elefante

Ogni 25 minuti muore un elefante. Entro 20 anni si estingueranno.

La popolazione di elefanti africani è diminuita del 70% in 40 anni. Un elefante muore ogni 25 minuti, massacrato per le sue difese, che alimentano il redditizio commercio di avorio. Di questo passo, la specie si estinguerà tra 20 anni. Questa è la notizia scioccante lanciata dal WWF che organizza una campagna di raccolta fondi per combattere il bracconaggio e proteggere l’habitat degli elefanti.

I bracconieri di avorio hanno i giorni contati: ecco l’arma segreta per sconfiggerli

Un massacro organizzato

Nel 2040, l’ elefante africano sperimenterà lo stesso destino del suo antenato il mammut. Per vedere l’animale, i bambini dovranno andare al museo. Questo scenario può sembrare incredibile e tuttavia diventerà realtà se non agiremo urgentemente per salvare la specie. La popolazione di elefanti africani è diminuita del 70% dal 1980. Ogni anno 20.000 elefanti vengono uccisi per alimentare il commercio illegale di avorio. Le difese dell’animale si trasformano in oggetti di decorazione o rimedi alle cosiddette “virtù terapeutiche”. Dietro i bracconieri ci sono potenti reti criminali organizzate che mescolano corruzione, riciclaggio di denaro e omicidi. I trafficanti non si fermano davanti a nulla per ottenere oro bianco …

La Cina distrugge 6 tonnellate d’avorio illegale. WWF: ora tocca all’Italia

Pauwel De Wachter, coordinatore del WWF per l’Africa occidentale: “I bracconieri usano generalmente kalashnikov o frecce avvelenate. Queste armi fanno del male all’animale ma non lo uccidono immediatamente. Una volta che l’elefante è a terra, i bracconieri hanno tagliato i suoi tendini per immobilizzarlo, condannandolo a una morte dolorosa. In modo che l’elefante si svuoti più rapidamente del suo sangue, gli hanno tagliato il tronco. Ogni anno, un centinaio di ranger perdono la vita sotto i proiettili dei bracconieri. Il traffico di animali selvatici è una delle più grandi rotte di traffico criminale al mondo dietro il traffico di stupefacenti, il traffico di esseri umani e la contraffazione. Pesa oltre 150 miliardi di dollari all’anno.

Il Belgio e il traffico di Avorio

A causa della sua posizione geografica centrale e della sua storia coloniale, il Belgio è un hub per il traffico illegale di avorio. Tra il 2007 e il 2016, i doganieri belgi hanno sequestrato 3.616 prodotti in avorio. Questi provengono principalmente dall’Africa centrale e dall’Africa occidentale. Molti di loro transitano attraverso l’aeroporto di Bruxelles e hanno la Cina come destinazione finale.

Elefanti: pilastro essenziale per il deserto

L’elefante non è solo una specie bella e impressionante, ma svolge anche un ruolo molto importante nell’ecosistema. Gli scienziati osservano che la biodiversità delle piante sta diminuendo drasticamente nell’Africa occidentale, principalmente a causa dell’estinzione locale dell’elefante della foresta. L’animale è un importante distributore di fertilizzanti nelle foreste tropicali. La scomparsa dell’elefante rende queste foreste meno resistenti alle altre minacce come la siccità. 

Salvarli ora si può!!

La protezione della biodiversità e degli elefanti africani è una priorità per il WWF. L’estinzione della specie non è inevitabile ma dobbiamo agire subito! Il WWF sostiene progetti in Malawi e Zambia per combattere il bracconaggio , rafforzare le aree protette in cui vivono gli elefanti e sensibilizzare all’importanza della sopravvivenza della specie. Il WWF sta inoltre lottando per un controllo più rigoroso dei prodotti provenienti dal commercio illegale di animali selvatici nei paesi di transito (incluso il Belgio). Grazie alle donazioni, abbiamo già salvato centinaia di elefanti negli ultimi anni. Ad esempio, 217 elefanti sono stati reintrodotti nel Majete National Park nel Malawi . In Zambia abbiamo finito il bracconaggio nel Silowana Park. Non ci sono più state uccisioni di elefanti in quest’area dal 2017. Esistono misure anti-bracconaggio e il WWF ha bisogno del tuo aiuto per finanziarle. Insieme, possiamo salvare l’elefante!

avorio, bracconaggio, elefanti, estinzione


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto