fbpx
vulcani piu pericolosi

I vulcani più pericolosi del pianeta

La parola “vulcano” deriva dal romano ” Vulcano “, dio del fuoco e creatore di armature e armi.  I vulcani sono un fenomeno della natura davvero affascinante. Si tratta, in linea di massima, di aperture nella superficie terrestre che si ergono a migliaia di metri di altezza e  compongono un paesaggio imponente. Questa bellezza è un’arma a doppio taglio perché, altrettanto attraenti, i vulcani possono essere estremamente pericolosi.

I vulcani fungono da condotti che collegano l’interno e l’esterno di un pianeta. Ma come si formano?

All’interno di queste strutture geologiche, normalmente situate tra i confini delle placche tettoniche della Terra, troviamo un materiale caratteristico,  magma  o roccia fusa fluida. Quando si verifica  un’eruzione , questo materiale viene proiettato verso la superficie grazie all’accumulo di una forte pressione interna. Parte del magma espulso si accumula attorno al cratere attraverso il quale è emerso, formando rilievi che danno origine a una montagna conica chiamata vulcano.

Il nostro pianeta ha circa 2.000 vulcani , sia attivi che inattivi, sparsi su tutta la Terra . I paesi con la più alta concentrazione sono Cile, Stati Uniti, Giappone e Indonesia. Tuttavia, oltre il nostro mondo possiamo trovare migliaia di altri vulcani in tutto il Sistema Solare. Questo è il caso di pianeti come Giove, Venere, Saturno e Marte. Il pianeta rosso , infatti, ospita il vulcano più grande del Sistema Solare, il Monte Olimpo (in onore della montagna greca), che ha più di 600 km di base e più di 27 km di altezza .

Nonostante i progressi scientifici e tecnologici, i vulcani rimangono un mistero per l’uomo. Per fortuna oggi esistono materiali in grado di prevedere una catastrofe e salvare così migliaia di vite. L’attuale minaccia vulcanica non è estrema, ma non siamo ancora del tutto al sicuro . Vivono con noi immersi in un sonno profondo, ma se si svegliano le conseguenze potrebbero essere catastrofiche. In questa galleria, vi presentiamo una raccolta dei vulcani più minacciosi.

vulcano giappone pericoloso

Vulcano Iwo Jima (Giappone)

Un team di ricercatori dell’Università di Manchester (Regno Unito) ha pubblicato l’elenco dei 10 vulcani più pericolosi del nostro pianeta . Sono passati 25 anni da quando è stata fatta un’enumerazione di queste caratteristiche, avvertendo della minaccia di alcuni vulcani che non vengono studiati o osservati come dovrebbero.

Al numero 1 della lista abbiamo il vulcano Iwo Jima in Giappone , dove l’isola è stata spinta fino a 17 metri sopra la superficie dell’oceano a causa della camera magmatica che cresce nella zona inferiore. Secondo gli esperti, l’eruzione del vulcano Iwo Jima provocherà uno tsunami alto circa 25 metri e colpirà il sud del Giappone e parte della Cina, comprese le città di Shanghai e Hong Kong.

vulcano giappone

Vulcano Chiltepe / Apoyeque (Nicaragua)

Nella lista stilata dagli scienziati dell’Università di Manchester, questo vulcano nicaraguense sarebbe al secondo posto per pericolo perché ha una reale possibilità di un’eruzione nei prossimi 100 anni. Managua, per la sua vicinanza e densità di popolazione, sarebbe la più colpita in caso di eruzione.

campo flegrei vulcani piu pericolosi

Vulcano dei Campi Flegrei (Italia)

Ci sono molte parti del mondo in cui il controllo dei vulcani è molto scarso, affermano gli scienziati dell’Università di Manchester che hanno prodotto questo elenco. Ed è preoccupante perché la maggior parte di questi vulcani si trova relativamente vicino alle aree popolate. Nel caso di Campei Flegrei o Campos Flégreos, una caldera nidificata larga 13 km, Napoli sarebbe la città più devastata da questo vulcano , e potrebbe raggiungere un milione di morti o più in caso di eruzione. È il terzo super vulcano in questa Top10.

vulcano monte aso

Vulcano Monte Aso (Giappone)

Situato al centro del Parco Nazionale di Aso Kujū, il Monte Aso misura 114 km di circonferenza e se eruttasse le città più colpite sarebbero Kumamoto e Nagasaki . È il quarto supervulcano della lista con il rischio di uccidere un milione o più di persone prima dell’eruzione , che potrebbe avvenire nei prossimi 100 anni.

Cintura vulcanica transmessicana (Messico)

Cintura vulcanica transmessicana (Messico)

Costituisce un’area che si estende per circa 920 km. Molte delle valli di quest’area sono in via di emergere . Nonostante il fatto che la maggiore attività vulcanica nella fascia vulcanica transmessicana si sia manifestata nel Plio-Quaternario, gli scienziati dell’Università di Manchester che hanno preparato lo studio, sottolineano che si tratta del quinto vulcano a rischio di eruttare nel prossimo anni e che avrebbe colpito in modo devastante Città del Messico, Pueblo, Toluca.

LEGGI ANCHE: Geotermica: il Cile produrrà energia pulita con i suoi vulcani

vulcani piu pericolosi

Vulcano Gunung Agung (Indonesia)

Il vulcano Mount Agung è il punto più alto dell’isola indonesiana di Bali ed è anche attivo. Ha un cratere ampio e abbastanza profondo che occasionalmente emette fumo e cenere. È classificato # 6 tra i 10 vulcani più pericolosi della Terra. Se il vulcano dovesse eruttare (una possibilità plausibile nei prossimi 100 anni), Bali risulterebbe devastata e con centinaia di migliaia di morti .

Monte Camerun Mongo ma Ndemi

Monte Camerun (o Mongo ma Ndemi) (Camerun)

È uno dei vulcani più alti dell’Africa con un’altitudine di 4.095 metri sul livello del mare . Questo vulcano attivo, come il resto della lista, rappresenta una grave minaccia per la stabilità regionale e globale in caso di eruzione. Le zone a rischio sarebbero, soprattutto, Buea e Douala.

vulcano taal

Vulcano Taal (Filippine)

Situata sulla costa occidentale dell’isola di Luzon, nelle Filippine, l’isola vulcanica ha un lago chiamato Crater Lake; All’interno del lago c’è un’altra isola vulcanica, chiamata Vulcan Point, che è anche l’isola più grande del mondo all’interno di un lago su un’isola all’interno di un lago . In caso di eruzione, Manila , la capitale delle Filippine, sarebbe la zona più a rischio.

vulcano mayon filippine

Vulcano Mayon (Filippine)

È uno dei vulcani più attivi delle Filippine accanto al vulcano Taal. Situata a nord della città di Legazpi, questa città è la più minacciata. Mayon è al nono posto della lista. “Vogliamo sensibilizzare sul fatto che ci sono molti vulcani che potrebbero eruttare e che non vengono adeguatamente monitorati. Si spera che le persone che vivono vicino ai vulcani in questo elenco ottengano più aiuto per prepararsi a un’eruzione “, spiega Henrik Loven, coautore dell’elenco dei vulcani.

vulcano piu pericoloso

Vulcano Gunung Kelud (Indonesia)

Questo stratovulcano situato sull’isola di Giava, in Indonesia, è noto per le grandi eruzioni esplosive che si sono sviluppate nel corso della storia dell’umanità. Ci sono già state più di 30 eruzioni (nel 2014 l’ultima) e gli esperti di vulcanismo dell’Università di Manchester affermano che potrebbe eruttare nei prossimi 100 anni. La città più a rischio se ciò accade è Malang .

Tutti i vulcani inclusi nell’elenco sono stati analizzati individualmente sul sito web collaborato dello studio Volcano Cafe .

Vulcano Bardarbunga (Islanda)

Vulcano Bardarbunga (Islanda)

È il vulcano più grande d’Islanda e si trova a 2.009 metri sul livello del mare. Le sue ultime registrazioni sismiche annunciano un’eruzione imminente, poiché la sua pressione è in continuo aumento. I segnali sono iniziati nel 2015, dopo la sua ultima eruzione un anno prima.

Vulcano Monte Merapi (Indonesia)

Monte Merapi (Indonesia)

È classificato come stratovulcano , cioè si è formato da altre colate laviche espulse anni fa. Merapi, o come sarebbe tradotto, “Montagna di fuoco” misura più di 2.900 metri di altezza ed è uno dei vulcani più studiati del pianeta . Di solito sperimenta grandi eruzioni esplosive con una frequenza da 10 a 15 anni. Una delle esplosioni più gravi si è verificata nel 2010, quando più di 300 persone sono state uccise e centinaia di ettari sono stati distrutti. Questa eruzione è considerata una delle più importanti del 21° secolo e uno dei disastri naturali più gravi di tutta l’Indonesia.

Vulcano Katla (Islanda)

Vulcano Katla (Islanda)

Questo è un altro dei vulcani la cui eruzione è prevista in un futuro molto prossimo. Katla si trova nella piccola cittadina di Vik (Islanda) ed è considerato il vulcano più pericoloso di tutta l’Islanda . Katla è ricoperta dal quarto ghiacciaio più grande d’Islanda e in alcuni punti il ​​ghiaccio è spesso centinaia di metri. Quando scoppiò per l’ultima volta nel 1918, si estendeva lungo la costa meridionale dell’Islanda fino a cinque chilometri e lo scioglimento del ghiacciaio scatenò un torrente di acqua, fango e iceberg, che si dice fosse simile in volume all’Amazzonia.

Vulcano del Monte Nyiragongo

Monte Nyiragongo (Repubblica Democratica del Congo)

Negli ultimi 150 anni, il vulcano del Monte Nyiragongo, nella catena dei Monti Virunga, ha registrato più di 50 eruzioni. È uno dei vulcani più attivi al mondo ed è caratterizzato dall’ospitare uno dei laghi di lava più grandi e meno studiati del pianeta , con più di 200 metri di diametro. Nel 2002 il vulcano ha gettato oltre 11 milioni di metri cubi di lava nel centro di Goma, la città ai suoi piedi, dove ha distrutto 14.000 abitazioni e costretto alla fuga 350.000 persone.

vulcano Öræfajökull (Islanda)

vulcano Öræfajökull (Islanda)

Nel 2017 l’attività sismica della zona è notevolmente aumentata e, secondo i ricercatori, potrebbe aver risvegliato un vulcano inattivo da circa 210 anni . È la più alta in Islanda e anche una delle eruzioni più esplosive di quest’isola. I primi allarmi si sono verificati a giugno, quando il livello di attività sismica nell’area del vulcano ha iniziato ad aumentare. Ad agosto i terremoti si sono intensificati e il 3 ottobre si è verificato il più forte degli ultimi mesi, di magnitudo 3.4. Al momento, c’è un piano d’azione per evacuare la popolazione.

Vesuvio (Italia)

Vesuvio (Italia)

È uno dei vulcani più famosi, proprio a causa della sua ultima grande eruzione (nel 79 d.C.), che seppellì completamente la città di Pompei . Il vulcano alto 1.281 metri si trova nel Golfo di Napoli (Italia). Gli scienziati ritengono che la prossima eruzione, come quella del 79 d.C., sarà un’eruzione “pliniana”, il che significa che potrebbe contenere ceneri volanti e rocce che raggiungeranno velocità di circa 160 km all’ora. A causa della sua vicinanza a Napoli, e del gran numero di persone che vivono nelle vicinanze, un’eruzione potrebbe mettere a rischio più di 3 milioni di residenti .

LEGGI ANCHE: Le imminenti eruzioni dell’Etna sono previste da un sistema unico al mondo che avverte il governo italiano

Vulcano Sakurajima (Giappone)

Vulcano Sakurajima (Giappone)

Sakurajima è uno dei vulcani più attivi del Paese e secondo gli esperti si prevede che esploderà nei prossimi 20 anni . Studi dell’Università di Bristol e di Exester, nonché del Sakurajima Volcano Research Center in Giappone, ritengono che l’accumulo di magma potrebbe innescare un’eruzione simile a quella avvenuta nel 1914. Quell’anno morirono 58 persone e la città di Kagoshima, che ospita circa 600.000 persone, ha subito inondazioni e danni.

leggi anche: Le 17 città più belle d’Europa da visitare al prossimo viaggio


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter