salvare la tigre

La tigre è in estinzione, ma ci sono buone notizie: ecco i progetti di salvaguardia nel mondo

di Valentina Paolillo

Nel 2010 sembrava che per la tigre non ci fossero più speranze. Il disboscamento e le bonifiche avevano eliminato il 95% dell’habitat del felino, portando il numero degli esemplari liberi in natura a 3.200. Un drammatico declino rispetto al secolo precedente, quando in Asia si stimavano circa 100.000 tigri.

A novembre 2010, allarmati da questo declino, i rappresentanti delle 13 nazioni che ospitano la tigre hanno deciso di fare qualcosa di concreto:

  • Bangladesh
  • Bhutan
  • Cambogia
  • Cina
  • India
  • Indonesia
  • Laos
  • Malaysia
  • Myanmar
  • Nepal
  • Russia
  • Thailandia
  • Vietnam

Questi paesi si sono riuniti a San Pietroburgo per un vertice straordinario, il primo a unire governi, finanziatori – come il governo degli Stati Uniti e la Banca Mondiale – e importanti ONG come il WWF, con un unico obiettivo : salvare la tigre. Il risultato è stato l’impegno a raddoppiare il numero delle tigri selvatiche entro il 2022 attraverso il progetto chiamato TX2.

La sfida: salvare le tigri

La sfida è davvero ardua, ma oggi diversi segnali mostrano come il trend di declino della popolazione di tigri abbia iniziato a invertirsi, con dati che indicano come il numero di tigri libere in natura si stia avvicinando ai 4.000 individui.

Al momento la nazione con il numero più alto di tigri è l’India che conta 2.967 esemplari. Di recente questo grande paese ha completato un’indagine con dati che mostrano come numerose popolazioni di questo felino nel paese potrebbero essere stabili o in crescita.

Il governo indiano è all’avanguardia negli investimenti per la conservazione delle tigri e questi sforzi stanno dando i loro frutti.

Leggi anche:

Gli scienziati avvertono: in arrivo estinzione di massa tra i primati

Pettirosso in via di estinzione: uccisi a migliaia per fare polenta e osei

Come i nativi americani stanno salvando i bisonti dall’estinzione

Perdere la tigre comporterebbe un grande squilibrio a livello ecosistemico, nonché un’ennesima ferita inferta al nostro pianeta. Anche altre nazioni aderenti al progetto grazie a opere di reintroduzione, in zone dove prima la tigre era scomparsa, e alla creazione di riserve naturali, stanno favorendo la stabilizzazione e lo sviluppo della specie.

TX2 al momento sta costituendo un valido supporto alla conservazione della tigre, che fa ben sperare l’intera comunità internazionale .


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto