caccia alle balene

Il Giappone riapre ufficialmente la caccia alle balene

Caccia alle balene: dopo oltre 30 anni il governo giapponese ha ripreso il 1° luglio la caccia per fini commerciali, dopo essere uscito formalmente dalla Commissione Baleniera Internazionale (IWC), 60 anni dopo l’adesione a quell’organizzazione.
La Corte Internazionale di Giustizia aveva recentemente riconosciuto che la caccia condotta dal Giappone nell’Antartide non aveva in realtà nulla di scientifico. Il paese riprende la caccia commerciale alle balene, limitando però le operazioni alle acque della Zona economica esclusiva del Paese.
Diverse imbarcazioni hanno preso il largo dal porto di Shimonoseki, nella prefettura a ovest di Yamaguchi, e dalla località di Kushiro, nell’Hokkaido, a nord dell’arcipelago.

Questa pratica barbara è stata messa al bando, almeno per scopi commerciali, sin dal 1986, da quando cioè l’IWC, impose ufficialmente una moratoria. Inutile dire che, purtroppo, alcune nazioni non rispettano totalmente il bando: la Norvegia e l’Islanda hanno proseguito la caccia, pur autoimponendosi dei limiti precisi. Anche la Russia si è opposta alla moratoria, ma non ha esercitato la caccia dopo l’approvazione.

Sulla carta, il Giappone ha rispettato il bando, ma in realtà ha continuato a mettere in pratica la caccia alle balene a causa di un “buco” nella normativa approvata dell’86. Il bando infatti, non prevedeva proibizioni per la cattura e l’uccisione di balene di taglia grossa o media, purché fosse effettuata per fini scientifici.

Una scappatoia che ha permesso alla nazione di proseguire indisturbata nella caccia a fini commerciali, fino a poco tempo fa: Leigh Henry, una delle dirigenti del WWF, ha spiegato che il Giappone è stato finora l’unico Stato a condurre la caccia alle balene in acque internazionali, incluso un santuario dei cetacei posto al largo della costa dell’Antartide.

Le balene sono ritenute sempre più cruciali per il ruolo che hanno negli ecosistemi oceanici e il whale watching cresce ovunque nel mondo, mentre il consumo di carne di balena continua a declinare. È una caccia insensata: questi splendidi animali sono già a rischio per via dell’inquinamento, la pesca eccessiva e i cambiamenti climatici.

baleniere, balenottere minori antartiche, caccia alle balene, Giappone, Shinzō Abe


Agnese Tondelli

La mia passione è sempre stata l'arte di creare con poco, e di riutilizzare le risorse per formare oggetti di nuova utilità. Per questo troverete numerosi articoli che riguardano il riciclo creativo e piccoli tutorial su come svolgere piccoli e grandi lavori domestici. Sono anche una mamma premurosa e mi piace dare dei consigli per vivere questo aspetto della nostra vita nel modo più naturale e sicuro possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto