fbpx
cora Ball

Una donna crea un prodotto che raccoglie le microfibre della lavatrice, così non raggiungono l’oceano

Microfibre della lavatrice: questo prodotto inventato è un elemento interessante realizzato con plastica riciclata, il cui design si ispira al funzionamento dei coralli nell’oceano.

Una donna crea un prodotto che intrappola le microfibre della lavatrice in modo che non raggiungano l’oceano. L’idea è di posizionarlo all’interno delle lavatrici, catturando così i piccoli fili che si staccano dai vestiti.

Rachel Miller è l’autruce di questa interessante invenzione che permette di intrappolare le microfibre che diversamente andrebbero ad inquinare i mari.

La sua idea era quella di creare una palla delle dimensioni di un’arancia. Inoltre, questo oggetto è realizzato in plastica riciclata. L’idea è di metterlo in lavatrice mentre è in funzione, tra i vestiti.

Le microfibre sono microplastiche derivanti per lo più dai vestiti . Sono facili da vedere, nell’acqua che esce dal processo di lavaggio . Sono come piccoli fili, che galleggiano e possono diventare accumuli di rifiuti.

Per intrappolare questi detriti, la palla di plastica creata da Rachel Miller ha dei pomelli rotondi che intrappolano le microfibre. È un oggetto di circa 4 pollici, che viene prodotto nella città del Vermont, negli Stati Uniti.

È un oggetto pensato per essere utilizzato in lunghi periodi di lavaggio . Per disegnarlo, la donna si è ispirata alla forma dei coralli.

Il nome dato a questa invenzione è: ” Cora Ball “. Proprio per la sua somiglianza con i coralli. Con il suo utilizzo si ottiene un interessante lavaggio ecologico . Succede che può anche essere messo nell’asciugatrice se necessario.

È interessante notare che accade che la Cora Ball possa essere pulita. Semplicemente, con un pennello, i frammenti che si aggrovigliano vengono rimossi. L’importante è che tali frammenti non raggiungano l’acqua di mare, dove sono molto problematici.

È importante indicare che supporta fino a 10 carichi della lavatrice. Pertanto, non devi pulirlo ogni momento. Inoltre, è un oggetto con una lunga vita utile che può durare per molti anni.

Le microfibre raggiungono i corpi idrici e colpiscono le specie che li abitano. Ad esempio, i pesci li mangiano e le alghe vengono contaminate. Tutto questo è qualcosa che dobbiamo controllare.

La verità è che il bucato è la causa di questa situazione con le microfibre. Pertanto, è necessario intraprendere azioni o pensare a idee come Cora Ball di Rachel Miller .

Cosa ne pensate di questa invenzione? Per ora ha poca diffusione; ma si spera che in men che non si dica tutti useranno una Cora Ball nelle loro lavatrici.

cora Ball, microplastiche


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter