farfalla monarca

“Un motivo di preoccupazione”: le farfalle monarca diminuiscono del 26% all’anno

Le farfalle Monarca hanno avuto un brutto anno dopo che quattro volte più alberi sono stati persi a causa del disboscamento illegale e di condizioni climatiche estreme.

Il numero di farfalle monarca che hanno raggiunto i loro luoghi di riposo invernale nel Messico centrale è diminuito di circa il 26% quest’anno e quattro volte più alberi sono stati persi a causa di disboscamento illegale, siccità e altre cause, rendendo il 2020 un anno negativo per le farfalle.

La popolazione delle farfalle copriva solo 2,1 ettari (5,2 acri) nel 2020, rispetto ai 2,8 ettari (6,9 acri) dell’anno precedente e circa un terzo dei 6,05 ettari (14,95 acri) rilevati nel 2018, secondo i dati del governo.

Poiché i monarchi si raggruppano così densamente in pini e abeti, è più facile contarli per area piuttosto che per individui.

Gloria Tavera, direttrice regionale della Commissione messicana per le aree protette nazionali, ha accusato il calo di “condizioni climatiche estreme”, la perdita dell’habitat di euforbia negli Stati Uniti e in Canada da cui dipendono le farfalle e la deforestazione nei terreni di svernamento delle farfalle in Messico .

Il disboscamento illegale nei turni di svernamento dei monarchi è salito a quasi 13,4 ettari (33 acri), un enorme aumento dagli 0,43 ettari (1 acro) persi al disboscamento l’anno scorso.

Jorge Rickards del gruppo ambientalista del WWF ha riconosciuto che gli alberi perduti sono stati un duro colpo, ma ha detto che “il disboscamento è molto localizzato” in tre o quattro delle comunità montane che compongono la riserva delle farfalle.

Inoltre, le tempeste di vento, la siccità e l’abbattimento di alberi che erano caduti vittime di coleotteri o malattie, hanno causato la perdita di altri 6,9 ettari (17 acri) nella riserva, portando la perdita totale di foresta nel 2020 a 20,65 ettari (51 acri ). Ciò si confronta con una perdita complessiva di circa 5 ettari (12,3 acri) da tutte le cause dell’anno precedente.

Farfalle Monarca

Tavera ha detto che la siccità stava colpendo le farfalle stesse, così come i pini e gli abeti dove si raggruppano per il calore.

“La grave siccità che stiamo vivendo sta avendo effetti”, ha detto Tavera. “Tutte le foreste della riserva sono sotto stress idrico, le foreste sono secche”.

“Le farfalle stanno cercando l’acqua sui pendii più bassi, vicino alle case”, ha osservato.

Tavera ha anche espresso preoccupazione per le violente tempeste invernali in Texas, che le farfalle dovranno attraversare – e nutrire e deporre le uova – sulla via del ritorno alle loro case estive del nord nei prossimi mesi.

“Questo è motivo di preoccupazione”, ha detto Tavera, riferendosi al fatto che i monarchi troveranno abbastanza cibo e habitat dopo il gelo invernale.

È stata una brutta annata anche per le comunità di contadini di montagna che dipendono per una parte del loro reddito dai turisti che visitano le riserve. A causa della pandemia di coronavirus, le visite sono diminuite da circa 490.000 l’anno scorso, a solo 80.000 nella stagione 2020-21.

Non è chiaro se il calo delle entrate turistiche abbia contribuito all’aumento del disboscamento. Rickards ha detto che c’è stata a lungo la pressione sulle foreste della zona da parte di persone che vogliono aprire terreni per piantare colture.

Felipe Martínez Meza, direttore della riserva delle farfalle, ha detto che ci sono stati tentativi di piantare frutteti di avocado – un raccolto estremamente redditizio per gli agricoltori della zona – nelle zone cuscinetto intorno alla riserva.

Le vette delle alte montagne dove le farfalle si raggruppano sugli alberi sono probabilmente un po ‘al di sopra dell’altitudine in cui gli alberi di avocado amano crescere, ha detto Martinez Meza. Ma le zone cuscinetto forniscono protezione e supporto per le aree più alte, e ha detto che occorre fare di più per combattere il cambiamento nell’uso del suolo.

Spesso, il disboscamento illegale viene effettuato da estranei o bande organizzate, e non dalle comunità agricole che tecnicamente possiedono la terra.

Milioni di monarchi migrano ogni anno dagli Stati Uniti e dal Canada verso le foreste a ovest della capitale del Messico. Le farfalle hanno raggiunto un minimo di soli 0,67 ettari (1,66 acri) nel 2013-14.

La perdita di habitat, in particolare l’asclepiade dove i monarchi depongono le uova, l’uso di pesticidi ed erbicidi, nonché la crisi climatica, rappresentano tutti una minaccia per la migrazione della specie.

farfalle monarca


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto