Home Ambiente Virus Zika: gli USA uccidono milioni di api per debellarlo

Virus Zika: gli USA uccidono milioni di api per debellarlo

545
0
CONDIVIDI
Vogliono debellare il virus zika, ma nel farlo uccidono milioni di api. Succede in Sud Carolina

Un’insetticida spruzzato in aria per contrastare la diffusione del virus Zika ha ucciso milioni di api da miele nel Sud Carolina.

Per contrastare il virus Zika, negli Stati Uniti hanno ucciso milioni e milioni di api da miele. Non c’è pace per questi imenotteri, responsabili dell’impollinazione e quindi della vita di tutte le creature viventi sulla terra.

Qualche giorno fa, in Sud Carolina, le autorità locali della Contea di Dorchester hanno pensato bene di spruzzare dell’insetticida su persone, terreni e animali. Il loro obiettivo era distruggere le zanzare portatrici del virus Zika. Peccato che per cercare di arginare il problema, abbiano completamente devastato gli alveari dell’area. Tutto è successo tra le 6:30 e le 8:30 di domenica 28 agosto.

Il pesticida utilizzato era il Naled, che in Europa è proibito perché il suo uso comporta rischi troppo elevati. Con questo atto, la Contea di Dorchester voleva porre un freno alla diffusione delle zanzare. Sono stati quattro i casi di virus Zika rilevati negli ultimi mesi nell’area.

Milioni di vite distrutte

Sabato (27 agosto, ndr) eravamo contenti e pieni di energia. C’erano milioni di api che si nutrivano, impollinavano e producevano miele per l’inverno. Oggi, c’è solo puzza di morte“. Sono le devastanti parole di Juanita Stanley, una apicoltrice locale pesantemente colpita dal Naled. Secondo le prime stime, sarebbero più di tre milioni gli esemplari uccisi. “Vermi e altri insetti si infilano nelle arnie e mangiano il miele e le api appena nate. Mi si spezza il cuore“.




E la mattanza non si è fermata. “Le api che non sono morte sul colpo, sono state avvelenate mentre cercavano di tirar fuori le api morte. Ora dovrò distruggere i miei alveari, il miele, tutti i miei strumenti. È tutto contaminato”, racconta ancora Juanita.

Un video realizzato da AJ+ (Al Jazeera network), mostra alcune immagini delle povere api devastate dall’insetticida. All’interno si sente anche la voce di Juanita, spezzata dal pianto. Lo trovate a questo link:
https://www.facebook.com/ajplusenglish/videos/790986051042904/

Un errore di notifica

A quanto pare lo sterminio è dovuto a un errore umano. Uno degli impiegati della contea non avrebbe notificato a Miss Stanley il programma di spruzzamento previsto per quella mattina. Se fosse stata avvisata, avrebbe potuto proteggere le api. Un problema che ha riguardato anche alcuni apicoltori amatoriali della zona. Gli ufficiali della Contea hanno chiesto scusa, ma questo non riporterà indietro le api. Né restituirà a Juanita la sua fonte di sostentamento.

È possibile fare una donazione alla Flowertown Bee Farm and Supplies, l’azienda di Juanita, su GoFoundMe.La campagna è nata per raccogliere fondi per informare e sensibilizzare colleghi, istituzioni e semplici cittadini sul problema. Perché questo non accada mai più.

FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.