Scimpanzé e bonobo salutano con “ciao” e “arrivederci”, proprio come gli umani

Scimpanzé e bonobo si scambiano un segnale di “ciao” e “arrivederci” quando entrano ed escono dagli incontri sociali, secondo quanto dice un nuovo studio.

In altre parole, queste scimmie , che condividono circa il 99% del DNA umano , si salutano educatamente e si salutano a vicenda, proprio come fanno gli umani. Fino ad ora, questo comportamento non è stato mai documentato al di fuori della specie umana, hanno detto i ricercatori.

“I nostri risultati mostrano che due specie di grandi scimmie passano abitualmente attraverso lo stesso processo e le stesse fasi degli umani quando stabiliscono, eseguono e terminano azioni congiunte” di ciao e arrivederci, secondo lo studio, pubblicato online l’11 agosto sulla rivista iScience.

Certo, le scimmie non hanno semplicemente dato il loro equivalente di un “Cosa succede?” durante le visite sociali. Piuttosto, avevano una sfilza di segnali non verbali. Succede anche con gli umani. Ad esempio, quando le persone si avvicinano per interagire, spesso orientano i loro corpi l’uno verso l’altro, si guardano e mostrano l’intenzione di toccarsi, abbracciarsi o baciarsi prima di iniziare a parlare, hanno scritto i ricercatori nello studio. Quando si abbandona un’interazione, le persone spesso si allontanano l’una dall’altra.

Questi comportamenti equivalgono a un “impegno congiunto”, che è in parte un sentimento di obbligo che proviamo l’uno verso l’altro, ma anche un processo per stabilire un’interazione reciproca e concordare quando terminarlo, hanno detto i ricercatori.

Per determinare se scimpanzé e bonobo praticano questi comportamenti, i ricercatori hanno analizzato 1.242 interazioni delle scimmie negli zoo e hanno scoperto che questi primati spesso comunicano tra loro, spesso con gesti che includono guardarsi e toccarsi, tenersi per mano o sbattere le teste. prima e dopo incontri come la toelettatura o il gioco. Delle due specie, tuttavia, i bonobo erano sicuramente i più educati, si salutavano più spesso degli scimpanzé, hanno scoperto i ricercatori.

Gli scimpanzé usano i saluti “ciao” e “arrivederci”, proprio come gli umani

I ricercatori hanno scoperto che quando iniziavano un’interazione congiunta, i bonobo si scambiavano segnali di ingresso e sguardi reciproci nel 90% dei casi, mentre gli scimpanzé lo facevano nel 69% delle volte. Durante le partenze, i bonobo hanno anche superato gli scimpanzé, mostrando comportamenti di uscita il 92% delle volte, mentre gli scimpanzé lo hanno mostrato nell’86% delle interazioni.

Il team di ricerca ha anche studiato se questi comportamenti sono cambiati quando le scimmie hanno interagito con confidenti stretti. Hanno scoperto che più i bonobo erano vicini tra loro, più breve era la durata dei loro comportamenti di entrata e di uscita. Questo non è così diverso dal comportamento umano, ha affermato la ricercatrice capo dello studio Raphaela Heesen, ricercatrice post-dottorato nel dipartimento di psicologia della Durham University nel Regno Unito.

“Quando interagisci con un buon amico, è meno probabile che ti impegni a comunicare educatamente”, ha detto Heesen in una nota .

Al contrario, la durata dei comportamenti di entrata e di uscita degli scimpanzé “non è stata influenzata dalla forza del legame sociale”, hanno scritto i ricercatori nello studio. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che, rispetto alla società gerarchica degli scimpanzé, i bonobo sono in gran parte egualitari, socialmente tolleranti e enfatizzano le amicizie e le alleanze tra femmine e le relazioni madre-figlio, hanno detto i ricercatori. In quanto tale, ha senso che le relazioni sociali dei bonobo abbiano forti effetti sui loro “ciao” e “arrivederci”, hanno scritto i ricercatori nello studio.

Nel frattempo, hanno notato, non c’era alcun effetto significativo della differenza di rango sulla presenza di fasi di entrata o di uscita in nessuna delle specie di scimmie.

I risultati suggeriscono che forse un antenato comune di scimmie e umani ha praticato comportamenti simili, hanno detto i ricercatori. 

“Il comportamento non si fossilizza. Non puoi scavare ossa per vedere come si è evoluto il comportamento. Ma puoi studiare i nostri parenti viventi più stretti: grandi scimmie come scimpanzé e bonobo”, ha detto Heesen. “Anche se questo tipo di comunicazione è presente in altre specie sarà interessante da studiare in futuro”.

LEGGI ANCHE:

Incredibile: Vaccinazione covid iniziata per gli animali

Evoluzione della specie umana: Il Paradosso evolutivo con un tassello mancante

Gli scienziati avvertono: “In arrivo estinzione di massa tra mammiferi e primati”

Bobo il gorilla gentile e il suo nuovo amico, il bambino del bosco

Fonte: Livescience.com


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto