zero emissioni

Zero emissioni: il Regno Unito vieterà benzina e diesel entro il 2030

Mentre cerca di raggiungere l’obiettivo climatico a zero emissioni nette della Gran Bretagna, il primo ministro Boris Johnson ha affermato che la Gran Bretagna aumenterà il divieto di nuove auto e furgoni a benzina e diesel fino al 2030 e prevede 250.000 nuovi posti di lavoro come parte di una rivoluzione industriale verde.

Il signor Johnson sta cercando di dimostrare che il suo governo è sulla buona strada per mantenere le promesse del manifesto dopo alcuni giorni tumultuosi in cui è stato costretto a isolarsi da solo dopo essere entrato in contatto con qualcuno con COVID-19, e il suo consigliere più anziano, l’arch Brexiteer Dominic Cummings , è stato estromesso.

“Adesso è il momento di pianificare una ripresa ecologica con lavori altamente qualificati che diano alle persone la soddisfazione di sapere che stanno contribuendo a rendere il paese più pulito, più verde e più bello”, ha detto Johnson in una colonna pubblicata sul quotidiano Financial Times e riportato dall’agenzia di stampa Reuters.

L’anno scorso la Gran Bretagna è diventata il primo paese del G7 a fissare per legge un obiettivo di emissioni nette pari a zero entro il 2050, che richiederà cambiamenti all’ingrosso nei modi in cui i britannici viaggiano, consumano energia e mangiano.

Reuters riferisce che in totale il piano mobiliterà 12 miliardi di sterline di denaro pubblico, con un importo fino a tre volte superiore proveniente dal settore privato, e creerà e sosterrà 250.000 posti di lavoro verdi altamente qualificati entro il 2030, ha detto Johnson.

La nuova data per il divieto delle nuove auto a benzina e diesel è di cinque anni prima di una promessa del 2035 fatta dal signor Johnson a febbraio.

La vendita di auto e furgoni ibridi sarebbe vietata dal 2035 con il nuovo piano.

Reuters riporta che 200 milioni di sterline in più creerebbero cluster industriali che raccolgono tecnologia per catturare, immagazzinare e utilizzare le emissioni di anidride carbonica entro la metà degli anni ’20.

Altri due hub sono previsti entro il 2030, portando l’investimento totale nella tecnologia a 1 miliardo di sterline.

Zero emissioni: implemento energia eolica

Il signor Johnson, che ha promesso di aumentare l’energia eolica offshore della Gran Bretagna a 40 gigawatt (GW) entro il 2030 da circa 10 GW ora, ha promesso fino a 500 milioni di sterline per progetti che prevedono l’uso dell’idrogeno, compreso il riscaldamento domestico e la cucina.

Il governo aiuterebbe anche a sviluppare centrali nucleari di grandi e piccole dimensioni.

Il piano del signor Johnson è stato ampiamente accolto favorevolmente dall’industria.

“Fornisce un trampolino di lancio per le enormi opportunità di investimenti in tutto il Regno Unito e di posti di lavoro verdi che una vera economia a basse emissioni di carbonio può portare”, ha detto Josh Hardie, direttore ad interim della Confederation of British Industry, in una dichiarazione separata.

Strada a emissioni zero: Londra sarà pronta per il primo progetto nel Regno Unito del 2020

Come parte di uno sforzo continuo per ridurre le emissioni di gas serra, il Regno Unito vieterà le auto a benzina e diesel dal 2030. Originariamente questo divieto doveva essere implementato nel 2040. Ma ora, il primo ministro del paese, Boris Johnson, ha recentemente riferito che queste auto perderanno terreno prima del previsto.

Secondo quanto riportato dal Financial Times, il divieto sarà annunciato in un discorso sulla politica ambientale nei prossimi giorni. A quel punto, Johnson dovrebbe dettagliare “un elenco più ampio di iniziative verdi”.

A dicembre il Regno Unito ospiterà congiuntamente il Summit on Climate Ambition. Dove i leader mondiali presenteranno piani per ridurre le emissioni di carbonio e fissare obiettivi netti zero.

Nuove misure saranno annunciate a breve fino al raggiungimento degli obiettivi proposti di una cultura ed economia sostenibili nel Regno Unito.

energia alternativa, energia eolica, zero emissioni


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.