tempeste magnetiche

Tempeste magnetiche: un blackout planetario non è finzione, ma realtà

Tempeste magnetiche: Ogni pochi giorni, il sole emette particelle caricate elettricamente, che si riversano sulla Terra in quello che
chiamiamo vento solare. E quando il vento solare incontra il campo magnetico terrestre, a volte si scatena
quella che chiamiamo… tempesta magnetica!

Cos’è una tempesta magnetica?

Il sole è la fonte di un vento solare di particelle caricate elettricamente. Le tempeste magnetiche sono
causate dall’interazione dinamica del sole e del suo vento solare con il campo magnetico terrestre. Ad alte
latitudini, le tempeste magnetiche ci regalano bellissime aurore. Ma le tempeste magnetiche possono
anche interferire con i sistemi tecnologici fondamentali per la sussistenza della civiltà moderna. In
particolare, intense tempeste magnetiche possono generare campi elettrici all’interno della Terra che
interferiscono con il funzionamento dei sistemi di rete elettrica.

Blackout: una possibilità reale

Le tempeste magnetiche possono interferire con i segnali satellitari, GPS e radio. Ma il loro effetto più grave
è creare campi elettrici all’interno della Terra. Questi campi elettrici hanno sciolto i trasformatori delle linee
elettriche e hanno persino causato il guasto di una rete elettrica in Canada, lasciando 6 milioni di persone
senza elettricità.
Di particolare interesse sono i campi elettrici indotti nell’interno della Terra. Durante intense tempeste
magnetiche, questi campi geoelettrici possono essere di forza sufficiente per guidare correnti incontrollate
nei sistemi di rete elettrica ad alta tensione, interferendo con il loro funzionamento e talvolta anche
causando blackout e danneggiando i trasformatori ad alta tensione.

Geologia e tempeste elettromagnetiche

Quanto una tempesta magnetica potrebbe influenzare la rete elettrica dipende dalla geologia. Le rocce
sedimentarie, come l’arenaria e il calcare, sono buoni conduttori. Nelle zone con questo tipo di rocce, le
correnti naturali tendono a rimanere nel terreno.
Ma le rocce ignee, come il granito, sono dei cattivi conduttori. Qui, i campi elettrici cercano percorsi più
conduttivi, che tendono ad essere reti create dall’uomo, come le reti elettriche, che potrebbero non essere
in grado di resistere a quella corrente “extra”.
Per aiutare le società di servizi pubblici a proteggersi da questi effetti, gli scienziati stanno combinando i
dati sulla conduttività del terreno con la storiografia delle tempeste magnetiche per produrre una mappa
concettuale del rischio geoelettrico.

1989: la leggendaria tempesta magnetica del Quebec


Lo chiamano “il giorno in cui il sole ha portato l’oscurità”. Il 13 marzo 1989, una potente espulsione di
massa coronale (CME) colpì il campo magnetico terrestre. Novanta secondi dopo, la rete elettrica di Hydro-
Québec fallì. Durante il blackout di 9 ore che seguì, milioni di abitanti del Quebec si trovarono senza luce o
calore.
“È stata la più grande tempesta geomagnetica dell’era spaziale”, afferma il dott. David Boteler, capo dello
Space Weather Group presso Natural Resources del Canada. “L’episodio del marzo 1989 ha rappresentato il
cosiddetto caso 0 a partire dal quale abbiamo potuto capire come l’attività solare può causare blackout”.
Sembra difficile da credere ora, ma nel 1989 poche persone si resero conto che le tempeste solari
avrebbero potuto far crollare le reti elettriche. Tuttavia, i campanelli d’allarme suonavano da più di un
secolo.

Nel settembre 1859, una tempesta simile colpì il campo magnetico terrestre, il famigerato “Evento di Carrington“, scatenando una tempesta due volte più forte di quella del marzo 1989. Le correnti elettriche
aumentarono attraverso i cavi del telegrafo dell’epoca vittoriana, in alcuni casi provocando scintille e
mettendo gli uffici del telegrafo a fuoco. Erano lo stesso tipo di correnti che avrebbero fatto crollare
l’Hydro-Québec più di un secolo dopo…

Leggi anche:

Il polo nord magnetico si sta spostando velocemente verso la Siberia, con gravi conseguenze

Progetto di Bill Gates mira a spruzzare polvere nell’atmosfera per oscurare il sole. Cosa potrebbe andare storto?

Ecco come finirà la vita sulla Terra secondo la Nasa

black out, tempeste magnetiche


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto