imballaggi di plastica

La Spagna vieta dal 2023 la vendita di frutta e verdura in contenitori di plastica

A partire dal 2023, il governo spagnolo vieterà l’uso di contenitori di plastica per avvolgere frutta e verdura nei piccoli negoziazioni e supercati.

Il provvedimento fa parte della bozza del Regio Decreto su imballaggi e rifiuti in cui sta lavorando il Ministero della Transizione Ecologica.

L’obiettivo è evitare l’uso eccessivo di imballaggi “monouso” inquinanti e promuovere pratiche responsabili e sostenibili.

Leggi anche—–>Un’quarto di tutte le sostanze chimiche utilizzate nella plastica si accumulano negli organismi e sono tossiche

Un esempio è consentire l’acquisto all’ingrosso, in questo caso le aziende devono consentire ai clienti di portare i propri contenitori riutilizzabili da riempire, anche se le condizioni di pulizia e idoneità saranno stabilite dalle aziende.

Mira inoltre a vietare la vendita di acqua in bottiglia per la quale è previsto l’obbligo per le amministrazioni di ” promuovere l’installazione di fontanelle di acqua potabile negli spazi pubblici ” e di utilizzare contenitori a rendere nel caso di altre bevande in bottiglia.

In questo modo, la Spagna sarebbe in sintonia con le raccomandazioni indicate dall’Unione Europea in termini di sostenibilità.

In particolare, i lotti di frutta e verdura di peso inferiore a 1.500 kg non possono essere confezionati, misura analoga che sarà attuata in Francia a partire dal prossimo anno.

Leggi anche—>Bonus antiplastica: contributo fino a 5mila euro per gli esercenti che abbandonano il packaging

L’obiettivo della campagna #DesnudaLaFruta è mettere fine a frutta e verdura imballate in plastica inutilmente, per questo, quando vediamo uno di questi alimenti, l’idea è di fotografarli con il cellulare e condividerli sui social network con il tag #DesnudaLaFruta, così verranno raccolti tutti i reclami presentati dai consumatori. Inoltre, puoi aggiungere in quale negozio è stata scattata la foto, invitare il negozio a evitare questo tipo di imballaggio, dare qualche parere e idee in modo che non entri così tanta plastica nel carrello.

contenitori di plastica


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto