fbpx
uccelli migratori

Uccelli migratori disperdono le piante nella direzione sbagliata a causa del cambiamento climatico

Gli uccelli migratori aiutano a diffondere i semi delle piante su lunghe distanze, ma la maggior parte degli alberi e degli arbusti europei sono sparsi a latitudini più calde a sud, che presto subiranno ulteriori aumenti di temperatura a causa della crisi climatica.

Un esempio di uccelli migratori è la Capinera ( Sylvia atricapilla ) che mangia frutti di corniolo ( Cornus sanguinea ). Il corniolo ha un breve periodo di fruttificazione in autunno, quando i capirota migrano verso sud e quindi hanno il potenziale per disperdere i semi a lunghe distanze fino a latitudini più calde.

Le piante  e gli  uccelli migratori , soprattutto quelli frugivori che si nutrono di frutti carnosi, mantengono un rapporto di  mutuo beneficio . Mentre le verdure nutrono la loro polpa agli uccelli, questi ultimi spargono i loro semi ovunque viaggiano e dove le piante non arriverebbero mai da sole. 

La maggior parte delle specie vegetali in Europa che vengono disperse dagli uccelli migratori lo fanno quando migrano a latitudini più calde nel sud, il che è controproducente a causa del cambiamento climatico

“Quando non migrano, questi uccelli di solito diffondono i semi a decine o centinaia di metri, cioè su scala locale. Ma quando sono in migrazione, possono disperdere i semi per decine o addirittura centinaia di chilometri”, questo è quanto afferma Juan Pedro González-Varo , ricercatore del Dipartimento di Biologia dell’Università di Cadice. 

In uno scenario di  crisi climatica , molte specie di uccelli si stanno spostando verso latitudini più fredde, verso aree con climi più adeguati alla loro sopravvivenza. Ma, in questi processi di distribuzione e adattamento, le piante dipendono dalla dispersione dei semi a lunga distanza, che potrebbe essere compromessa. 

Lo rivela un nuovo studio condotto da González-Varo e pubblicato sulla rivista  Nature,  con la partecipazione di 18 ricercatori provenienti da 13 centri di ricerca europei. I risultati mostrano che la maggior parte delle specie vegetali in Europa disperse dagli uccelli migratori lo fanno principalmente quando migrano a latitudini più calde nel sud. Questo è controproducente per adattarsi agli attuali scenari di cambiamento climatico.

Secondo vari studi, la temperatura sulla Terra si sta muovendo a velocità che potrebbero superare i 100 km per decennio in alcune regioni. “Ciò significa che le temperature che sono attualmente caratteristiche di un determinato sito non si troveranno lì tra dieci anni, ma 100 km verso latitudini più fredde, verso nord nel nostro emisfero”, sottolinea González-Varo. 

Ma come risponderanno le specie di piante forestali europee a questo rapido riscaldamento globale attraverso la dispersione dei semi? “Se i semi viaggiano verso sud, stanno andando nella direzione sbagliata in termini di adattamento ai cambiamenti climatici”, afferma  Beatriz Rumeu , seconda autrice dello studio e anche ricercatrice presso l’Università di Cadice. 

La stragrande maggioranza (86%) delle piante viene dispersa dagli uccelli quando migrano verso zone più calde in autunno.

“Da un punto di vista climatico, la dispersione verso nord implica la possibilità [per le piante] di raggiungere latitudini più fresche che saranno presto favorevoli a causa del cambiamento climatico. Al contrario, la dispersione verso sud implica la possibilità di andare a latitudini più calde che saranno ancora più calde in un prossimo futuro”, sottolinea lo scienziato al SINC. 

La ricerca mostra che solo un terzo delle piante forestali europee disperse dagli uccelli (35%) ha il potenziale per una dispersione a lunga distanza verso nord. “In altre parole, due terzi della specie potrebbero essere limitati in termini di dispersione”, chiarisce González-Varo. La stragrande maggioranza (86%) delle piante viene dispersa dagli uccelli quando migrano verso zone più calde in autunno. 

Il lavoro mostra che le piante che non hanno il potenziale di dispersione dei semi verso nord sono quelle che maturano i loro frutti in un breve lasso di tempo tra l’estate e l’autunno; ad esempio  caprifoglio ,  cerchietto  o molte specie di  ciliegi selvatici . 

“Al contrario, le piante con il maggior potenziale di dispersione verso le latitudini più fredde sono caratterizzate da una fruttificazione molto lunga, come avviene nei  ginepri ,  lentischi ,  mirto ,  olivo selvatico  o  agrifoglio , o da una fruttificazione molto tardiva, come avviene in l’  edera ”, precisa il ricercatore. 

Nel loro studio, il team di ricerca si è basato su reti di interazione pianta-uccello, ovvero su comunità di uccelli che consumano i frutti e disperdono i semi delle comunità vegetali. Le informazioni sul periodo di fruttificazione delle piante e sui flussi migratori degli uccelli sono state incorporate in queste reti per caratterizzare il potenziale di disseminazione dei semi a lunga distanza, sia a nord che a sud. 

Il lavoro è stato svolto in aree forestali situate in Portogallo, Spagna, Regno Unito, Germania, Italia e Polonia e ha incluso lo studio di 13 reti di dispersione dei semi che includevano 949 interazioni tra 46 specie di uccelli frugivori e 81 specie di piante. frutti carnosi provenienti dalle comunità forestali europee. 

Uccelli migratori che svernano nell’Europa meridionale

Gli uccelli che hanno il maggior potenziale per disperdere le piante europee verso latitudini più fredde sono le specie paleartiche, che non attraversano il Sahara durante la loro migrazione.  

Gli scienziati hanno determinato, inoltre, che, anche se tutti gli uccelli migratori in Europa migrate nella stessa direzione (da sud a nord in primavera e da nord a sud in autunno), quelli con il maggiore potenziale per disperdere gli stabilimenti europei di latitudini più fredde sono  le specie del Paleartico. , Che cioè quelli che non attraversano il Sahara durante la loro migrazione, ma svernano nell’Europa centrale e meridionale o nel Nord Africa. 

Queste specie sono, in generale, molto comuni e abbondanti nel continente europeo, come  pettirossi ,  capinere ,  merli , e varie specie di  tordi . “Sebbene si tratti di specie comuni, il potenziale di dispersione dei semi a nord ricade solo su una manciata di specie, alcune delle quali cacciate pesantemente nel bacino del Mediterraneo, sia legalmente che illegalmente”, spiega González-Varo. 

Il potenziale di dispersione in nuove aree potrebbe avere  conseguenze  sulla composizione delle foreste del futuro, dal momento che le diverse specie potrebbero non colonizzare ugualmente nuovi territori che consentano loro di far fronte all’aumento delle temperature.

“La limitazione nella dispersione potrebbe avere effetti al di là delle piante, dal momento che ogni specie vegetale è legata a un cast di specie di  erbivori ,  parassiti ,  agenti patogeni  e  impollinatori “, conclude lo scienziato per questa ricerca è la chiave per comprendere, fermare e mitigare le future perdite di biodiversità dovute al cambiamento climatico. 

cambiamento climatico, uccelli migratori


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter