Nelle banane ragni velenosi che portano all’asfissia

Acquistare frutta e verdura a km zero ha i suoi notevoli benefici oltre al vantaggio ambientale. Questo tipo di prodotto risulta essere positivo anche dal punto di vista economico, infatti acquistando direttamente il prodotto dal produttore, il prezzo risulta molto più basso rispetto a quello dei supermercati; praticamente non ci sono i costi aggiuntivi dovuti proprio al trasporto.

Ancora più conveniente viste le ultime notizie che ci arrivano dal web, relativamente al caso di una famiglia inglese che ha acquistato un casco di banane ad Hampton, città del sudovest londinese e all’interno della frutta centinaia di piccoli ragni vaganti hanno letteralmente infestato la casa. 
La scoperta è avvenuta quando la frutta era già dentro l’abitazione. Secondo gli esperti che hanno identificato gli aracnidi, si tratta di una specie brasiliana tra le più velenose al mondo, quella dei Brasilian Wandering. Controlli sono stati effettuati in tutta Europa, questi ragni, piccoli ed erranti, si nascondono nella frutta nel Centro e nel Sudamerica e hanno una predilezione per le banane. In questa stagione sono particolarmente aggressivi. Il loro morso può provocare gravi problemi respiratori, paralisi e asfissia.

Controlli sono scattati in tutta Europa e anche in Italia.

La frutta “malata” si può riconoscere per una sorta di muffa che si forma sulla buccia. La pericolosità dei ragni ha costretto Consi Taylor, 29 anni, il marito Richard, e i loro due bambini ad abbandonare la loro casa a Hampton, a sud-ovest di Londra. La famiglia ha alloggiato in hotel per giorni a spese del supermercato che ha anche pagato i lavori di disinfestazione della casa.

 

banane brasiliane, Brasilian Wandering, cibi a km zero, km zero, ragni banane, ragni velenosi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter

[newsletter_signup_form id=1]