversi che danneggiano la natura e passare a una politica agricola che supporti un’agricoltura rispettosa della fauna selvatica.

LEGGI ANCHE:

Gufo delle Nevi, simbolo della fauna dell’Artico e di tutto il Pianeta in estinzione

Api: impollinazione fortemente a rischio estinzione negli Stati Uniti per la distruzione della natura

Palm Temple a Londra: l’opera d’arte che ci ricorda il problema dell’estinzione di specie animali ogni giorno

Nel 2015 Primavera senza rondini: -70% in 15 anni in Lombardia


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter